Nave italiana soccorre e riporta in Libia gli immigrati. E’ la prima volta

Risultati immagini per Asso Ventotto Napoli

di Adolfo Spezzaferro

Per la prima volta, una nave italiana, dopo aver soccorso degli immigratiin mare, li ha riportati in Libia. Si tratta della Asso Ventotto, un’imbarcazione di sostegno a una piattaforma petrolifera, che, in applicazione di quanto stabilito dal governo italiano, si è coordinata con la Guardia costiera di Tripoli che è competente in quelle acque per la gestione delle operazioni Sar di ricerca e soccorso.
L’imbarcazione, riporta La Stampa, “pare abbia seguito le indicazioni della centrale operativa della Guardia Costiera che via radio da Roma avrebbe ordinato al comandante di Asso 28 di coordinarsi con la Guardia Costiera di Tripoli. In sostanza l’ordine è stato quello di riportare quei migranti in Libia”.

“Abbiamo appreso che uno dei gommoni segnalati oggi dalla Guardia Costiera italiana con 108 persone a bordo nel Mediterraneo è stato soccorso dalla Nave Asso Ventotto, battente bandiera italiana, che si sta dirigendo verso Tripoli. Non sappiamo ancora se questa operazione avviene su indicazione della Guardia Costiera Italiana, ma se così fosse si tratterebbe di un precedente gravissimo, un vero e proprio respingimento collettivo di cui l’Italia ed il comandante della nave risponderanno davanti ad un tribunale“, ha detto Nicola Fratoianni di Liberi e Uguali, a bordo della Open Arms. “Il diritto internazionale – aggiunge – prevede che le persone salvate in mare debbano essere portate in un porto sicuro e quelli libici, nonostante la mistificazione della realtà da parte del governo italiano, non possono essere considerati tali”.

Il caso della Asso Ventotto, che per il momento non ha alcuna conferma ufficiale, sarebbe un precedente importante. Sì perché la Ue pochi giorni fa ha ribadito che non riconosce la Libia come un porto sicuro e che quindi le navi europee non dovrebbero riportare lì gli immigrati soccorsi in mare. Il presidente della Camera, Roberto Fico, ieri aveva ripetuto il diktat di Bruxelles: “I migranti non possono essere riportati lì”. Ma il governo, a quanto pare, ha deciso diversamente.

L’esecutivo gialloverde già venti giorni fa si era imposto in un caso simile, quello della nave di supporto a una piattaforma petrolifera, la Vos Thalassa, che dopo aver soccorso degli immigrati stava per consegnarli ad una motovedetta libica quando un tentativo di rivolta a bordo – i clandestini temevano di essere riportati indietro – ha convinto il comandante ad invertire la rotta e a chiedere l’aiuto della Guardia costiera italiana che prese poi a bordo della nave Diciotti gli immigrati sbarcandoli a Trapani dopo l’ingerenza del presidente della Repubblica Sergio Mattarella.

Intanto, il ministro dell’Interno Matteo Salvini su Twitter smentisce il coinvolgimento della Guardia costiera italiana: “La Guardia Costiera Italiana non ha coordinato e partecipato a nessuna di queste operazioni, come falsamente dichiarato da una Ong straniera e da un parlamentare di sinistra male informato“. La Guardia Costiera Libica nelle ultime ore ha salvato e riportato a terra 611 immigrati. Le ONG protestano e gli scafisti perdono i loro affari? Bene, noi andiamo avanti così!#portichiusi e #cuoriaperti”.

Infine, l’Unhcr ha detto che sta “raccogliendo tutte le informazioni necessarie sul caso del rimorchiatore italiano #AssoVentotto che avrebbe riportato in Libia 108 persone soccorse nel Mediterraneo”.

Fonte: https://www.ilprimatonazionale.it/primo-piano/nave-italiana-soccorre-e-riporta-in-libia-gli-immigrati-e-la-prima-volta-90504/

Una Risposta

  • BRAVO comandante di Asso Ventotto ! Cosi si fa ! Un comandante che ama l’Italia e non falso buonista di m…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *