Il Sudafrica verso l’esproprio

A man dressed in traditional Voortrekker (Boer who took part in the Great Trek migration from the Cape colony towards east and north in the 1830') attire, holds a Flintlock gun at the Voortrekker Monument on Heritage Day on September 24, 2018. - People of Afrikaner descent gathered at the Voortrekker Monument in Pretoria on September 24, 2018 to celebrate Heritage day. (Photo by WIKUS DE WET / AFP) La terra in Sudafrica è un elemento che va oltre la sua già importante funzione economica. Il controllo della terra e delle sue risorse, la possibilità di possedere ettari e fattorie sono circostanze che vanno ad incidere e non poco anche sulla questione più sentita nel paese: quella cioè razziale e che riguarda le rivendicazioni delle ante etnie che compongono la nazione sudafricana. Nel 1913 il Native Land Act è stato visto, già all’epoca, come antesignano di possibili tensioni e scontri tra popolazione bianca e popolazione nera. Con quella norma comprare od affittare terra in Sudafrica diventa molto difficile, di fatto ai neri vengono precluse molte possibilità in tal senso ed in alcuni casi si arriva anche all’esproprio. Oggi la storia si ripete con tutto il carico delle preoccupazioni che arrivano quando, nel paese, si parla di terra. Ma questa volta la situazione è rovesciata: è il governo, guidato dall’African National Congress, che vuole dare la possibilità allo Stato di espropriare le terre senza compensazione e redistribuirle. Adesso è la popolazione di origine europea, gli afrikaner, a temere maggiormente. 

Il voto del parlamento sudafricano

Nei giorni scorsi il parlamento di Città del Capo, dove ha sede nonostante i palazzi governativi siano nella ben più lontana Pretoria, ha di fatto dato il primo via libera al progetto di esproprio delle terre. Per la verità l’iter è molto lungo, in quanto di mezzo vi è una riforma costituzionale da attuare. In particolare, per poter dare vita al piano del governo circa le terre da redistribuire occorre la modifica della sezione 25 della Costituzione. Lì c’è già un passaggio che parla di espropri, ma prevede delle compensazioni onerose. Adesso l’obiettivo è toglierle: se lo Stato lo ritiene opportuno, in futuro le terre possono essere espropriate senza versare un soldo nei confronti dell’ex proprietario. Nei mesi scorsi il parlamento ha dato via libera all’istituzione di un commissione incaricata proprio della modifica della sezione 25. Con il voto di pochi giorni fa, i parlamentari hanno espresso il proprio parere favorevole al rapporto della commissione.

Con 209 voti favorevoli e 91 contrari, così come si legge anche nel Tweet della pagina del parlamento sudafricano, al rapporto viene riconosciuta legittimità ed adesso l’organo legislativo può proseguire i propri lavori per arrivare alle leggi di modifica vere e proprie. Verrà posta in essere la redazione di una proposta di revisione in base anche al rapporto della commissione approvato, ma l’iter prevede il passaggio prima in una fase di dibattito pubblico, successivamente occorre il voto di entrambe le camere del parlamento sudafricano. Solo allora la norma può passare al vaglio della firma del presidente Ramaphosa. Tempi dunque lunghi, ma già da adesso i dibattiti sono accesi tra chi parla di “giusta pretesa” per i neri privati delle terre durante l’apartheid e chi, dall’altro lato, teme l’inizio di una vera persecuzione contro gli afrikaner.

I timori per la riforma

Il punto è proprio la questione della sicurezza. Il Sudafrica è una nazione con vasti territori poco popolati, lì risiedono gran parte dei proprietari terrieri afrikaner. Le loro fattorie sono spesso isolate, il timore di molti di loro è che con gli animi più accesi e con la prospettiva dell’esproprio, diventi impossibile difendersi da chi vorrebbe approfittare della situazione per prendere le terre anche con la violenza. Il Sudafrica è già uno dei paesi più insicuri al mondo e la situazione negli ultimi anni appare di gran lunga peggiorata. Il tasso di omicidi è elevato, nelle metropoli come nelle campagne. La situazione è specchio di un’economia al collasso: disoccupazione elevata, molte attività ferme, crescita sempre più rallentata, una miscela esplosiva per una società già di per sé attraversata da mille tensioni.

Ma i timori per gli afrikaner non si limitano alla sicurezza: “Sono a rischio i diritti di proprietà“, è l’accusa lanciata dal Democratic Alliance, principale partito di opposizione. Il pericolo di un’indiscriminata persecuzione economica nei confronti della minoranza bianca già da settimane viene sollevato da più parti. Lo stesso presidente Ramaphosa è stato “costretto”, nel corso di una sua recente visita a Bruxelles, a tranquillizzare il Parlamento Europeo: “Non temete: non ci saranno espropriazioni massicce di terre o azioni abusive”, ha dichiarato davanti ad alcuni parlamentari. Ramaphosa è leader di un partito guida per il Sudafrica, essendo quello fondato da Mandela ed essendo al governo ininterrottamente dal 1994, che però è messo in crisi dagli insuccessi economici e dagli scandali di corruzione. Ha dunque bisogno del sostegno e della ritrovata fiducia della popolazione di colore, ma le sue dichiarazioni appaiono mostrare un lato più moderato. Diversa invece la situazione per ciò che concerne l’altro partito a favore del progetto di riforma, ossia l’Eff: “L’esproprio è giustificato – dichiara il portavoce Mbuyiseni Ndlozi – Perchè non sono realmente terre dei bianchi. Loro devono mostrare rimorso e cedere la terra”.

I timori sono anche di chi, con la memoria, a proposito di esproprio e redistribuzione delle terre, va al 2000. In quell’anno, nel vicino Zimbabwe, l’ex presidente Mugabe ha dato il via ad una riforma molto simile, che prevede l’esproprio di molte terre in mano alla popolazione di origine europea e la redistribuzione ai neri. Dopo quella riforma il paese africano è entrato in una grave fase di crisi: espropri a volte fin troppo forzati, confusione in fase di riassegnazione, fallimenti di imprese e fattorie, razioni di cibo sempre più ridotte. Chiaro segno di come, al di là degli aspetti etici e razziali, se non gestita bene la redistribuzione rischia di bloccare l’economia. E in questo momento il Sudafrica non sembra essere un paese dai nervi saldi, in cui peraltro ci si possa permettere il rischio di infierire sull’economia.

fonte: http://www.occhidellaguerra.it/il-sudafrica-verso-l-esproprio-delle-terre-ai-bianchi/

Una Risposta

  • Quando in Sudafrica arrivarono i boeri ERA TERRA SENZA NEGRI escluso i boscimani del deserto del Kalahari. Poi arrivarono a frotte, i negri vicini, perchè i bianchi avevano dissodato terre e la natura diventava accogliente.
    L’invidia anglosassone scatenò l guerra “anglo/boera” dove Churchill giovane cominciò la sua esperienza bellica e Baden Powell (massone) imparò alcune metodiche e le insegnò ai boy-scout. Chi ne fece le spese furono ovviamente i coloni Boeri. Ora con il parlamento formato da prevalenza negra, ne fanno le spese ancora, dopo essere stati manovrati per bene dalla De Beer , esclusivista per ogni diamante trovato in Sudafrica (nessuno può vendere alcun diamante, se non vende alla De Beer, ebraica).
    Non solo, ma ora bande di negros scorazzano nei territori e devastano le fattorie isolate dei coloni bianchi, ammazzando come fecero i “simba” al tempo delle guerre coloniali. Risultato ? I coloni bianchi se ne vanno a cercare altre zone in Europa e trovano ottime offerte in Russia !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *