Bergoglio vuole vendere le chiese

Risultati immagini per vendiamo le chieseRiceviamo e pubblichiamo questa lettera ricevuta per la pubblicazione da una nostra lettrice

LETTERE DEI LETTORI

di Barbara Torre

Jorge Mario Bergoglio

C/O DOMUS SANCTAE MARTHAE

Piazza Santa Marta

00120 Città del Vaticano

Alle Diocesi e alle Parrocchie

Addì 04-12-2018

Oggetto: vendita delle chiese

Ho appreso dai media la proposta fatta di vendere le chiese e il ricavato darlo ai poveri.

La prima domanda che mi sorge spontanea: in questo modo ELIMINEREMO PER SEMPRE i poveri? Impossibile!

La seconda domanda: ma sapete quanti soldi sono stati spesi per DISTRUGGERE Tabernacoli, Reliquie, Altari, Balaustre, Presbiteri, Arredi Sacri, Paramenti ed intere Chiese? Ma sì che lo sapete!

E quanto distrutto fu sostituito con brutture – satan-massoniche o pseudo pauperistiche – pagate a prezzi vertiginosi perché firmate dalle archistar di grido.

Terza domanda: visto la costante diminuzione delle persone che frequentano la nuova chiesa in Europa, come mai sono state costruite “chiese” tipo il “cubo” di Fuksas, il “santuario” a San Giovanni Rotondo di Piano, per nominarne solo due?

Queste milionate ad archistar non potevate usarle per i poveri? Sì che avreste potuto, ma volevate erigere templi satanici!

Le persone confuse da decenni di conciliarismo non riescono a reagire ma noi – per grazia di Dio rimasti cattolici – invece reagiamo.

I destinatari della presente, si sono chiesti perché le chiese una volta erano frequentate e ora sono e saranno sempre più disertate?

Rammentiamo come il clero ha sempre aiutato i poveri in tutto.

Facciamo degli esempi:

  • i monasteri fucine di spiritualità in primis e di creazione di “posti di lavoro e di sviluppo tecnologico” come diremo oggi;
  • i missionari, una volta sparsi per il mondo – ma oramai estinti grazie alla nuova chiesa conciliare – quanti poveri hanno aiutato spiritualmente e materialmente, convertendoli, insegnando loro un lavoro e la dignità di essere membri della Chiesa Una Santa Cattolica ed Apostolica.
  • le scuole cattoliche – di ogni ordine e grado – ove i poveri venivano istruiti gratuitamente, ora trasformate in scuole d’élite.

E questi sono solo tre esempi.

I cattolici sanno che il benessere materiale è fecondo SOLO se prima c’è il benessere spirituale. Evidentemente le parole di Cristo … “occupatevi delle cose del Padre Mio e il resto vi sarà dato in sovrappiù” …, non valgono più?

Più precisamente non valgono per la vostra nuova chiesa.

Allora anziché vendere perché non tornare ad essere cattolici?

Siate informanti che un crescente numero di persone ha capito che la famosa “primavera” era un progetto ben preciso per fare precipitare la Chiesa nell’attuale profondo inverno che porterà la falsa chiesa visibile verso una fusione sincretista.

Assisi con il suo festival ha aiutato a far aprire gli occhi. Prima si profana la città ora si è profanato anche il nome del santo!

San Francesco d’Assisi vieni presto in nostro aiuto!

Nel giorno del dies natalis cosa dirà Nostro Signore degli edifici nemmeno riutilizzabili come magazzini, e ora della vendita anzi svendita delle Sue dimore? Cosa dirà della importazione dall’Africa e dall’Asia di giovani e di famiglie che hanno abbandonato il loro paese di origine alla mercé degli speculatori per venire ad essere “aiutati” a scapito degli aiuti agli italiani/europei? Cosa dirà della vostra distruzione dei missionari cattolici? Cosa dirà della favola della “nuova evangelizzazione” che avrebbe dovuto riempire le chiese ma fatalmente le ha svuotate? Infatti non si converte più quindi i nuovi arrivi rimarranno islamici, sikh, buddisti …. Le chiese svendute saranno per loro.

Siete ben consapevoli che le CHIESE, capolavori d’ARTE sono state costruite anche con il denaro della povera vecchietta citata da Nostro Signor Gesù Cristo e con il lavoro di tanti fedeli cattolici per rendere gloria a Dio?

Voi fate come il ladro Giuda Iscariota, che si scandalizzò perché la Maddalena spese 300 denari per onorare il Signore invece di darli ai poveri, ma finì col vendere il Signore per 30 denari d’argento che non diede ai poveri, e fu la sua rovina.

Anche a voi, quali traditori, non potete escludere una fine diversa quando il Dio misericordioso sarà giudice.

Il Signore ci ha insegnato che i poveri saranno sempre con noi, ed è per questo che sin dall’inizio la Chiesa Cattolica ha prodotto in ogni epoca luminosi Santi della carità ed innumerevoli fedeli di buona volontà che hanno gettato le basi di una grande civiltà cristiana che voi – della nuova chiesa – ponendovi dalla parte dei suoi nemici, vi siete adoperati per distruggere.

Il beato Pio IX con veggenza di santo qual era ebbe a rispondere ad un cardinale che voleva rincuorarlo ricordandogli che la Barca di Pietro, secondo la promessa di Gesù, non sarebbe stata preda della tempesta, rispose … “è vero, ma il Signore non ha parlato dell’equipaggio”.

Questo è il nostro periodo storico: l’equipaggio visibile rema contro. Ma non riuscirete a distruggere il piccolo resto, ossia la vera Chiesa Una Santa Cattolica e Apostolica.

CONVERTITEVI! CHE CRISTO ABBIA PIETÀ DI NOI!

P.S.

Un piccolo video per capire la differenza tra una Cattedrale tipo Chartres e il cubo di Fuksas.

https://www.youtube.com/watch?v=iwQPFnMq_Q

 

2 Risposte

  • però come sono bravi, hanno scritto CHIESA sull’edificio nella foto. Una volta non serviva. Già ma una volta non sapevano LEGGERE!!!!!

  • GIUSEPPINA mi consenta, i miei nonni al tempo di marco caco non sapevano leggere o scrivere erano al limite della fame però sapevano distinguere un edificio da un altro ,sapevano chi era il santo del giorno sapevano sempre che cosa si sarebbe letto in chiesa ogni singolo giorno del calendario ,e pensare che non sapevano leggere o scrivere ,chi sia magia? la verita’ e’ che quando avevano poco non si correva dietro al modernismo o al consumismo , bastava un pezzo di pane e si stava con DIO . E’ quindi dimostrato che consumismo e modernismo ( applicato male) hanno allontanato le genti dalla CHIESA . Da tutto questo nasce la necessita’ di scrivere chiesa su un edificio qualsiasi ( tanto chiesa o balera non fa differenza )e per fortuna che sappiamo LEGGERE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *