SODOMITI

VERONA E’ LA CITTA’ DI “ROMEO E GIULIETTA”, NON DI “GIULIETTO E GIULIETTO”

Il Circolo Cattolico “CHRISTUS REX” ha predisposto già oggi alle ore 17.45 un “Comitato di accoglienza” presso Porta Palio a Monica Cirinnà ed ai sinistri che lì l’hanno invitata ad intervenire domani, VENERDI 29 LUGLIO 2016 alle 17.45, per quello che nella locandina di invito chiamano “dialogo”, ma che, visti i relatori, sembra di più un “soviet” sulle unioni sedicenti civili e persino sulla possibilità di arrivare a legalizzare adozioni di bambini da parte di coppie sodomite. A loro piace tanto l’accoglienza indiscriminata e così abbiamo pensato che sarebbero rimasti delusi se non fossimo intervenuti a causa della calura estiva e del periodo vacanziero, per far capire, ancora una volta, che qui siamo a Verona!

Ne approfittiamo per lanciare loro a mezzo stampa, tramite questo comunicato, una proposta democratica: invitateci ad un contraddittorio civile, per un “dialogo” vero, e noi domani verremo, perché non è bello arrivare nella città di Romeo e Giulietta a parlare solo di “Giulietto e Giulietto” (e figli, eventualmente loro affidati) peraltro parlandovi addosso, tra gente tutta “omosex-friendly”. Shakespeare si sta già rivoltando nella tomba… accidenti!

Verona ha, purtroppo, un sindaco divenuto amico del Pd, che sarà tra i primi in Italia ad applicare la legge Cirinnà a due omosessuali. Ma moltissimi veronesi non sono d’accordo e, più in generale, non si sentono più rappresentati da chi si è trasformato, attraverso un’autentica “mutazione genetica” (in senso politico, si intende…) nel fratello di Alfano e nel cugino di Renzi.

Noi, almeno dal 2009, siamo tra questi veronesi, delusi e in aperta opposizione politico-amministrativa al tosismo. Sui temi etici abbiamo il diritto e il dovere, come cresimati, di protestare e difendere la Fede e la legge naturale. Intanto, lo facciamo con un eloquente striscione ai cancelli di Porta Palio:

“SODOMITI, GIU’ LE MANI DAI BAMBINI!!! NO ADOZIONI E DIRITTI (IN)CIVILI !!! Circolo CHRISTUS REX” . Inoltre:

1)  Rivolgiamo, sempre a mezzo stampa con questo comunicato, un appello a tutti i Cattolici di non votare alle Comunali del prossimo anni coloro che siano favorevoli, a parole o nei fatti, a qualsiasi tipo di politica omosessualista (in particolare “matrimoni” e adozioni agli omosex, gender nelle scuole).

2) Quanto a domani, vedremo comunque il da farsi, perché quello di oggi è un biglietto da visita.

Antonio Baldassarre, presidente emerito della Corte Costituzionale, ha affermato: «La sentenza n. 467 del 1991 della Consulta afferma una tutela della coscienza individuale quando sono in gioco valori morali importanti. La legge Cirinnà ha un carattere sostanziale per la nostra società. Pertanto ritengo che l’obiezione di coscienza possa essere esercitata da un pubblico ufficiale quando a questi sia richiesto di celebrare unioni civili tra due persone dello stesso sesso.». Del resto l’obiezione di coscienza, in italia, esiste anche per altri istituti sovversivi dell’ordine naturale, per cui siamo pronti a portare questa istanza davanti alla Corte Costituzionale, in quanto esigenza avvertita dalla coscienza di rispondere a leggi superiori: la legge naturale e la legge divina.

Quanto alla paventata facoltà di concedere con apposito istituto giuridico le adozioni di bambini a coppie dello stesso sesso ci sembrerebbe un’aberrazione giuridica che andrebbe a ledere qualsiasi principio naturale, il buon senso, ma anche a contraddire la scienza tradizionale: i figli hanno senza dubbio bisogno di una mamma e di un papà, non solo per nascere come la natura ha stabilito, ma anche per svilupparsi normalmente. A tal fine, saremo pronti ad alzare le barricate assieme a tutte le forze politiche e della società civile che hanno a cuore la salvaguardia dei veri diritti dei minori, di essere cresciuti ed educati da madre e padre perché “maschio e femmina Dio li creò” a tale scopo.

Il Responsabile Nazionale del Circolo CHRISTUS REX

Matteo Castagna