BERGOLLIO

di Franca Giansoldati

Città del Vaticano – Paolo VI non ci voleva mettere piede e persino Giovanni Paolo II aveva riserve, visto il braccio di ferro tra il Vaticano e l’Arabia Saudita che premeva per fare costruire a Roma un minareto più alto del cupolone di San Pietro. Di fatto la Grande Moschea progettata da Portoghesi – la più grande di tutta Europa – non è mai stata oggetto di una visita papale nonostante i reiterati inviti che sono stati inoltrati in passato. I tempi però sono cambiati e mai come adesso la Chiesa e l’Islam si trovano a far fronte ad uno stesso problema, l’estremismo islamico che miete vittime tanto tra i musulmani quanto tra i cristiani.

Così Papa Francesco – dopo un primo annuncio che prima o poi sarebbe andato – ha fatto inserire in agenda la visita per l’anno successivo, a Giubileo della Misericordia terminato, in una data ancora da destinarsi ma che probabilmente cadrà nelle prime settimane dell’anno nuovo. Altri Papi hanno già fatto visita ad una moschea. Il primo è stato Giovanni Paolo II a Damasco (Moschea di Omayyadi, 6 maggio 2001). Poi Papa Benedetto XVI che visitò in Turchia la Moschea Blu (30 novembre 2006) e Papa Francesco fece una visita al medesimo luogo nel 2014 mentre nel 2015 andò nella moschea centrale di Koudoukou, Repubblica Centrafricana.

Fonte: http://m.ilmessaggero.it/primopiano/articolo-1892969.html