PEZZO GROSSO: SE IL VATICANO HA CONSIGLIATO IL SILURO DI MATTARELLA AL GOVERNO LEGA-M5S…

Risultati immagini per Pezzo GrossoSegnalazione di M.T.

di Marco Tosatti

Pezzo Grosso – che ha contatti importanti da questa e dall’altra parte del Tevere – adombra un’ipotesi inquietante, e cioè che dalla Santa Sede sia stato comunicato al Quirinale un messaggio di appoggio per l’operazione di forzatura costituzionale tesa a far fallire l’ipotesi di un governo Lega-M5S, che disponeva di una solida maggioranza parlamentare. Se si tiene conto delle dichiarazioni del presidente della CEI Bassetti, di quelle del segretario generale Galantino e del fondo del direttore di Avvenire, Tarquinio, che di quest’ultimo è una delle espressioni giornalistiche e mediatiche, e i tweet di Antonio Spadaro, direttore di Civiltà Cattolica, la voce o ipotesi, chiamatela come volete, è assolutamente plausibile. Perfettamente in linea con la politica di contiguità adottata dal vertice dei vescovi verso Renzi, il PD, e la sinistra in generale; il nuovo collateralismo. Ma vediamo che cosa scrive al proposito Pezzo Grosso.

“Devo dichiarare che dopo il cosiddetto governo del presidente di Napolitano nel 2011,io intesi chiaro il messaggio: le elezioni servono esclusivamente a misurare la maturità politica di un popolo. Se questo popolo dimostra immaturità, va aiutato a non fare errori. Il governo europeo del manifesto di Ventotene applicato  in pratica. 
Devo però anche dichiarare che mai avrei potuto immaginare che anche chi governa attualmente la Santa Sede sarebbe intervenuto a supporto di questo indirizzo. E’ infatti circolata l’indiscrezione che un altissimo personaggio che risiede in Vaticano sia intervenuto sul Presidente Mattarella invitandolo a fare quello che poi ha fatto. Sarà vero? Non lo so, ma non mi meraviglierei, visti i risultati. Abbiamo maturato il sospetto, o l’idea, se preferite, che il nostro paese ha nemici in Europa, ma non avevamo ancora riflettuto sull’ipotesi che il peggior “nemico” fosse uno Stato all’interno del nostro Paese, e in parte da questo stesso Paese nutrito. Un tempo la Chiesa chiedeva aiuto a potenze straniere per il suo bene, oggi dà aiuto a potenze straniere per il suo male? Sbalorditivo (secondo me) che la Santa Sede sia intervenuta (se è vero che è successo) per scongiurare la nomina di Savona a ministro dell’economia. Il mio sospetto-semicertezza è invece che sia intervenuta (se ciò è successo) dopo le dichiarazioni della Lega sul problema immigrazione, visto che pare evidente che l’immigrazione mirante al sincretismo religioso sia uno dei primi obiettivi strategici di questo pontificato, e che comunque ci siano interessi meno spirituali ma più corposi ad essa collegati. Che facciamo allora? Troviamo un Carlo V che gli fece fare la famosa visita dai lanzichenecchi?

Scherzi a parte, che fare quindi caro Tosatti? Tornare alle elezioni nella situazione attuale in Europa e con questo Pontificato? Mi pare difficilmente sostenibile. Vincerebbero Mattarella, Renzi e Bergoglio. Arrenderci? riconoscere che hanno vinto la guerra e ci hanno sconfitt;? Io si, io mi arrendo, mi sento sconfitto anche se non so perché. Andate a riascoltare il discorso del nostro Presidente sulla spiegazione della non formazione del governo, mirata – diceva –  alla  difesa del risparmio degli italiani. E’ ora impossibile capire se è peggio la speculazione finanziaria o le bocciature di rating pianificate e gestite. Giuro che non capisco più nulla, son confuso, aiuto! Se voi invece non voleste arrendervi potreste immaginare di proporre un Referendum, che rischierebbe però fare la fine di quello del 1946 su Monarchia o repubblica. Non resta che chiedere aiuto per riformulare un’alternativa europea a quella imposta da Germania-Francia. Gli stati europei son ben 28, non dimentichiamolo (Orban è un buon riferimento ed esempio di capacità di generare idee). A questa alternativa aderirebbero magari 20-26 stati su 28? Potremmo immaginare di formulare un manifesto dell’isola Serafini (sul Po, vicino a Cremona) che rifaccia una Europa non più centralizzata, un’Europa che non disprezzi più le identità degli stati membri e sia loro sussidiaria. E che rifiuti il sincretismo religioso, fiera delle sue radici cattoliche. Ciò fatto, potremmo (noi) invitare Francia, Germania e Stato Vaticano a partecipare. Forse”. PG

Fonte: STILUM CURIAE

5 Risposte

  • Nulla di cui meravigliarsi dato che Bergoglio, pseudo-papa ed i suoi seguaci, e’ piu’ chiaramente indirizzato, rispetto ai suoi predecessori “pseudo”, al sincretismo religioso (preparazione al nuovo ordine religioso mondiale). Ben scrivevano alcuni commentatori di Blondet, che sarebbe stato il caso di smuovere il Vaticano oltreche’ Roma. hanno mangiato la foglia, come si suol dire, e sono corsi ai ripari prima che si attuasse il governo del cambiamento ! Ragion di piu’ per comprendere che il cambiamento VA FATTO costi quel che costi. Ora comincio a credere che la rivolta civile in Italia, descritta da qualche veggente, diventi ancor piu’ probabile, con la devastazione del Vaticano e l’ammazzamenti di preti (moderni) e prelati. Ormai i tempi sono pronti anche se i media, giornalisti prezzolati e chierici modernisti non riescono a fiutare le avvisaglie, che quando arriveranno pratiche sommergeranno tanti…

  • Confesso che ho pensato le stesse cose di Mardunolbo ( m’è capitato spesso!), ma non avevo il coraggio di dirlo per non passare da Cassandra. Esiste anche un sogno di san Giovanni Bosco, pochissimo conosciuto, che tratta di una strana processione del papa in uscita dal Vaticano, durante la quale succede un finimondo… Staremo a vedere: ormai i tempi sono maturi, ma c’è di più. I cinque stelle, senza scriverlo nel contratto di governo, avevano tuttavia promesso di abolire l’8xmille alla Chiesa cattolica: ecco da dove avrebbero preso la copertura per le riforme annunciate. E’ più che possibile che la CEI abbia remato contro.

  • Anche a voi è suonato strano sentire e risentire che la discordia stava tutta in via XX settembre?!

  • Guardate su Avvenire come Marco Tarquinio butta tutta la colpa sui due leader: “Non volevano più andare al governo” !!! Questo intervento targato CEI è davvero singolare e si accorda bene coi nostri sospetti. Purtroppo nessuno ne parla in pubblico. Se il popolo dovesse appurare che i sospetti sono veri… beh, allora la chiesa conciliare si sarebbe castigata con le sue mani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *