Bergoglio fuori controllo: ‘Chiesa non rivendica spazio privilegiato in bioetica’

 BIOETICA

Segnalazione Radio Spada

by jeannedarc

Estratto del discorso di oggi al Comitato Nazionale per la Bioetica. Grassettature e sottolineature nostre. Commenti superflui. [RS]:

Sono lieto di poter esprimere l’apprezzamento della Chiesa per il fatto che, da ormai oltre 25 anni, è istituito in Italia, presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Comitato Nazionale per la Bioetica. E’ noto a tutti quanto la Chiesa sia sensibile alle tematiche etiche, ma forse non a tutti è altrettanto chiaro che la Chiesa non rivendica alcuno spazio privilegiato in questo campo, anzi, è soddisfatta quando la coscienza civile, ai vari livelli, è in grado di riflettere, di discernere e di operare sulla base della libera e aperta razionalità e dei valori costitutivi della persona e della società. Infatti, proprio questa responsabile maturità civile è il segno che la semina del Vangelo – questa sì, rivelata e affidata alla Chiesa – ha portato frutto, riuscendo a promuovere la ricerca del vero e del bene e del bello nelle complesse questioni umane ed etiche.

Si tratta, in sostanza, di servire l’uomo, tutto l’uomo, tutti gli uomini e le donne, con particolare attenzione e cura – come è stato ricordato – per i soggetti più deboli e svantaggiati, che stentano a far sentire la loro voce, oppure non possono ancora, o non possono più, farla sentire. Su questo terreno la comunità ecclesiale e quella civile si incontrano e sono chiamate a collaborare, secondo le rispettive, distinte competenze.

jeannedarc | gennaio 28, 2016 alle 2:35 pm | Categorie: AttualitàCattolicesimo romano | URL:http://wp.me/p3Bugf-6ec

3 Risposte

  • Ma è ovvio: la Gerarchia ha supinamente accettato non la distinzione tra Dio e Cesare ma la loro separazione. Sicché Bergoglio trova naturale che su temi etici, che lo Stato si arroga illecitamente come proprio campo di azione – i diritti civili – la Chiesa debba starsene in silenzio. Viltà ed apostasia.

  • E’ logico: hanno voluto e benedetto lo stato laico. Ora devono tenerselo con tutte le conseguenze…

  • E semplicemente inaudito che un papa Vicario di Cristo in terra e del Cristo Re dei Re Creatore e Padrone di tutte le cose visibili e invisibili, rinunci a dare un giudizio e non solo, anche a combattere per una causa in favore ad una morale etica Cristiana. Bergoglio con questa dichiarazione pubblica ha rinunciato ai suoi doveri ( non è il solo caso ) di Papa Cattolico, è eretico e la Bolla di Paolo IV è chiarissima e ” Ad perpetuam rei memoriam “, quindi applicabile al vescovo di Roma Bergoglio da subito. Risolto il problema dei sedevacantisti . Conseguenza a Roma non abbiamo un Papa. Ora i Cardinali, Vescovi Cattolici ( sperando che ce ne siano, non molti ma certamente dei coraggiosi ce ne saranno ) eleggano finalmente un papa Cattolico. Forse ho semplificato un po troppo ma siamo stufi dopo cinquantanni di fatti dimostranti oltre ogni dubbio e con prove schiaccianti la ereticità , comportamenti e orientamenti di una gravità inaudita riferendosi alla Fede Cattolica che non ha pari in tutta la storia della Chiesa Cattolica Romana ( pur considerando più di 40 antipapi nella storia ) . Basta siamo stufi di sopportare, dateci finalmente un Papa Cattolico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *