Arena corteodi Redazione

A lato, l’articolo de L’Arena di ieri, 20/12/2015. Articolo anche sul Corriere di Verona, inserto del Corriere della Sera e servizi sui Tg locali.

A distanza di un anno dalla presentazione a Milano della grande alleanza delle “destre radicali” europee, sabato 19 Dicembre 2015 circa 600 militanti forzanovisti, supportati da esponenti del Circolo “Christus Rex”, hanno marciato lungo il centro di Verona per un’ Europa libera, indipendente e sovrana.

Libera dal giogo della NATO ed alleata della Russia, indipendente dagli USA e dai suoi storici alleati, sovrana in politica e battendo moneta propria, non a debito. Un’ Europa cristiana, che sappia bandire il gender e tutte le altre amenità contrarie alla legge naturale e alla legge divina.

Il Responsabile Nazionale di Christus Rex, Matteo Castagna ha guidato la delegazione del suo gruppo, che teneva uno striscione con la scritta: “NE’ USA, NE’ ISLAM  VIVA CRISTO RE!” nello sventolio di bandiere vandeane.

Nel corso di un’intervista durante il corteo, che ha attraversato tutto il centro cittadino, da Porta Palio a Castelvecchio, Corso Cavour, Ponte della Vittoria e Piazzale Cadorna, Castagna ha detto: “Siamo qui per dare opera di testimonianza. Noi vogliamo un’ Europa dei Popoli, unita innanzitutto nella Regalità Sociale di Nostro Signore Gesù Cristo. Se si riesce a porsi come fine la Restaurazione cattolica, nonostante migliaia di difficoltà, l’obiettivo si può raggiungere, con la Grazia di Dio. Occorrono “preghiera e azione”, evitando di aiutare per pavidità o debolezza chi vorrebbe ghettizzarci. Rischieremmo di diventare farisei o come i protestanti, che ritengono di salvarsi senza merito, ossia senza le opere”.

Di fronte al comando NATO di Via Roma, il corteo si è fermato, rivolgendo gli striscioni verso palazzo Carli e alcuni amici siriani hanno sostenuto una bandiera della Siria di Assad, accanto allo striscione di “Christus Rex”. Lì si è tenuto l’intervento di Roberto Fiore, segretario di Forza Nuova e di APF (Alleance for Peace and Freedom, che, in Europa, riunisce tutte le “deste radicali” in uno Statuto marcatamente di matrice cristiana) che ha posto l’accento su quali siano i nostri nemici, attaccando duramente gli Stati Uniti ed i suoi storici alleati, assieme alla politica di Ankara ed Erdogan come spiegato nei virgolettati de L’Arena qui accanto. Fiore ha sottolineato l’amicizia con la Russia e con la Siria. Simbolicamente, poi, la bandiera turca e quella americana sono state messe a terra e calpestate dai manifestanti.

“Christus Rex” davanti a Palazzo Carli, sede del comando NATO:

Foto CR