Segnalazione di Nicola Pasqualato

Il mondo LGBT+ che ci accusa di squadrismo e di provare odio, deve anche spiegare dettagliatamente per quale categoria di persone e per quali comportamenti od atteggiamenti sia rivolto questo nostro odio, in modo tale da dichiarare a tutti verso chi, ma soprattutto verso che cosa, ci si possa accusare d’odio. Il motivo per cui non lo faranno mai è semplice e loro lo conoscono molto bene, e sanno pure che non c’è proprio nulla da difendere in quelle pratiche, omo-filiche, omo-erotiche e pedo-filiche che noi detestiamo e denunciamo.
Il velo lo ha tolto proprio Silvana De Mari, l’odio e la repulsione è verso le pratiche fisiologicamente malate e foriere di ragadi, fistole, infezioni e quant’altro di estremamente dannoso e mortale proprio per certe pratiche erotiche tanto promosse dal mondo LGBT+. Alla luce della clinica medica è ormai evidente che non ci possono essere ancora “difese intellettualmente oneste” a favore di queste queste pratiche. Ovvio che no. Ecco perché, si svela in questa fase storica la profonda malafede dell’atteggiamento omo-filiaco, omo erotico come tale. Lo si svela dopo decenni di costruzioni artificiose costruite sui castelli di carte sostenuti da espressioni linguistiche come “orientamenti sessuali alternativi” , classificazioni neuropsichiatriche di NON-malattia mentale, di NON-disordine del comportamento sessuale, in condizione mentali falsamente innate in alcuni, falsamente IRReversibili, falsamente corrispondente “all’ammmore”.

Ora tutto ciò crolla inesorabilmente di fronte alla VERITA’ e, come dice la De Mari: “Il re ormai è nudo”. Ora occorre impedire che arrivino a molestare i nostri figli coi loro progetti gender nelle scuole!!