OLTRAGGIO A CROCIFISSO: UDIENZA A VENEZIA 12-1-17

download-1di Pietro Guerini

Giovedì 12-1-17 , alle ore 12 , si terrà presso il Tribunale di Venezia , sito nella “Cittadella della Giustizia” , Santa Croce 430 , Piazzale Roma , Edificio 1 , l’udienza per il procedimento penale incardinato nei confronti del regista Ulrich Seidl e dell’attrice Maria Hofstatter in conseguenza della denuncia depositata dal sottoscritto a seguito della proiezione, avvenuta nell’agosto 2012 , alla Mostra del Cinema di Venezia del film “Paradise Faith“ , nel corso del quale l’attrice ha oltraggiato il crocifisso , tra l’altro , masturbandosi con esso in una scena per nulla breve. (All’epoca, anche noi di “Christus Rex” ci unimmo alla protesta, N.d.R.)

Il Gip ha fissato questa udienza a seguito della mia opposizione alla richiesta di archiviazione presentata dal Pubblico Ministero.

Ritengo opportuno comunicare a titolo informativo l’udienza considerata la rilevanza pubblica della vicenda , trattandosi di un film (rivolto in quanto tale al pubblico) che ha offeso un simbolo della cristianità (attinente quindi ad una religione con 2 miliardi e mezzo di fedeli stimati sul pianeta) , proiettato nel paese che ha come capitale la capitale mondiale del cattolicesimo (anche se Seidl , a seguito della denuncia , si è astenuto dal mettere in circolazione la pellicola in Italia) in una manifestazione cinematografica assai nota , suscitando le reazioni di un numero cospicuo di credenti e interesse a livello internazionale come da video allegato :

https://www.youtube.com/watch?v=X-XK55JIlv4;feature=plcp

Nachdem der österreichische Filmemacher Ulrich Seidl bei den Festspielen in Venedig sein neuestes Werk gezeigt hat, schrieben Zeitungen nicht nur von …

 

Avv. Pietro Guerini – Presidente nazionale Comitato NO194 e omonima associazione

( no194.org )

Una Risposta

  • Perché non si masturba con la foto di Maometto quella schifosa ? Poi vediamo se riesce a rincasare con le sue gambe, lei è quella specie dì regista fallito. (Scusate lo sfogo, ma quando è troppo è troppo)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *