Non moriremo Saviano

Povera Costituzione, tirata a destra e a manca per convenienza e partigianeria. E ora lo fa anche lo scrittore che odia Salvini

di Alessandro Sallusti

Roberto Saviano, probabilmente dal suo attico di New York dove vive ben protetto (o forse da qualche amena, segreta e blindata località vacanziera) scrive che Matteo Salvini andrebbe arrestato perché – impedendo lo sbarco dei 177 immigrati salvati in mare dalla nostra Guardia costiera – sta violando la Costituzione su cui ha giurato da ministro.

Povera Costituzione, tirata a destra e a manca per convenienza e partigianeria. Saviano odia Matteo Salvini, è un suo diritto garantito dalla Costituzione, la quale è stata pensata anche per permettere a gente come lui – e a tutti gli ignoranti, arroganti, stupidi e incattiviti – di poter esprimere liberamente il proprio pensiero. Ma per fortuna la Costituzione dice anche altre cose. Per esempio – articolo uno – che la sovranità appartiene al popolo, non agli scrittori e neppure ai magistrati. E il popolo ha deciso che al governo ci andasse Salvini, non gli amici di Saviano. Amici, tipo la Boldrini, che proprio per le loro idee sull’immigrazione sono stati sonoramente bocciati.

Andiamo oltre. La Costituzione determina e regola diritti e doveri dei cittadini italiani, non di quelli della Tunisia o del Niger. Ovviamente – articolo due – impone a chiunque di rispettare i diritti inviolabili dell’uomo, che nel caso degli immigrati in questione non sono quelli di sbarcare a Catania ma di essere salvati, accuditi, e curati. Cose che sono avvenute e stanno avvenendo in condizioni di massima sicurezza a bordo della nave Diciotti. E siamo pure nel pieno rispetto dell’articolo dieci, che recita: «…la condizione giuridica dello straniero è regolata dalla legge in conformità delle norme e dei trattati internazionali», visto che il salvataggio di questi disperati è avvenuto in acque maltesi e che pertanto il loro approdo – in base proprio ai trattati – non è Catania ma doveva essere Malta o, in subordine, in quota parte tra tutti i Paesi della Comunità europea.

Ma soprattutto, qualsiasi cosa pensi Saviano, è venuta l’ora di applicare l’articolo 52 della Costituzione: «La difesa della Patria è sacro dovere dei cittadini». E noi, da un po’ di tempo a questa parte, sia pure con prassi inedite e discutibili, stiamo finalmente difendendo la Patria dai trafficanti di uomini, dalla mafia libica, dall’infiltrazione di terroristi e dal caos sociale. Sempre che qualche solerte magistrato non ci arresti Matteo Salvini per sequestro di persone, come chiede Saviano. Impossibile? Siamo in Italia, Paese dove un premier molto amato dagli italiani fu fatto fuori per via giudiziaria. Non ricordo il nome, ma iniziava per B.

http://m.ilgiornale.it/news/2018/08/23/non-moriremo-saviano/1567295/

Una Risposta

  • Questo paese è pieno di gente che accusa Salvini, di radical chic che fanno i loro discorsi sui “corridoi umanitari” ma si guardano bene
    dall’andare a vivere nei quartieri dove ci sono le bande delle “risorse” che loro hanno fatto entrare a spese dei poveri italiani.
    Loro se ne fregano dei 10 milioni di italiani sulla soglia di povertà; perchè loro
    di “italiano” non hanno niente, sono la rovina di questo paese, sono i “comunisti” diventati i “cortigiani” del capitalismo “globale”….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *