Facebook ci spia, noi lo sappiamo e ce ne freghiamo

b0dedabb-0328-4303-8522-e5531bd52e8a_largeProPublica ha lanciato un tool che permette di sapere cosa Facebook sa di noi: genere, età, passioni, persino carta di credito. Quello che sconvolge, però, è la reazione degli utenti

Fonte: http://www.linkiesta.it/it/article/2016/10/06/facebook-ci-spia-noi-lo-sappiamo-e-ce-ne-freghiamo/31983/

6 Risposte

  • “…dei quasi due miliardi di utenti Facebook” !
    E’ incredibile quanti Fessbook ci sono che si consegnano mani e piedi al potere kazzaro-ebraico.

  • usando con intelligenza gli strumenti si riesce anche ad avere più metri quadri …

  • Bisogna vedere quale grado d’intelligenza sacrificare nel Panteon virtuale del nemico. Cosa sia frullabile, emulsionabile, banalizzabile oltre i nostri unici e irripetibili volti (facce book). Ci sono campi del nemico totalmente sterili, ingannevoli e pericolosi…

  • Da ex programmatore in molti linguaggi non posso che sentirmi offeso dal “diario delle facce” (facebook). Conoscendo il meccanismo dei programmi di riconoscimento facciale che ormai possono agire anche ad altezze satellitare, ho cercato più di una volta di mettere in guardia i miei conoscenti dal “mondo prostituente” dei social-network (non ci si prostituisce solo nel modo classico che si pensa comunemente), ma invano. Tutti connessi in un “luogo” nel quale non esiste discrezione e anonimato e i contenuti pubblicati non hanno alcun significato rispetto allo scopo del “gioco” che è solo quello di creare un enorme database facciale con più dati possibili sulle persone.
    Alcuni, di qualunque credo, pensano di poter fare del bene anche in questo campo virtuale…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *