Risultati immagini per isis deve scoppiare tutta l'italiaSegnalazione di Raimondo Gatto

Rapporto dell’intelligence su imam e detenuti radicalizzati La gioia dopo gli attentati in Europa: “Facciamoli fuori”

di Gian Micalessin

«Se dovesse passare un agente di custodia, una donna, un medico, questi non sono nulla davanti a Dio. L’agente di custodia è un cane infedele e
finirà all’inferno».

Sono le voci dell’odio. Voci che riecheggiano quotidianamente dietro le sbarre delle nostre prigioni. Incoraggiate da alcuni dei 148 sedicenti imam che predicano nelle carceri e vengono identificati nel documento segreto del Dipartimento amministrazione carceraria di cui il Giornale pubblica alcuni stralci. Ma quelle voci non sono vacue esternazioni.
Come spiega l’«Analisi di contesto e scenario 2016» sul fenomeno della radicalizzazione nelle carceri, quelle parole e quelle tesi servono a manipolare i detenuti musulmani «convincendoli a odiare coloro che professano altre fedi religiose».

Per capirlo ecco i passi di una «preghiera collettiva», citata nel documento, in cui un imam, ascoltato e registrato dal Nucleo Investigativo Centrale invita a denunciare i collaboratori delle forze dell’ordine e a mantenere atteggiamenti omertosi. «Chi collabora con le forze dell’ordine come informatore, devi raccontare quello che ha fatto. Mentre chi ruba, dice bugie, fa un omicidio, tu non devi andarlo a raccontare. Imparate a
non raccontare i fatti dei vostri fratelli». Lo stesso imam in un’altra parte della predica insegna a disprezzare la civiltà europea. «In tutta l’Europa non
c’è pudore né rispetto, è pieno di malattie e d’immoralità». Passaggi che gli analisti del Dap interpretano come «un chiaro esempio d’intolleranza per
qualsiasi religione che non sia quella musulmana», per far capire che «chiunque non sia seguace di questo culto è un miscredente, un alleato di Satana e pertanto un nemico di Dio».

La radicalizzazione passa insomma attraverso le prediche dell’odio disseminate da alcuni imam durante le preghiere quotidiane seguite dai 7.646 musulmani delle nostre galere. E per capire come le prediche dei cattivi maestri rischino d’ influenzare le menti degli 11mila detenuti provenienti da Paesi di religione musulmana ecco i passaggi dell’analisi del Dap, in cui un criminale comune spiega la progressiva adesione delle tesi dello
Stato Islamico. «In tale luogo il ristretto avrebbe conosciuto delle persone che lo ascoltavano e superavano l’afflizione della pena rivolgendosi a Dio. La fede li univa, e mentre lui cercava di rispondere in maniera sempre più solerte ai dettami del Corano, cresceva nel gruppo l’odio nei confronti dei loro carcerieri e di tutti quelli che mancavano nei loro doveri verso Dio. In questo momento sarebbe cambiata radicalmente la sua mentalità portandolo anche a pensare che chiunque non avesse rispettato la sharia avrebbe meritato la morte per decapitazione».

Atteggiamenti da cui scaturiscono le numerose manifestazioni di esultanza con cui, come ammette l’analisi del Dap, sono state salutate le stragi dell’Isis in Europa. «Il detenuto, a voce alta, a seguito degli attentati di Parigi dell’11 novembre 2015, pronunciava frasi quali: Li dobbiamo fare fuori tutti, noi siamo i più forti prima i francesi e poi anche gli italiani. E poi ancora: Adesso tocca agli italiani, simulando l’esplosione di colpi da arma da fuoco». Ma gli esempi citati dall’analisi del Dap non si fermano qui. «Nella sera del 22 marzo 2016 alcuni detenuti hanno esultato per l’attentato terroristico di Bruxelles. Gli stessi, infatti, venivano sorpresi in camera a festeggiare ballando e gridando je suis Paris, je suis Bruxelles.
Ascoltando il telegiornale che parla dei fatti di Parigi del 13 novembre 2015 il detenuto ha esultato con urla di gioia per oltre cinque minuti. Fonte
confidenziale riferivano che un detenuto, durante la visione in tv della notizia dell’accoltellamento di 8 persone in un centro commerciale inMinnesota
rivendicato dall’Isis, ha applaudito dicendo «ha fatto bene, Allah lo ricompenserà sicuramente. Se io fossi fuori farei una cosa peggiore al costo di
morire perché andrei in Paradiso». La stessa fonte riferiva che un altro detenuto nell’apprendere della bomba scoppiata a New York esultava con le mani, alzando la testa al cielo e dicendo «Deve scoppiare tutta l’Italia». Passi inquietanti che raccontano come, prima dell’Italia, rischiano di scoppiare le sue carceri.

Fonte: Il Giornale.it del 16 gennaio