L’Amministrazione Comunale veronese non è “capace e virtuosa” come vorrebbe Renzi…

Segnalazione di Verona Pulita

"Legramandi e il curriculum
taroccato"

“Legramandi e il curriculum taroccato”

Il Corriere del Veneto/Verona ha ripreso il nostro video in cui dimostriamo il falso nel curriculum di #Legramandi, che parla di “errore di trascrizione”

Leggi tutto.

---
"L'inchiesta di Verona Pulita" - Stefano
Legramandi

“L’inchiesta di Verona Pulita” – Stefano Legramandi

L’uomo è stato presidente di Amia Verona Spa e oggi è il vice di Andrea Miglioranzi: Stefano #Legramandi nel giro di una settimana è passato da un curriculum “liceale” ad uno “medio”. Un errore o qualcosa di più? Guardate cosa abbiamo scoperto…

Leggi tutto.

---
Fermiamo la privatizzazione della Fondazione
Arena

Fermiamo la privatizzazione della Fondazione Arena

Al fondo manca ancora qualche centimetro, fermiamoli prima che chiudano la #FondazioneArena con l’obiettivo di privatizzarla.

Leggi tutto.

---
"Arena declassata per demeriti artistici
grazie ai due Premi Nobel"

“Arena declassata per demeriti artistici grazie ai due Premi Nobel”

Michele Croce, candidato sindaco della lista civica “Verona Pulita”, commenta l’ennesimo taglio del Fondo unico per lo spettacolo ai danni della Fondazione Arena Verona – 8 ottobre 2016 – “La migliore analisi del taglio ai contributi alla Fondazione Arena l’ha fornita l’illustre soprano Cecilia Gasdia: prima commissariata per demeriti economici, ora declassata per demeriti artistici. Il più importante e nobile teatro …

Leggi tutto.

Una Risposta

  • Giacchieri un “gigante”? ma cosa scrive questo Michele Croce, non sa che il “gigante” ha sputtanato l’Arena nel mondo intero con l’Aida a Luxor nel 1987? Il commento più benevolo della stampa internazionale fu del “Le Figaro” francese : “Luxor: le massacre de Aida”. Il quotidiano veronese “l’Arena” gli dedicò un numero speciale, tutte le pagine piene di vignette che lo ridicolizzarono al massimo. Una vera ‘marcia trionfale’ ! Qualsiasi uomo, pardon, individuo, si sarebbe nascosto dalla vergogna. Ha perso anche l’opportunità di rappresentare l’Aida a Parigi per l’inaugurazione dello stadio di Bercy, 15.000 posti, a causa della sua arroganza
    (i palloncini gonfiati fanno così). Dopo aver fatto fare anticamera per 2 ore ai francesi venuti per proporgli quella grande occasione, e aver chiesto una cifra fuori di testa, lo hanno lasciato là dove era con la frase: “Merci Monsieur, on le fait nous même”. Fu un successo enorme per Vittorio Rossi che ne curò tutto l’allestimento, al punto che il Presidente Chirac lo onorò con una medaglia d’oro! Certo Croce ha 41 anni, nel 1987 aveva 12 anni, e forse dal curriculum del “gigante” queste gigantesche imprese di incapacità e imbecillità totale sono state sbianchettate. La ‘blasfemia’, è il caso di dirlo, risiede nel fatto che a Roma, una certa lobby, che oggi gode di leggi speciali in tutto il mondo e ha tanta ‘comprensione’ anche da parte di Bergoglio, ha messo un anno a rimpiazzare con una totale nullità, che non aveva la benché minima esperienza , il grandissimo Sovraintendente Cappelli, già in trattative per portare l’Aida alle piramidi del Cairo, ma che purtroppo morì improvvisamente. Giacchieri avrebbe dovuto continuare questo immane progetto, ma si comportò in modo tale che l’Ente lirico perse anche quella occasione. Così, senza sapere in cosa si stesse imbarcando, né curandosene più di tanto, pensò di rimediare ‘da solo’ andando a Luxor, con il risultato disastroso che ne seguì. Ma per la lobby questi fatti non contavano. La storia intera andrebbe tutta scritta e forse un giorno qualcuno la scriverà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *