TOSI RINVIATO A GIUDIZIO PER CALUNNIA E DIFFAMAZIONE NEI CONFRONTI DI SIGFRIDO RANUCCI (REPORT) CON PROCESSO CHE INIZIERA’ IL 23 NOVEMBRE. DUE CONOSCENZE DELLA FAMOSA TRASMISSIONE, TORNANO ALLE CRONACHE, MENTRE L’AVVOCATO MICHELE CROCE PARLA DI SCOTTANTI RIVELAZIONI PER I PROSSIMI GIORNI…

Verona, rispuntano i Giardino: misure cautelari per estorsione e riciclaggio

 

Verona, rispuntano i Giardino: misure cautelari per estorsione e riciclaggio

Stagioni: 2016

Una brutta storia di estorsione nei confronti di un imprenditore, iniziata un anno fa con un terreno a Sommacampagna (Vr) pagato ma mai ceduto e finita con minacce ai familiari e con l’incendio del suo ufficio. Le indagini dei magistrati scaligeri, che riguardano anche il riciclaggio dei proventi, coinvolgono 25 persone, per 7 di loro sono scattate oggi le misure cautelari.

Due sono vecchie conoscenze di Report: si tratta di Alfonso e Francesco Giardino, componenti di una numerosa famiglia di costruttori, di origine crotonese ma da tempo residenti a Verona. Alcuni dei Giardino hanno sulle spalle reati di riciclaggio, rapina detenzione di stupefacenti, truffa e ricettazione. Alfonso, destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, risulta latitante. Per Francesco è stato disposto il solo obbligo di dimora nella città di residenza. Secondo quanto emerse dall’inchiesta “L’arena” di Sigfrido Ranucci del 7 aprile 2014 (qui sopra una clip), i Giardino avrebbero preso parte alle cene organizzate per la campagna elettorale di Flavio Tosi e del suo assessore di origine calabrese Marco Giorlo, e poi ai festeggiamenti per la vittoria.

Successivamente, nel febbraio 2015, nuovi elementi erano venuti alla luce da alcune intercettazioni dei Carabinieri, effettuate per un filone dell’inchiesta Aemilia e divulgate su organi di stampa, attorno all’ipotesi che i Giardino contassero sui rapporti con ambienti istituzionali veronesi per accaparrarsi diversi appalti.

Nella foto in questa pagina, tratta dall’inchiesta del 2014: ai festeggiamenti dell’assessore Giorlo (di spalle) per la vittoria elettorale si intravede un componente della famiglia Giardino (di profilo, a destra)

(24 giugno 2016) 

Fonte: http://www.report.rai.it/dl/Report/extra/ContentItem-f335cf2d-79df-42d5-855f-c2f6283f89e3.html