Conosci questa storia? Anche tu ci puoi aiutare …

Elisa Anne Gomez

Conosci la drammatica storia di Elisa Gomez? A un certo punto nella sua vita, spinta dalle difficoltà economiche, ha commesso l’errore di “affitare il suo utero”.

“Mi sono offerta – ha affermato Elisa – come madre surrogata in un forum on line. Ho incontrato diverse coppie e ho deciso su una coppia gay. Sono stati meravigliosi al tempo e abbiamo deciso che avremmo usato i miei ovociti e il mio grembo per una maternità surrogata. Ho preso questa decisione in base ad un accordo che io sarei sempre stata la madre della mia bambina. La coppia mi ha pagato 8.000 dollari per dare vita a mia figlia e darla a loro.

Elisa, tuttavia, non si rendeva conto di aver preso una decisione di cui si sarebbe pentita per sempre: “Ho avuto la mia bambina e subito mi sono sentita legata a lei. Lei era mia figlia e io lo sapevo e sapevo che non potevo lasciarla andare, ma ero esausta e confusa”La bambina viene strappata dalla madre e la coppia gay lascia lo Stato. Il dolore che vive la Gomez nei giorni successivi al distacco dalla sua bambina è talmente forte che, ad oggi, ne ha un ricordo confuso. “Mi sentivo – ha proseguito la donna – come se la mia bambina fosse morta. Mi sentivo come se fossi un mero fantasma di me stessa. La coppia ha improvvisamente tagliato le comunicazioni e ha lasciato lo Stato senza darmi alcuna informazione. Ho contattato le autorità, ma sono stata trattata come se mia figlia non fosse mia …”.

ProVita ha portato questa drammatica testimonianza in Senato, proprio nel giorno in cui si cominciava a discutere in aula sulle unioni civili: infatti esse, attraverso il meccanismo della stepchild adoption per le coppie gay, favoriscono di fatto il mercato di bambini e lo sfruttamente di madri “surrogate” all’estero.

Le nostre attività in favore della famiglia e dei bambini, e quindi contro il ddl Cirinnà (con o senza adozioni), sono state (e saranno!) numerosissime e di grande importanza. Considerando soltanto le ultime settimane (leggi qui per maggiori dettagli sulle iniziative):

  • oltre alla testimonianza di Elisa Gomez, abbiamo portato in Senato recentemente, insieme al prof. Pino Noia, le testimonianze delle donne sfruttate per la vendita dei loro ovociti: altra faccia oscura del mercato degli uteri in affitto.
  • abbiamo pubblicato annunci sui maggiori quotidiani nazionali per sensibilizzare contro i mali delle adozioni gay e del ddl Cirinnà, e un appello al Papa perché intervenisse in difesa della famiglia.
  • abbiamo fatto girare un camion vela per Roma, con un grande manifesto sulle adozioni gay e la necessità di respingere il disegno sulle unioni civili.
  • abbiamo organizzato decine di convegni, compreso il tour di conferenze in numerose città italiane con Alexey Komov, rappresentante del World Congress of Families.
  • abbiamo promosso e sostenuto l’indimenticabile evento del Family Day del 30 gennaio.
  • abbiamo prodotto ben due video sulle unioni (in)civili, che spiegano in modo efficace perché sono ingiuste: hanno ottenuto in pochi giorni centinaia di migliaia di visualizzazioni su facebook! Puoi vedere uno al seguente link: https://www.youtube.com/watch?v=TGCt1TbJNiw

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *