Fede, immigrazione, accoglienza business

Risultati immagini per vescovi impiccioni con Salvini

Riceviamo con cortese richiesta di pubblicazione questa cortese e condivisibilissima lettera di una “cattolica perplessa”…

LA LETTERA DEL LETTORE

Lettera aperta

S.E. Monsignor Gianfranco Agostino Gardin

Treviso

vescovo.segreteria@diocesitv.it

S.E. Monsignor Corrado Pizziolo

Vittorio Veneto

vescovo@diocesivittorioveneto.it

Dr.ssa Valentina Carzavara

c/o La Tribuna di Treviso

provincia@tribunatreviso.it

Castelfranco Veneto 28-09-2018

In data 26 settembre 2018, sulla Tribuna di Treviso si trova un articolo firmato da Valentina Calzavara, dal titolo:

il monito della Chiesa alla Lega «La fede non si fa strumentalizzare››

Lo stesso giorno il quotidiano LIBERO, in prima pagina titola:

Loro accolgono, noi paghiamo

VESCOVI IMPICCIONI CONTRO SALVINI

Il tutto naturalmente corredato dall’articolo di Vittorio Feltri.

Senza entrare nei dettagli degli articoli, l’argomento trattato riguarda: gli immigrati, la fede, il Vangelo, l’accoglienza, ecc. ecc.

Quello che mi interessa è andare oltre cercando di approfondire alcuni aspetti che per dimenticanza, distrazione, ignoranza (non conoscenza), cattiva fede, ecc. non vengono presi in considerazione.

Quale dovrebbe essere il ruolo della Chiesa nel mondo, quale dovrebbe essere il ruolo del politico, quali sono le cose giuste per il bene della società (famiglia, comune, provincia, regione, stato) e quella dello STRANIERO (dal latino extraneus “estraneo, esterno”).

Alcune domande in ordine sparso:

  • Perché esiste l’immigrazione di massa? È spontanea o provocata? N. B. questa domanda non riguarda sono il tempo presente.
  • Esiste una convenienza? Se si quale?
  • Potere temporale e potere spirituale, devono essere divisi?
  • Quali sono le priorità per l’uomo?

Pochi giorni fa, durante un incontro di lavoro il titolare di una ditta con sede a Bergamo, ci raccontava della sua esperienza di imprenditore in Svizzera in rapporto con la stessa attività in Italia. Ci raccontava che nel Paese di Guglielmo Tell, è tutto perfetto, però lui è scappato. Racconto solo questo fatto: se una persona ha difficoltà economiche, lo stato sociale interviene, nei seguenti modi: alloggio e utenze a carico dello Stato, stipendio in cambio di lavori socialmente utili. Con tutto questa perfezione la Svizzera ha una percentuale di suicidi altissima: Allora come mai con problemi materiali pari a ZERO, ci sono tanti suicidi?

Le parole di Cristo: non di solo pane vivrà l’uomo, ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio.

Per i Cattolici hanno un senso? Forse la Svizzera, è un po’ troppo calvinista?

Il tutto si collega, sempre con le parole di Cristo:

Perciò vi dico: per la vostra vita non affannatevi di quello che mangerete o berrete, e neanche per il vostro corpo, di quello che indosserete; la vita forse non vale più del cibo e il corpo più del vestito? Guardate gli uccelli del cielo: non seminano, né mietono, né ammassano nei granai; eppure il Padre vostro celeste li nutre. Non contate voi forse più di loro? E chi di voi, per quanto si dia da fare, può aggiungere un’ora sola alla sua vita? E perché vi affannate per il vestito? Osservate come crescono i gigli del campo: non lavorano e non filano. Eppure io vi dico che neanche Salomone, con tutta la sua gloria, vestiva come uno di loro. Ora se Dio veste così l’erba del campo, che oggi c’è e domani verrà gettata nel forno, non farà assai più per voi, gente di poca fede? Non affannatevi dunque dicendo: Che cosa mangeremo? Che cosa berremo? Che cosa indosseremo? Di tutte queste cose si preoccupano i pagani; il Padre vostro celeste infatti sa che ne avete bisogno. Cercate prima il regno di Dio e la sua giustizia, e tutte queste cose vi saranno date in aggiunta. Non affannatevi dunque per il domani, perché il domani avrà già le sue inquietudini. A ciascun giorno basta la sua pena.

E ancora:

Maria allora, presa una libbra di olio profumato di vero nardo, assai prezioso, cosparse i piedi di Gesù e li asciugò con i suoi capelli, e tutta la casa si riempì del profumo dell’unguento. Allora Giuda Iscariota, uno dei suoi discepoli, che doveva poi tradirlo, disse: «Perché quest’olio profumato non si è venduto per trecento denari per poi darli ai poveri?». Questo egli disse non perché gli importasse dei poveri, ma perché era ladro e, siccome teneva la cassa, prendeva quello che vi mettevano dentro. Gesù allora disse: «Lasciala fare, perché lo conservi per il giorno della mia sepoltura. I poveri infatti li avete sempre con voi, ma non sempre avete me».

Questo dovrebbe essere sufficiente, per chi ha orecchi per intendere, ma andiamo avanti per chi ha problemi otite, misofonia, ipoacusia più o meno grave.

Comunque per risolvere il problema di TUTTI i poveri esiste un sistema, è pure semplicissimo da applicare, però se manca la FEDE e si pensa solo al MATERIALE, fallisce ancora prima di iniziare

Il 20 settembre è stato ricordato il triste (per qualcuno felice) anniversario della breccia di Porta Pia e con essa la fine del potere temporale del Papa.

Chi ha voluto tutto ciò? Oggi esiste qualche Cardinale, Vescovo, Sacerdote, che spieghi il perché di questo fatto? Dei suddetti chierici, qualcuno spiega oppure è a conoscenza della vendita da parte di Montini della Tiara o Triregno?

Nel Padre Nostro, diciamo: adveniat regnum tuum;fiat voluntas tua,sicut in cælo, et in terra. (Scusate la forma nella lingua ufficiale del Vaticano). Sia Fatta la Volontà di Dio in cielo e in terra, a mio avviso significa che non esiste distinzione tra il potere temporale e spirituale nel suo agire.

Il tutto era reso visibile nelle mani del Sommo Pontefice Vicario di Cristo in terra, tutti gli altri Imperatori e Re CATTOLICI, avevano il potere temporale e sottostavano al Sommo Pontefice, con questo ordine abbiamo avuto nella storia diversi Imperatori e Re Santi.

A memoria non mi risulta nessun politico italiano sia criticato così aspramente e frequentemente come Salvini da parte del clero, eppure di politici da criticare per le loro scelte negli ultimi cinquant’anni sono tantissimi. Vorrei solo ricordare due fatti: legge sul divorzio, legge sull’aborto. Leggi approvate con Governi a guida D.C. per antonomasia cattolici, scomuniche o altro ZERO. Senza dimenticare quanti clerici votano a sinistra e quindi sono scomunicati LATAE SENTENTIAE, con decreto del Sant’Uffizio del 01-07-1949. Quante Curie appoggiano e votano giunte di sinistra.

In riferimento ai rapporti clero politica, è risaputo che il Vaticano e di conseguenza il clero sono le fonti più informate di tutto quello che succede ovunque.

È noto che Pio XII, non volle mai ricevere Alcide de Gasperi, eppure era il Capo della Democrazia Cristiana, ma evidentemente le informazioni sulla “moralità” in senso lato era diversa da quella apparente. Un fatto può far capire Alcide de Gasperi, la sua partecipazione alla prima riunione nel 1954 al Bilderberg, oggi con l’apertura al mondo al Bilderberg 2018, ha partecipato anche il Cardinale Parolin.

Come valuterà detta partecipazione Nostro Signore Gesù Cristo?

Per i dettagli dell’immigrazione attuale è propedeutico leggere il PIANO KALERGI.

Per favore non dite: anche noi siamo stati immigrati.

Devo elencare le differenze psico, fisico, economiche, ecc. ecc. tra la situazione dell’immigrazione attuale con quella del passato, sia in Italia che in Europa? Vogliamo ONESTAMENTE valutare il “disagio sociale” (sono politicamente corretta) di tutte queste situazioni volute da chi ha solo uno scopo la MORTE del genere umano essendo ministro di satana.

Vorrei fare una domanda: perché i chierici non si vestono più in talare?

È vero che l’abito non fa il monaco. Però un monaco senza abito è monaco?

ALLEGATO: TRIBUNA LEGA FEDE CHIESA

Giuseppina Sarto

7 Risposte

  • Ad ora ho ricevuto circa 100 conferma di lettura, ma NESSUNA risposta. Credo sia quasi impossibile che qualcuno scriva qualcosa

  • per il momento questa è l’unica risposta che ho ricevuto.
    Gent.le sig.ra Giuseppina Sarto,
    la informo che il Vescovo Gardin ha ricevuto la sua mail e la ringrazia per la condivisione del suo pensiero sugli argomenti affrontati.

    Distinti saluti
    don Matteo Andretto
    Segretario

  • Ma che bravo ! ma che bontà rispondere da parte del Gardin (“vescovo”) ! ma com’è buono lei,vescovo ! Degnarsi di rispondere con quelle magnifiche parole …”la condivisione di pensiero”….
    Giuseppina, però, non speri altro, non s’allarghi troppo…dai frutti li giudicheremo e saranno, pure , giudicati, anche se non ci credono più,”loro” !

  • Questo è il tempo della condivisione di ogni opinione individuale. Si è tutti uniti in un tuttismo orgiastico dal fascino primordiale. Infondo l’uomo, antropologicamente parlando, ha sempre subito il fascino dell’unione orgiastica col tutto e col niente, l’egualizzazione di ogni pensiero, di ogni volontà. Oggi la massima espressione della bontà è, appunto, condividere livellando ogni cosa. Gli unici cattivi, ma ancora per poco, sono quelli che osano disturbare la pace del tutto e del niente azzardandosi a pretendere la verità. Bisogna ricordare sempre a questi che la pace viene solo dalla condivisione del tutto e del niente. Che fatica!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *