Segnalazione Corrispondenza Romana

Francia, la massoneria è stata ricevuta in massa giovedì scorso dalla commissione «fine-vita» istituita dal Cese, il Consiglio Economico, Sociale e Ambientale francese, già fortemente in odore di “squadra e compasso”: 52 membri sui 233 che lo compongono ne farebbero parte e, tra essi, anche ex-Grandi Maestri del Godf, il Grand’Oriente di Francia, tutti convinti fautori dell’eutanasia.

Da notarsi, come la partecipazione al Cese non sia su base volontaria: ciascun componente percepisce un’indennità pari a 3.786,76 euro lordi per una media di 10 giorni di lavoro al mese, di cui 1.838,23 euro esentasse.

Non è difficile, in ogni caso, intuire l’orientamento della commissione, che, oltre al Godf, ha comunque convocato anche i rappresentanti della Gran Loggia di Francia, del Diritto Umano e della Gran Loggia Femminile di Francia. La settimana prima erano stati ricevuti i rappresentanti delle principali confessioni religiose.