Senatore della Virginia: “Il terrorismo in Siria finanziato da Usa e alleati”

Risultati immagini per USA terrorismo in siriaSegnalazione di Raimondo Gatto

Netta la denuncia
del senatore americano i visita in Siria.

Arriva dal senato americano una voce
fuori dal coro.

Ricevuto a Damasco dal presidente siriano Bashar al-Assad, il senatore repubblicano della Virginia, Richard Black, non ha avuto alcuna remora nel condannare il proprio governo:

“I terroristi che agiscono in Siria contro il legittimo governo e contro il popolo siriano sono sostenuti dagli Stati Uniti e aiutati da Francia, Gran Bretagna, NATO, Unione Europea, e dagli stati
del Golfo. Uomini armati di tutto punto che stanno distruggendo la civiltà. Nel loro desiderio di rovesciare quella laica nazione libera in Medio Oriente che è la Siria, hanno causato distruzione e devastazione. Sono orgoglioso di essere qui con Assad, sarò la voce del popolo e del governo siriano negli Stati Uniti”.

Latakia, Siria
Terrorismo, Usa: tra settembre e febbraio uccisi 20 civili in Siria e Iraq. Parole pesantissime quelle del senatore Black, che ha sottolineato come la crisi in Siria sia stata progettata dai governi occidentali attraverso i propri servizi di intelligence.
Per il senatore americano, se la Siria fosse sconfitta dal terrorismo, ci sarebbero gravi ripercussioni in tutto il mondo, ma l’intervento della Federazione Russa ha ribaltato la situazione sul campo, considerato che la coalizione a guida Usa non aveva ottenuto alcun risultato.
Il senatore repubblicano, dopo una visita alle città di Palmira e Homs, si è recato nei campi profughi interni dove il governo siriano assiste gli sfollati dalle zone di guerra.

Leggi tutto: http://it.sputniknews.com/mondo/20160505/2616915/usa-terrorismo-siria-finanziamenti.html#ixzz47rhAvXtw

 

Una Risposta

  • Ogni tanto fa bene sentire una voce americana che non è amerikriminal ! Spero ardentemente che le sue parole si diffondano presto e molto negli Usa in modo da sbugiardare Obama e la sua adepta Clinton

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *