Risultati immagini per Putindi Vladimir Putin – 05/06/2018

Fonte: Aurora sito

In vista della visita in Austria, il Presidente della Russia ha risposto alle domande del presentatore dell’ORF austriaca, Armin Wolf.

Armin Wolf, presentatore dell’Austrian Broadcasting Corporation (ORF): Signor Presidente, la sua prima visita all’estero vi porta in Austria. Si tratta di una sorta d’incentivo per una politica benevola nei confronti della Russia da parte del governo austriaco, che si scaglia contro le nuove sanzioni dell’UE e non ha espulso diplomatici russi sul “caso Skripal”?
Presidente della Russia Vladimir Putin: Non credo che uno Stato europeo così rispettato come l’Austria abbia bisogno d’incentivi. Abbiamo a lungo avuto relazioni buone e profonde con l’Austria. L’Austria è il nostro partner tradizionale e affidabile in Europa. Nonostante tutte le complicazioni nel corso degli anni, il nostro dialogo nel campo della politica, della sicurezza e dell’economia non è mai stato interrotto. Il nostro commercio con l’Austria è cresciuto del 40,5% lo scorso anno. Rispettiamo la posizione dell’Austria e il suo status neutrale. La Russia, ovviamente, è uno dei garanti di questo status, avendo preso parte alla stesura del trattato di Stato. Collaboriamo con la Repubblica austriaca in vari settori: nell’economia, come ho detto, in politica e sicurezza. Nell’economia, collaboriamo in vari settori. Non solo energia, anche se vorrei dire di più su di esso in seguito, ma anche nella costruzione di aeromobili, sicurezza aerea e ingegneria idroelettrica. Sempre più capitale austriaco viene investito in Russia. Lo consideriamo un segno di fiducia nella politica economica perseguita dal governo della Federazione Russa. Adottiamo importanti progetti. Grazie alla nostra cooperazione, Baumgarten, e quindi l’Austria, è diventato il più grande hub del gas in Europa. Abbiamo molti interessi comuni e simili, quindi fummo felici di dare il benvenuto al cancelliere federale Kurtz in Russia, a febbraio. È da queste considerazioni che la mia visita in Austria è in preparazione e spero che si svolga presto.

Armin Wolf: Il governo russo mantiene parzialmente buoni rapporti con alcuni membri del governo austriaco. Nel 2016, il partito Russia Unita firmava un accordo di partnership col Partito Libero d’Austria. Perché questo partito in particolare?
Vladimir Putin: Lei ha affermato che il governo russo mantiene buoni rapporti con l’Austria e ha seguito questa analisi da una prospettiva puramente di partito. Ero un co-fondatore del partito Russia Unita, ma attualmente non vi aderisco perché sono il capo dello Stato russo. È vero che il governo russo lavora in modo molto diretto e profondo coi colleghi austriaci senza mostrare preferenze politiche. Per quanto riguarda la politica nei confronti dell’Austria, abbiamo un certo consenso nazionale, non ci sono forze politiche che si oppongono allo sviluppo delle relazioni con l’Austria, ma possono esserci alcune preferenze a livello politico, a livello di partito. Il fatto che Russia Unita abbia stabilito relazioni col partito che ha menzionato, si tratta di relazioni puramente interpartitiche. Sono sicuro che Russia Unita sarà felice di sviluppare contatti anche con altre forze politiche.

Armin Wolf: Ha guidato questo partito a lungo, ora il signor Medvedev è il suo capo. Molti osservatori ritengono che i dirigenti russi vorrebbero, attraverso Russia Unita, mantenere legami coi partiti nazionalisti perché vogliono dividere l’Unione europea. Come spiega gli stretti legami tra la leadership russa e i partiti critici nei confronti dell’Unione europea?
Vladimir Putin: Sarebbe meglio se rivolgeste questa domanda al Primo ministro Medvedev, che è il capo del partito. Ma questo è quello che posso dire con discreto grado di certezza. Non è nostro obiettivo dividere nulla o nessuno in Europa. Al contrario, vogliamo vedere un’Unione europea unita e prospera, perché l’Unione europea è il nostro maggiore partner commerciale ed economico. Più problemi ci sono nell’Unione europea, maggiori sono i rischi e le incertezze per noi. Il semplice fatto che il nostro commercio coi paesi dell’Unione Europea sia dimezzato, da oltre 400 miliardi a 250 miliardi, parla da sé. Perché dovremmo vederne l’ulteriore calo? Perché spezzare l’Unione europea per subire ulteriori perdite e sostenere costi o perdere benefici dalla cooperazione coll’Unione europea? Al contrario, dobbiamo aumentare la cooperazione con l’Unione europea. Se lavoriamo o lavoriamo più intensamente con alcuni che con altri, procediamo da considerazioni puramente pragmatiche. Cerchiamo di cooperare con chi dichiara pubblicamente di essere pronto e disposto a collaborare con noi. Solo questo è il motivo per cui i nostri partiti, gruppi e movimenti politici hanno contatti a livello politico e di partito con alcuni europei, e non il desiderio di “oscurare” od ostacolare qualcosa nell’Unione europea. Abbiamo il 40 percento delle nostre riserve in oro ed euro. Perché dovremmo scuotere tutto questo, compresa la moneta unica europea, in conseguenze degli scossoni nell’Unione? Mi piacerebbe che in Austria e negli altri Paesi dell’Unione europea abbandoniate tale idea.

Armin Wolf: Ciò nonostante, i governi dei Paesi occidentali, dell’Europa e, prima di tutto, degli Stati Uniti, accusano la Russia di usare hacker per intromettersi nella politica interna degli altri Paesi. In tutte le sue interviste dite che non è così; tuttavia, non vi è dubbio che la cosiddetta Agenzia di ricerca su Internet di San Pietroburgo ha cercato per anni d’influenzare il dibattito pubblico su Facebook. Queste cosiddette fabbriche di troll sono di proprietà di Evgenij Prigozhin, lo conosce molto bene, viene definito “lo chef di Putin”, dato che soddisfa tutti i suoi ospiti. È positivo che una persona che ha rapporti così stretti con la leadership russa gestisca le fabbriche di troll?
Vladimir Putin: Ha detto “Russia” e poi passava agli hacker, vero? Dicendo “Russia”, intendeva la Russia come Stato, o alcuni cittadini, hacker o persone giuridiche?

Armin Wolf: Stavo parlando del signor Prigozhin.
Vladimir Putin: Le parlerò del signor Prigozhin. Faccia una distinzione tra governo russo, Russia come stato, cittadini russi e alcune persone giuridiche. Ha appena detto che il signor Prigozhin è indicato come “lo chef di Putin”. Effettivamente, gestisce un’attività di ristorazione, è il suo lavoro; è un ristoratore di San Pietroburgo. Ma ora lasciate che vi chieda: pensa davvero che una persona che lavora nella ristorazione, anche se ha alcune opportunità di hacking e possiede una società privata impegnata in questa attività, non so nemmeno cosa faccia, possa influenzare le elezioni negli Stati Uniti o in un Paese europeo? Può darsi che media e standard politici nei Paesi occidentali consolidati si siano ridotti a un livello così infimo che un ristoratore russo può influenzare gli elettori di un Paese europeo o degli Stati Uniti? Non è ridicolo?

Armin Wolf: Signor Presidente, potrebbe essere buono o cattivo, ma non è la verità. Il signor Prigozhin non gestisce solo ristoranti, ha molte aziende con contratti con il Ministero della Difesa e ricevono molti ordini governativi; spende milioni di dollari nella fabbrica di troll e persone che vi scrivono post. Perché un ristoratore ne ha bisogno?
Vladimir Putin: Può chiederglielo. La Russia come Stato non ha niente a che farci.

Armin Wolf: Ma conosce molto bene l’uomo.
Vladimir Putin: E allora? Conosco molti a San Pietroburgo e Mosca. Chiedeteglielo. C’è un tale negli Stati Uniti, Soros, che interferisce negli affari di tutto il mondo. Spesso sento dai miei amici statunitensi che “gli USA come Stato non hanno nulla a che fare con le sue attività”. Ci sono voci secondo cui Soros ora progetta di destabilizzare l’euro. Gli esperti già ne discutono. Chieda al dipartimento di Stato perché lo fa. Il dipartimento di Stato dirà che non ha nulla a che farci, piuttosto affari di Soros. Per noi, sono affari del signor Prigozhin. Questa è la mia risposta. Ne è soddisfatto?

Armin Wolf: Il signor Prigozhin, insieme ad altri 12 cittadini russi, è stato incriminato negli Stati Uniti per aver interferito nelle elezioni presidenziali. Lei e Donald Trump parlate così bene al telefono, ma Trump è presidente da un anno e mezzo e non c’è ancora stato un summit bilaterale tra voi, al contrario di Bush e Obama che incontrato nei primi sei mesi delle loro presidenze. Perché ci vuole così tanto tempo?
Vladimir Putin: Dovreste chiederlo ai nostri colleghi negli Stati Uniti. Secondo me, questo è il risultato dell’attuale lotta politica acuta negli Stati Uniti. In effetti, Donald Trump e io, in primo luogo, c’incontrammo più volte in varie sedi internazionali e, in secondo luogo, parliamo regolarmente al telefono. I nostri dipartimenti degli Esteri e i servizi speciali lavorano abbastanza bene insieme in settori di reciproco interesse, soprattutto nella lotta al terrorismo internazionale. Questo lavoro continua. Per quanto riguarda gli incontri personali, penso che la possibilità di questi incontri dipenda in larga misura dalla situazione politica interna negli Stati Uniti. La campagna elettorale del Congresso sta per essere avviata e poi ci saranno le prossime elezioni presidenziali, e il presidente degli Stati Uniti verrà attaccato su varie questioni. Penso che questa sia la ragione principale. In una recente conversazione telefonica, Donald ha detto di essere preoccupato dalla possibilità di una nuova corsa agli armamenti. Sono pienamente d’accordo con lui. Tuttavia, per impedirla (non abbiamo avviato tali eventi, non ci siamo ritirati dal Trattato di difesa antimissile, abbiamo solo risposto alle minacce posteci da ciò, ma sono d’accordo col presidente degli Stati Uniti) dovremmo pensarci, dovremmo fare qualcosa al riguardo, dare istruzioni corrispondenti al nostro Ministero degli Esteri e al dipartimento di Stato degli Stati Uniti. Gli esperti dovrebbero iniziare a lavorare in modo concreto. Spero che un giorno questo lavoro, nell’interesse di Stati Uniti e Russia, in effetti nell’interesse del mondo intero, cominci, anche tra noi personalmente.

Armin Wolf: Molti sono preoccupati dalla situazione nella Corea democratica. Il Ministro degli Esteri Sergej Lavrov l’ha recentemente visitata. Pensa che uno scontro nucleare tra Stati Uniti e Corea democratica sia una possibilità?
Vladimir Putin: Non voglio nemmeno pensarci. È un’idea spaventosa. La Russia, di tutti i Paesi, non è interessata perché la Corea democratica è nostra vicina. Per inciso, uno dei siti dei test nucleari, quello che penso che la Corea democratica stia chiudendo, si trova, se la mia memoria non m’inganna, a 190 chilometri dal confine russo. È qualcosa di assolutamente reale per noi. Pertanto, faremo tutto il possibile per allentare le tensioni nella penisola coreana. Quindi, naturalmente, nutriamo grandi speranze nell’incontro personale tra il presidente Trump e il leader nordcoreano Kim Jong-un, perché le dichiarazioni reciproche sono andate troppo oltre. Penso che questa strada, la strada verso la denuclearizzazione della Corea democratica, dovrebbe essere una strada a doppio senso. Se il leader della Corea del Nord sostiene le sue intenzioni con azioni pratiche, ad esempio, rinunciando a nuovi test coi missili balistici, nuovi test nucleari, l’altra parte dovrebbe ricambiare in modo tangibile. A questo proposito, considero controproducente continuare le attività militari, le esercitazioni militari e tutto ciò che v’è collegato. Spero vivamente che la situazione proceda in modo positivo. Da parte nostra siamo pronti ad ogni sforzo in tal senso. Siamo sempre stati in contatto con la leadership nordcoreana; offriamo diversi progetti economici congiunti trilaterali. Si tratta di progetti infrastrutturali, una ferrovia dalla Russia alla Corea democratica e oltre per la Corea del Sud, il progetto dell’oleodotto, il lavoro nel settore energetico in formato a tre o forse a quattro vie con la Cina. Per inciso, la Cina ha fatto molto per indirizzare la situazione verso la distensione e la denuclearizzazione. Se mettiamo insieme i nostri sforzi, anche nel quadro della road map Russia-Cina, la nostra proposta congiunta per risolvere il problema nucleare nordcoreano, penso che otterremo i risultati desiderati.

Armin Wolf: Uno dei problemi più complicati per a Russia è l’Ucraina. Nel 2014, il volo MH17 fu abbattuto in Ucraina, 290 persone morirono. La commissione investigativa internazionale annunciava pochi giorni fa che il jet fu abbattuto da un sistema missilistico dell’esercito russo, che si trattava di un convoglio proveniente dalla Russia arrivato dai ribelli ucraini nell’est dell’Ucraina. C’è un video; ci sono conversazioni telefoniche e dozzine di testimoni oculari. Ha detto che questo non è vero per circa un anno, ma praticamente nessuno crede alle sue parole. Non sta quindi mettendo in discussione la veridicità delle dichiarazioni russe? Forse è ora di riconoscere che gli insorti nell’Ucraina orientale hanno usato attrezzature militari russe per commettere quell’orrendo crimine?
Vladimir Putin: Voglio sottolineare che entrambe le parti del conflitto, l’esercito ucraino e persino i battaglioni di volontari ucraini che non rendono conto a nessuno dei loro comandanti, e le milizie del Donbas, le unità armate del Donbass, usano tutti armi sovietiche e russe. Tutti. Le due parti hanno tutti i sistemi: sia armi da fuoco, aerei e sistemi antiaerei. Tutti prodotti in Russia.

Armin Wolf: Ma ora sanno che il missile era: un missile del sistema Buk. Era una brigata dell’esercito russo a Kursk. Questo è noto per un fatto, eppure lo nega ancora. Non sarebbe meglio ammettere che il missile fosse effettivamente arrivato dalla Russia? Non sarebbe meglio riconoscere ufficialmente che la Russia ha appoggiato gli insorti nell’est dell’Ucraina con le armi?
Vladimir Putin: Se ha pazienza e mi lascia finire, saprà la mia opinione su questo tema. Come ho detto, entrambe le parti usano armi di fabbricazione russa, e l’esercito russo ha esattamente gli stessi sistemi di cui parlano gli esperti, che certamente sono stati fabbricati nell’ex Unione Sovietica o in Russia. Questo è uno. Due. Agli esperti russi è stato negato l’accesso alle indagini, i nostri argomenti non vengono presi in considerazione e nessuno nella commissione è interessato a sentirci. Viceversa, la parte ucraina, interessata ai risultati dell’indagine, vi ha accesso. Nel frattempo, è responsabile almeno di non aver proibito agli aerei civili di volare nella zona di conflitto in violazione delle norme internazionali dell’ICAO. Non possiamo ancora avere risposte ad alcune domande sulle attività delle forze aeree ucraine in quella regione, in quel luogo e in quel momento. La tragedia di cui parliamo è terribile e mi sento immensamente dispiaciuto per le vittime e le loro famiglie, ma tale indagine dev’essere obiettiva e completa. Solo un secondo, per favore, non corra. Lasciatemi parlare, altrimenti avremo un suo monologo invece di un’intervista.

Armin Wolf: Tuttavia, lasciatemi dire brevemente: sì, sappiamo da dove viene il missile. Ma cosa devono guadagnare Olanda, Australia o Malaysia incolpando la Russia se non era un missile appartenente all’esercito russo?
Vladimir Putin: Non la vediamo in questo modo; abbiamo un diverso punto di vista. Ora avete elencato Paesi che presumibilmente credono che sia stato un missile russo e che la Russia sia implicata in tale terribile tragedia. Mi dispiace deludervi. Di recente, i funzionari malesi hanno dichiarato di non vedere la complicità della Russia in quel tragico evento; non hanno prove che la Russia sia implicata. Non ne sapeva niente? Non ha visto le dichiarazioni dei funzionari malesi? Cosa pensiamo di tale problema? Se vogliamo davvero arrivare al fondo delle cose in quell’orrendo evento e rivelare tutti i fattori che ci permetteranno di trarre una conclusione definitiva, tutti gli argomenti dovrebbero essere presi in considerazione, compresi quelli offerti dalla Russia. E sarebbe del tutto giusto che gli esperti russi abbiano accesso alle indagini.

Armin Wolf: La commissione investigativa internazionale ora sostiene di aver effettivamente preso in considerazione tutti gli argomenti. Molti non credono agli argomenti russi perché alcuni anni fa in Crimea ha detto che i famosi “uomini verdi”, i combattenti in uniforme verde senza insegne identificative, erano forze locali di autodifesa. Ma poco dopo fu rivelato che erano davvero soldati russi. Dopo, ha ammesso più volte che erano dell’esercito russo anche se l’aveva negato prima. Perché dovremmo credervi adesso?
Vladimir Putin: Ora che ha parlato della Crimea. Lo sai che a metà degli anni 2000, proprio nelle vicinanze della Crimea, un jet civile russo fu abbattuto sul Mar Nero? Fu opera dell’esercito ucraino durante un’esercitazione. E la prima reazione dei funzionari ucraini fu che l’Ucraina non aveva nulla a che farci. Un aereo civile fu abbattuto lungo la rotta da Israele alla Russia. Tutti a bordo morirono, ovviamente. L’Ucraina negò categoricamente il coinvolgimento in quel terribile incidente, ma dovette ammetterlo dopo. E perché dovremmo credere ai funzionari ucraini? Quindi, in risposta alla sua domanda sulla Crimea, ho rimesso la palla nel suo campo.

Armin Wolf: Non parlo dei funzionari ucraini, parlo di Lei. Ha detto molte volte nel 2014 che ha inviato le forze armate in Crimea per bloccare l’interferenza dell’Ucraina. In seguito ha ammesso che l’esercito russo era in Crimea, qualcosa che prima aveva negato.
Vladimir Putin: Le forze russe vi sono sempre state di stanza. Senta, vorrei che provasse a capire cosa stesse succedendo lì, non solo a ripetere tali cose meccanicamente. Le forze russe sono sempre state presenti in Crimea. Il nostro contingente militare era lì. Un secondo, per favore, mi lasci finire. Vuole che risponda alle domande senza interruzioni o ascoltare le mie risposte? La prima cosa che abbiamo fatto quando sono iniziati gli eventi in Ucraina… Che tipo di eventi? Lascia che ve lo dica ora, e dirà di si o no. Fu un colpo di Stato armato incostituzionale e sequestro del potere. Si o no? Che mi dirà?

Armin Wolf: Non sono un esperto della Costituzione ucraina.
Vladimir Putin: Non dev’esserlo; basta solo essere esperto di diritto, sulla legge costituzionale di qualsiasi Paese.

Armin Wolf: Non vorrei parlare della politica ucraina, ma della politica russa. Permettetemi di esprimerla diversamente. Cosa dovrebbe succedere perché la Russia restituisca la Crimea all’Ucraina?
Vladimir Putin: Non ci sono tali condizioni e non ci saranno mai. Le dirò perché. Mi ha interrotto di nuovo, ma se davvero mi lascia finire, capirebbe cosa intendo. Lo farò ancora. Quando l’incostituzionale colpo di Stato armato ebbe luogo in Ucraina, e il potere passò di mano in mano con la forza, il nostro esercito fu schierato legalmente in Crimea, con l’accordo sulla nostra base militare lì. La prima cosa che facemmo fu aumentare il contingente per proteggere le nostre Forze Armate, le nostre strutture militari, perché avevamo immediatamente visto che erano minacciate. È qui che tutto ebbe inizio. Vi ho detto con sicurezza che non c’era nessun altro lì, ma le nostre Forze Armate erano legalmente con un accordo. Mi lasci finire, per l’amor di Dio. (Parla in tedesco) Seien Sie so nett, lassen Sie mich etwas sagen. (La prego sia così gentile da permettermi di dire qualcosa).

Armin Wolf: Odio interrompervi, ma non si tratta della flotta russa del Mar Nero. Vi era certamente basata. Si tratta di quei combattenti in uniforme senza insegne. Ha detto che erano Crimea, ma non erano Crimeani; erano militari russi.
Vladimir Putin: Ci arriverò, per favore sia paziente. Abbiamo abbastanza tempo. I nostri militari erano sempre stati di stanza lì. Ho detto: i nostri militari erano lì, ma non furono coinvolti. Ma quando le azioni incostituzionali in Ucraina cominciato a svolgersi, quando le persone in Crimea si sentirono in pericolo, quando i treni iniziarono a portarvi aggressivi nazionalisti, quando autobus e autoveicoli personali furono bloccati, le persone volevano naturalmente proteggersi. E la prima cosa che accadde fu il ripristino dei diritti che la stessa Ucraina aveva concesso con l’autonomia della Crimea. È qui che tutto iniziò, con una procedura in parlamento per stabilire l’indipendenza dall’Ucraina. Ora, questo è severamente proibito dalla Carta delle Nazioni Unite? No non lo è. Il diritto delle nazioni all’autodeterminazione vi è chiaramente indicato. E cosa hanno fatto le nostre Forze Armate, anche senza espandere il contingente stabilito dall’accordo della base militare? Assicurarono elezioni libere indipendenti, espressione della volontà del popolo che vive in Crimea. A proposito, la decisione di tenere questo referendum fu presa dal parlamento di Crimea, eletto in stretta conformità con la Costituzione e le leggi dell’Ucraina prima di tali eventi. Pertanto, nulla d’illegale… Solo un secondo.

Armin Wolf: Per quanto ne so, il parlamento non ha il diritto di prendere questa decisione. Ma continuiamo la nostra conversazione. L’annessione della Crimea è stata la prima volta in Europa di un Paese annesso da un altro contro la sua volontà. Questo fu visto come una minaccia dagli stati confinanti, dalla Polonia agli Stati baltici, perché si presumeva che anche le minoranze in questi Paesi potessero ricevere protezione dalle forze russe.
Vladimir Putin: Sa, se non le piacciono le mie risposte, allora non mi ponga domande. Ma se vuol sentire la mia opinione sui problemi che sollevo, deve avere pazienza. Devo finire. Così, la Crimea ottenne l’indipendenza attraverso il libero arbitrio dei Crimeani espresso in un referendum aperto, non come risultato dell’invasione delle forze russe. Parla di annessione, ma possiamo chiamare un referendum tenuto da tutto il popolo che vive nella regione di annessione? Quindi l’autodeterminazione del Kosovo fu anche l’annessione. Perché non dice che il Kosovo fu annesso dopo l’invasione delle truppe della NATO? Non lo dice. Parla del diritto all’autodeterminazione dei kosovari. I kosovari fecero questo solo con una decisione parlamentare, mentre i criminali della Crimea lo fecero con un referendum, con un’affluenza al voto superiore al 90%, il popolo che vive in Crimea votò per l’indipendenza e poi per aderire alla Russia, con la stessa affluenza alle urne, il 90 percento. Non è questa la democrazia? Che cos’è allora? E cos’è la democrazia?

Armin Wolf: Signor Presidente, il referendum era ancora incostituzionale.
Vladimir Putin: Perché?

Armin Wolf: Non ha rispettato la legislazione ucraina, la Costituzione ucraina. Non era un referendum libero, dicono gli osservatori occidentali. Per quanto riguarda ciò che dite sul Kosovo, avete definito la dichiarazione d’indipendenza del Kosovo immorale e illegale, e non l’avete ancora riconosciuta. Come può essere?
Vladimir Putin: Questo è assolutamente possibile, e dirò perché. Perché durante i cambiamenti politici e il conflitto militare nell’ex-Jugoslavia, la Corte delle Nazioni Unite decise in merito al Kosovo (posso darvi una citazione), dicendo esplicitamente (leggo ad alta voce per i vostri spettatori e ascoltatori): “Il consenso delle autorità centrali del Paese non è obbligatorio nel determinare le questioni di sovranità”. Ecco come la Corte delle Nazioni Unite commentò gli eventi del Kosovo, e ora dice…

Armin Wolf: C’erano alcune condizioni molto chiare là che non furono soddisfatte in Crimea. Questo è ciò che dicono tutti gli osservatori internazionali.
Vladimir Putin: Quali?

Armin Wolf: Non c’è nessuno che riconoscerebbe quel voto, non c’è nessuno che riconoscerebbe l’annessione.
Vladimir Putin: I suoi argomenti sembrano ben poco convincenti, perché nessuno deve riconoscere la volontà dei cittadini residenti in una certa area. Ciò è pienamente conforme alla decisione della Corte delle Nazioni Unite. Non c’è altra interpretazione, ma alcuni cercano modi per interpretare tale situazione in modo diverso.

Armin Wolf: Posso portarvi in parola?
Vladimir Putin: Provate.

Armin Wolf: Se sì, allora apparentemente in Cecenia, Daghestan e Inguscezia potrebbero anche organizzare un referendum e la secessione dalla Russia? O organizzare un califfato islamico nel suo territorio?
Vladimir Putin: In effetti, gli estremisti di al-Qaida volevano strappare questo territorio dalla Federazione Russa e formare un califfato dal Mar Nero al Mar Caspio. Non penso che l’Austria e l’Europa ne sarebbero state felici, o che qualcosa di buono ne sarebbe mai venuto fuori. Ma il popolo ceceno prese una decisione completamente diversa durante il voto e alla fine firmò l’accordo con la Federazione Russa dopo una discussione, dopo tutto lo spargimento di sangue. Anche la Federazione Russa dovette prendere una decisione molto difficile per conferire alla Cecenia e a molte altre regioni uno status che determina l’alta autonomia nella Federazione Russa. Alla fine, questa fu la decisione del popolo ceceno, e ne siamo molto contenti e ci atteniamo a tali accordi. Per inciso, lo stesso potrebbe essere fatto in Ucraina sul Donbas. Perché questo non è stato ancora fatto? Quindi l’Ucraina non dovrebbe limitare l’uso delle lingue delle minoranze straniere, intendendo non solo il russo, ma anche rumeno, ungherese e polacco. Non sembrano discuterne molto in Europa, ma è una realtà moderna.

Armin Wolf: L’ultima domanda sull’Ucraina. Pensi che il problema dell’Ucraina si risolverà se si dichiarerà Paese neutrale come Svezia o Austria e non aderirà alla NATO?
Vladimir Putin: Questo è uno dei problemi, ma non l’unico. Ho già menzionato l’uso limitato delle lingue native delle minoranze etniche. L’Ucraina ha adottato la legge sulle lingue, che è stata criticata anche in Europa, ma è in vigore. Ciò complica in gran parte la situazione in Ucraina. Ma vi ricorderò, e queste sono le cose che pochissimi sanno, che gli ideologi dell’indipendenza ucraina, i nazionalisti ucraini, insistettero sulla creazione di uno Stato sovrano ucraino, indipendente dalla Russia, già nel 19 ° secolo. Ma molti di loro parlarono della necessità di mantenere buoni rapporti con la Russia, di formare uno stato ucraino indipendente su principi federativi, e così via. Già nel 19° secolo. Oggi, direi che è una delle questioni interne più delicate dell’Ucraina. E l’Ucraina lo fa da sé. Sullo status neutrale, questo problema spetta al popolo e alla leadership ucraini. Per noi, per la Russia, l’importante è che non ci siano strutture militari in Ucraina che minaccino la nostra sicurezza, come i nuovi sistemi di difesa missilistica volti a contrastare il nostro potenziale nucleare. Questo è davvero importante per noi, ve lo dico francamente. Ma alla fine, questa è la scelta del popolo ucraino e delle autorità legittimamente elette del Paese.

Armin Wolf: Vorrei farvi una domanda sulla Siria prima di passare alla Russia. Dice che tutti parlano dell’uso di armi chimiche lì, ma la storia è stata inventata, dato che al-Assad e il suo esercito non hanno armi chimiche. Ora c’è la prova che, sebbene alcuni degli attacchi siano stati effettivamente portati avanti dai terroristi, le forze di al-Assad effettuarono gli altri, molti in effetti. Tuttavia, la Russia blocca la decisione di estendere il lavoro della commissione. Perché lo fa? Perché difende un regime che usa armi chimiche contro il suo popolo?
Vladimir Putin: Ha appena detto che ci sono prove accettate da tutti che al-Assad ha usato armi chimiche. Bene, non da tutti. I nostri esperti dicono diversamente. Ad esempio, il caso motivo degli attacchi missilistici contro la Siria col presunto attacco chimico nella città di Duma. Guardi. Le truppe siriane hanno liberato quell’area. Abbiamo immediatamente suggerito ai nostri partner che la commissione OPCW vi andasse, è un’unità delle Nazioni Unite, l’Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche. Si sono diretti in Siria e hanno raggiunto un Paese vicino, penso il Libano. Ma invece di aspettare uno o due giorni e permettere alla commissione di lavorare sul sito, fu effettuato l’attacco missilistico alla Siria. Mi dica, per favore: è questo il modo migliore per garantire l’obiettività di ciò che vi era successo? Non lo penso. Penso che fu un tentativo di creare condizioni per rendere impossibile un’indagine approfondita. Questo è stato. Successivamente, abbiamo trovato persone che ammisero di aver partecipato alla messa in scena dell’attacco chimico. Se non lo vede, sarebbe molto utile per l’obiettività, in modo che i suoi spettatori possano avere un’opinione in merito. Abbiamo trovato bambini e genitori inzuppati d’acqua e che dissero di non aver capito cosa succedesse. Li abbiamo portati a L’Aia per mostrarli a tutti. Nessuno voleva ascoltarli. E dopo mi dice: “Tutti riconoscono l’uso di armi chimiche”. Non tutti. Crediamo che sia una notizia falsa, usata come pretesto per l’attacco missilistico, una violazione del diritto internazionale. Questa era un’aggressione contro uno Stato sovrano. Chi ha incaricato un attacco contro uno stato sovrano? Il Consiglio di sicurezza dell’ONU? No. Allora, cos’era? Aggressione.

Armin Wolf: Signor Presidente, non dovremmo parlare di Duma, perché le indagini sono ancora in corso, ma la commissione internazionale ha dimostrato che prima il regime siriano aveva usato armi chimiche abbastanza spesso. E dopo ciò ha bloccato tale commissione nell’ONU.
Vladimir Putin: Perché il suo lavoro fu ostacolato. Gli attacchi missilistici furono effettuati giorni prima che iniziasse a lavorare a Duma. Per cosa? Questo è il primo punto. Secondo. Il caso dovrebbe essere investigato obiettivamente e lo riconosceremmo. Ha appena detto che ci sono prove che i militanti usarono sostanze chimiche e armi chimiche. Chi li ha puniti? Mi dica.

Armin Wolf: Quella stessa commissione…
Vladimir Putin: No, sto chiedendo, chi li ha puniti? Hanno ricevuto qualche punizione? La coalizione li ha attaccati immediatamente? Non ho visto nulla di simile.

Armin Wolf: Signor Presidente, mi viene detto che siamo agli sgoccioli. Mi piacerebbe parlare della Russia visto che rimane pochissimo tempo.
Vladimir Putin: Certo.

Armin Wolf:
 Nella corsa elettorale del 2012, ha promesso di migliorare significativamente la qualità della vita in Russia entro il 2020. Tuttavia, negli anni successivi, la crescita economica è rimasta piuttosto debole, sotto il due percento. I salari sono diminuiti negli ultimi due anni e il numero di persone al di sotto della soglia di povertà è aumentato rispetto al 2012. Sta davvero solo cercando sfide in politica estera per giustificare i problemi interni?
Vladimir Putin: Voglio che tutti quelli che la pensano così si calmino. Dal 2012, la Russia ha attraversato alcune sfide molto difficili per l’economia. E questo non era solo legato alle cosiddette sanzioni o restrizioni. Ciò è dovuto principalmente a un drastico calo dei prezzi dei nostri prodotti di esportazione tradizionali. I prezzi sono diminuiti della metà. Ciò ha influito sulle entrate del budget e, quindi, sul reddito delle persone. Ma siamo riusciti a fare la cosa principale, e i nostri colleghi, tra cui alti funzionari del FMI, l’hanno riconosciuto proprio di recente al Forum economico internazionale di San Pietroburgo. Abbiamo raggiunto l’obiettivo principale, ovvero preservare e rafforzare la stabilità macroeconomica nel Paese. In effetti, i salari sono diminuiti un po’ coi redditi delle persone, ma se si guarda all’inizio del nostro viaggio, il numero di persone al di sotto della soglia di povertà è ora la metà del 2000. Metà di quella cifra. Tra il 2012 e il 2016 e nel 2017 la cifra è aumentata, ma ora si abbassa. Il tasso di inflazione era del 12,5%, quasi il 13%, e ora è il più basso nella storia russa moderna – 2,5%. Le nostre riserve in oro e in valuta estera crescono. Dopo il crollo che ho menzionato, una crescita economica stabile ha cominciato a mostrarsi. Sì, al momento è modesto (1,5 percento) ma gli investimenti fissi crescono al 4,4 percento, il che garantisce un’ulteriore crescita economica. Gli investimenti esteri diretti sono quasi raddoppiati. Come ho detto, crescono sia le riserve in oro che in valuta estera della Banca Centrale e delle riserve governative. Abbiamo creato ottime condizioni per i prossimi passi dello sviluppo economico, che faremo sicuramente.

Armin Wolf: E’ Presidente o Primo Ministro da 18 anni. Alcuni dicono che ha trasformato un Paese che avanzava verso la democrazia in un sistema autoritario, che è uno “zar”. È vero?
Vladimir Putin: No, non è vero. È falso e completamente distaccato dalla realtà perché la Russia è una democrazia e viviamo tutti sotto la Costituzione. E la nostra Costituzione dice (proprio come la Costituzione austriaca, penso) che il Presidente non possa servire più di due mandati consecutivi. Ecco perché, dopo due termini legittimi, ho lasciato l’incarico, non ho provato a cambiare la Costituzione e ho continuato a svolgere un altro ruolo, come Primo Ministro della Federazione Russa. Dopodiché, come sa, sono tornato nel 2012, ho concorso per la presidenza e ho vinto le elezioni. Un mandato presidenziale in Russia è di sei anni, penso anche in Austria. L’affluenza alle urne nelle ultime elezioni è stata quasi del 70%. Questa è quasi la metà di tutti i cittadini russi. Gli osservatori internazionali non hanno criticato seriamente l’organizzazione delle elezioni o i risultati elettorali. Pertanto, non c’è dubbio che la democrazia abbia preso piede in Russia. È nel nostro interesse che il Paese segua un percorso democratico di sviluppo e lo farà. Lo stesso vale per altre elezioni, municipali e regionali. Centinaia di elezioni si svolgono in tutto il Paese e infondono immancabilmente successo alle forze politiche che conquistano la fiducia del popolo.