Risultati immagini per Menzingen fraternitàSegnalazione di Federico Prati

Il 24 Febbraio 2017, sul giornale il Foglio il giornalista italiano Matteo Matzuzzi pubblicava un articolo dove annunciava l’acquisizione da parte della Fraternità Sacerdotale San Pio X di un complesso di edifici tra cui una Chiesa in stile neo-gotica di Santa Maria Immacolata all’Esquilino a Roma. Secondo lui, questo acquisto è il segno di un accordo tra la Santa Sede, e la Fraternità Sacerdotale San Pio X. E di conseguenza deduce che la Casa Generalizia di Menzingen sarà presto trasferita a Roma.

A sostegno di queste “rivelazioni”, Matteo Matzuzzi ha scritto: “Il Papa è intervenuto direttamente per accelerare tutto, tramite monsignor Guido Pozzo , Segretario della Pontificia Commissione Ecclesia Dei. Inoltre secondo le fonti del giornalista il (Superiore della Fraternità San Pio X), mons. Bernard Fellay. mons. Alfonso de Galarreta e l’Assistente Generale P. Alain Nely , dal 17 al 20 Gennaio hanno soggiornato alla Casa Domus Sainte-Marthe, addirittura la superiora delle suore della fraternità sacerdotale San Pio X anch’essa a partecipato ai colloqui, P. Alain Nely è stato incaricato dell’acquisto del complesso.

E’ vero che la Fraternità Sacerdotale San Pio X è una congregazione di Vita Apostolica, e che è cattolica che la sua romanità la detiene nel suo dna grazie al suo fondatore , L’arcivescovo mons. Marcel Lefebvre, che ha sempre voluto una posizione a Roma. Ecco perché una delle sue prime case aperte è stata quella di Albano laziale nei pressi della città eterna. E ‘anche vero che nei rapporti che ha avuto con le autorità romane, Lefebvre – degno figlio di padre Henri Le Floch CSSp (1862-1950), Rettore del Pontificio Seminario Francese – ha sempre proclamato la sua romanità. Ciò che ha reso lo scrivere al cardinale Edouard Gagnon , quindi trasmesso “Papa” (virgolette redazionali Agerecontra.it) Giovanni Paolo II , 21 novembre 1987:

“Accettiamo volentieri di essere riconosciuto dal Papa come siamo e di avere un posto nella Città Eterna, per portare la nostra collaborazione per il rinnovamento della Chiesa; non abbiamo mai voluto rompere con il Successore di Pietro, né prendere in considerazione che la Santa Sede è vacante, nonostante le difficoltà che perdurano .”
Da un punto di vista molto pratico, la Fraternità San Pio X è alla ricerca da molti anni per l’acquisto di una chiesa a Roma per poter soddisfare il suo apostolato nell’urbe e per sostituire quella piccola cappella che purtroppo non contiene la massa dei fedeli che si accarca  la Domenica mattina per assistere alla Santa Messa. Ma non ha mai parlato di spostare la Casa Generalizia.
Per questi dialoghi dottrinali e pratiche, ci sono stati dei piani per l’acquisto a Roma, e ci saranno indipendentemente dagli esiti che ne verranno. Tuttavia per soddisfare la stampa non esiste nessuna trattativa per comprare il complesso di Santa Maria Immacolata all’Esquilino come riporta il giornalista Matteo Matzuzzi.
Né che Mons. Fellay , Mons. De Galareta né il Rev. Padre Nely, siano stati alloggiati a Casa Domus Sancta Martha dal 17 al 20 Gennaio 2017. certamente don Marco Nelly deve viaggiare spesso per l’Italia, a causa del iterim del distretto italiano. Ma dal 17 al 20 gennaio è stato a Menzingen, e non è dotato di bilocazione. In quanto alla Superiora Generale delle Suore della Fraternità  ha visitato la comunità religiosa, Albano, nel mese di febbraio, ma certamente non ha fatto acquisti d’immobili.
Anche il giornalista Vaticanista Andrea Tornielli bene informato dalle sue fonti romane scrive il 27 Febbraio sulla Stampa:

“Le voci si sono diffuse nei giorni scorsi circa la possibilità che la Fraternità acquisti un edificio con una chiesa adiacente, per spostare la sua sede a Roma e abbiamo discusso il complesso di Santa Maria Immacolata all’Esquilino, nei pressi del Laterano.

“Il complesso si compone di una chiesa neogotica costruita agli inizi del XX secolo ai Fratelli della Carità (chiamati” Frati bigi “) e di un edificio già utilizzato in passato come la scuola elementare e media, ora di proprietà di un ordine religioso. E ‘stato detto che Francesco e la Commissione Ecclesia Dei avrebbero facilitato l’acquisto. In realtà, questo non è vero: la Commissione Ecclesia Dei non è coinvolta, né il Vicariato di Roma. ”

Fonti : IlFoglio / cath.ch / Stampa – DICI n ° 350 del 03/03/17 / La Porta Latina 3 marzo 2017

https://intuajustitia.blogspot.it/2017/03/fraternita-sacerdotale-san-pio-x.html