Minacce “gaye” agli autori di UNISEX: “bruciamo il libro e gli autori in piazza!”

UNISEX

SABATO 27 FEBBRAIO 2016 ALLE 16.30 GIANLUCA MARLETTA PRESENTERA’ IL LIBRO “UNISEX” A VERONA PRESSO “TRADITIO” IN VIA GALVANI 31 (VR). DOVREMO CHIAMARE I POMPIERI?

di Gianluca Marletta

(www.gianlucamarletta.it/wordpress/) Bruciare i libri! Bruciare gli autori!

Bruciare! Bruciare!

Giuseppina Spisso – non esce vivo

Sono le ricorrenti “argomentazioni” che i militanti gay ed LGBT proferiscono all’indirizzo del nostro saggio UNISEX e di noi autori. Inutile ricercare una qualche “elaborazione cognitiva” più complessa: i militanti del progresso e della libertà non sembrano affatto capaci di strutturare un pensiero critico che vada al di la della reazione “di pancia”, della rabbia o dell’odio cieco e schiumante! A perpetua memoria per i posteri, qui di seguito una breve raccolta delle principali “chicche” postate in questi mesi sul web; e tu lettore non adirati inutilmente, solo prendine atto e poi “guarda e passa”.

Riccardo pas – bruciare il libro e i suoi creatori

La prima chicca che presentiamo data 1 settembre 2015 ed é a firma di Mariano Fusaro, noto esponente tollerante&rispettoso-delle-differenze dell’Arcigay di Napoli, che si impegna davanti a tutti gli uomini di buona volontà a “bruciare tutte le copie di Unisex che gli capiteranno per mano”.

 

Dalla stessa area geografia (provincia di Salerno), un’altra esponente del pensiero libero&democratico, tal Giuseppina Spisso, intima al sottoscritto (Gianluca Marletta) di “non mettere piede nella sua zona (sua di chi?) altrimenti non uscirà vivo”

Tal Riccardo Pas, dalle pagine di un gruppo “pro matrimoni gay”, si spinge ancora oltre e invita a bruciare non solo i libri maledetti ma, in un’impeto di zelo progressivo, anche i loro autori…

…La VAle – bruciarli in piazzamentre la più “mite” signorin* La Vale spinge solo a bruciare i libri (ma risparmia -forse?- noi autori). Troppa grazia, signorin*!

La raccolta é ben lungi dall’essere esauriente, ma noi non abbiamo tempo prezioso da perdere in queste cose. Se ci siamo decisi a pubblicare questi screenshot fra i molti altri é solo a testimonianza per chi li vedrà. Il volto più autentico dei magnifici&progressivi militanti delle “libertà” é questo ed é giusto saperlo. Per il resto, “non ti curar di lor ma guarda e passa”.

 

2 Risposte

  • Mica siamo più nel 1600 quando bruciare un libro poteva significare farlo sparire.

    Adesso i libri si ri-stampano in due giorni e se le culandre ne vogliono comprare 2-3000 copie per bruciarle ben vangano, così sovvenzionano economicamente autori ed editori, danno loro risonanza mediatica e pubblicità e sperperano i loro soldi e il loro tempo con lo squallore a cui sono abituati.

    Credo che gente del genere è così stupida che è bene stia dalla parte del finocchiame, anzi speriamo che aumentino.

    ahahahahahahahaha

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *