La sfida del presente: globalità contra sovranità

Ricordiamo che stasera a partire dalle 21.20 su RAI3 andrà il onda la puntata intitolata “DIO, PATRIA E FAMIGLIA”, all’interno della quale ci saremo anche noi di “Christus Rex-Traditio” in un servizio in differita da Verona, girato ad ottobre 2018, dopo l’approvazione delle mozioni che scoraggiano l’aborto in Consiglio Comunale. Domani, invece, una nostra delegazione sarà protagonista di un documentario francese che sarà girato, in parte, a Verona da una troupe che lo manderà in onda nel mese di Febbraio. Il libro del nostro Matteo Castagna sul tema del globalismo e del sovranismo continua a far parlare di sè, addirittura a livello europeo. Si parla già di una possibile traduzione in inglese. Se son rose, fioriranno…A.M.D.G.

di Umberto Bianchi

Fonte: Ereticamente

Si fa un gran parlare del nuovo rallentamento dell’economia mondiale. Si dice i dazi di Trump abbiano messo in difficoltà il gigante cinese. Si dice pure che, però, lo stesso gigante cinese stesse già attraversando, di suo, un periodo di difficoltà, determinato da una consistente diminuzione delle importazioni, e perciò stesso del consumo interno, accompagnato da una altrettanto consistente diminuzione delle esportazioni unita alla, più volte denunciata, scarsa efficienza delle aziende statali.
All’ultimo G20 è stato lanciato in modo chiaro e perentorio, l’allarme sulla attuale situazione della Cina, vista quale elemento di forte destabilizzazione e rallentamento dell’economia mondiale. Ad aggravare l’intera situazione il fatto che la Cina rappresenta, al pari della Germania e del Giappone, uno di quei paesi la cui bilancia commerciale era sinora squilibrata tutta in direzione delle esportazioni e che, al fine di un riequilibrio degli equilibri commerciali globali, aveva dovuto incentivare il proprio mercato interno attraverso un aumento delle importazioni. Ora i dazi promossi, oltrechè quelli prospettati, dall’amministrazione Trump, altro non hanno fatto che mettere in risalto una situazione preesistente.
Non sono chiaramente mancati i soliti e coccodrilleschi consigli FMI, tutti imperniati su una fantomatica “armonizzazione” delle politiche monetarie, basata su una certa asimmetria di queste, per cui i Paesi del Terzo Mondo bene farebbero a svalutare le proprie divise, al fine di favorire le proprie esportazioni, mentre gli occidentali (UE in particolare…) dovrebbero procedere con più cautela, per non compromettere i propri delicati equilibri geoeconomici. Il tutto all’insegna della cantilena demonizzatrice di qualunque forma di protezionismo delle singole economie nazionali, vista dai “commis” del FMI come il fumo negli occhi.
Consigli ed ammonimenti proferiti quasi a voler esorcizzare l’ultima levata di scudi del Presidente Usa Trump, contro l’aumento del costo del denaro, varato dalla Federal Reserve e foriero di non pochi problemi alla crescita interna degli Usa. Un evento questo, che ha visto per la prima volta, forse, un presidente Usa schierarsi in modo così aperto e duro contro un provvedimento di una delle massime istituzioni finanziarie pubbliche mondiali. Il che ci porta ad una riflessione, che travalica gli angusti tecnicismi della macroeconomia.
La progressiva e sinora inarrestabile tendenza alla finanziarizzazione delle economie di mezzo mondo, accompagnata da quella ad emettere pervasivamente, urbi et orbi, senza limiti e confini, titoli a cui non corrisponda un valore reale, contagiando le economie sane con la mania di scommesse virtuali, foriere di ricorrenti e violente crisi economiche e finanziarie, comincia a mostrare i propri limiti ed a trovare delle voci di dissenso, anche nei piani alti della politica e del mondo dell’economia. Se, inizialmente, questo dissenso, aveva preso corpo in singole individualità legate al mondo della teoria economica ed in altrettanto singole individualità politiche, spesso relegate ad un ruolo marginale e talvolta demonizzato, in ambito internazionale, da un po’ di tempo a questa parte, le cose sembrano aver preso una piega differente.
Un serpeggiante malcontento ha preso piede nelle più avanzate nazioni del mondo industrializzato, Europa ed Usa in testa. Ingenerato questo, da politiche neoliberiste incentrate su un mix di consistenti tagli alle spese sociali, fiscalità oppressive, carovita e crescente disoccupazione, accompagnate da una politica di incentivazione del fenomeno “migratorio”, al fine di sostituire i ceti lavorativi delle singole nazioni, con una massa amorfa di diseredati provenienti dalle aree più povere del Pianeta, dal costo infinitamente minore e totalmente sfornite di quella attitudine alla rivendicazione dei diritti inerenti alle condizioni del lavoro. Il tutto, non senza l’aggiunta della sciagurata pratica della delocalizzazione che permette di trasferire intere attività fuori dai propri confini nazionali, al fine di produrre a costi molto più economici, grazie ad una mano d’opera a costo infinitamente minore. Il tutto, a detrimento di quei ceti lavorativi che, ad oggi, rischiano di trovarsi repentinamente privati dei propri posti di lavoro, senza poter nulla dire o fare, se non constatare l’avvenuta chiusura dell’attività.
Tutto ciò, ha determinato un ragguardevole consenso di quelle che, ad oggi, possono esser definite formazioni di tipo “populista”. Movimenti questi, sulla cui natura, abbiamo già avuto modo di trattare più diffusamente ed approfonditamente in altra sede. Ciò su cui, invece, ci preme appuntare l’attenzione , è la modalità “trasversale” e “sovranazionale” in cui questo scenario va prefigurandosi. Ed il contrasto tra il presidente Trump e certo establishment finanziario Usa a conduzione “democrat” , ne è il segnale più evidente. Il segnale di una guerra asimmetrica giuocata su più fronti e con più sfaccettature , senza esclusione di colpi.
Se, da una parte, dal punto di vista formale, riguardo allo scacchiere geostrategico, tra Usa e Federazione Russa sono andati acuendosi i contrasti su alcuni nodi (questione Crimea, gestione dell’ “affaire” Siria, sanzioni all’Iran, Cuba ed altre quisquilie ancora…) dall’altro sembra che, un indelebile, ma solido filo ideologico leghi la figura di Trump a quella di Vladimir Putin, ambedue animati da un atteggiamento di quiescenza, se non addirittura, di malcelata simpatia verso gli esponenti più in vista della nuova onda populista europea, alla Marine Le Pen o alla Salvini. Una sensazione questa, di cui gli l’inchiesta della magistratura Usa sui presunti appoggi russi alla campagna elettorale di Trump, sembra esser la cartina di tornasole.
Il che lascia prefigurare un trasversale asse ideologico che sembra apparentare le varie anime del populismo europeo all’attuale amministrazione Usa ed alla Russia di Putin, non senza l’inquietante presenza del Brasile, passato dalla gestione progressista del trabalhista Lula, al populismo di un Bolsonaro. A questo strano e confuso asse, a livello geopolitico e geoeconomico, sembrano contrapporsi Cina, India ed alcune tra le tigri del Sud Est asiatico , tendenzialmente fautrici di una globalizzazione spinta. Lo stesso mondo arabo ed islamico si trova, ad ora, di fronte alla difficile e quanto mai contrastante situazione di un generalizzato calo del prezzo del petrolio, affiancato all’aumento di produzione di quello stesso petrolio da parte degli Usa che, in tal modo, finirebbero con lo sminuire in modo rilevante il ruolo geopolitico e geoeconomico di questi ultimi.
I recenti contrasti con l’Arabia Saudita in tema di diritti umani, a seguito del sequestro e dell’omicidio del giornalista Jamal Kashoggi, accompagnata da un incremento della propaganda per i diritti umani in quel Paese, sono la controprova di quanto esposto. Gli stessi contrasti con la Turchia di Erdogan, sorti a partire dalla vicenda del tentato golpe del 2016, sino ad arrivare ai dazi dell’agosto dell’anno appena trascorso sull’alluminio e sull’acciaio turchi, sino ai contrasti sulla gestione del problema della presenza delle milizie curde in Siria, contro gli integralisti di Daesh, sono una ulteriore dimostrazione di quanto sin qui affermato. Una Globalizzazione “a gogò” ha sinora giuocato tutta a favore di questi ultimi Paesi che ora, invece, con la paventata politica trumpiana degli accordi bilaterali, potrebbe esser seriamente messa in discussione.
Due fronti trasversali e sovranazionali contrapposti. Due modalità di intendere le relazioni economiche e politiche, altrettanto contrapposte. Sovranità contra Globalità. Delle due, quella Sovranista, sembra esser l’istanza più confusa. Una nebula di posizioni spesso contrastanti, che vanno dal nazionalismo di una Marine Le Pen, al conservatorismo di un Orban, al bicefalo populismo del nostrano governo giallo-verde, al protezionismo di Trump, sino al reazionario e confuso populismo del brasiliano Bolsonaro ed oltre ancora, la galassia sovranista ed identitaria, è un disordinato affastellato di posizioni ed istanze, spesso in contrasto tra loro. Identitarismo e Sovranismo, in modo sia pur confuso ed incoerente, sembrano, oggi più che mai, rappresentare la cartina di tornasole del fallimento del Liberismo, al momento coniugato in salsa progressista, per indicarci l’inizio di una via d’uscita da quella Torre di Babele Globalista all’interno della quale sono, ad oggi, rinchiusi i nostri destini e nella quale, tuttora , ripongono le proprie illusorie speranze il sistema mass mediatico e gran parte di un “embedded” establishment politico ed economico mondiale.
Una guerra civile mondiale strisciante va, dunque, preannunciandosi. Una lotta che, contrariamente alle istanze rappresentate dalle grandi narrazioni ideologiche del19° e del 20° secolo, nasce inizialmente animata da motivazioni puramente pragmatiche, ovverosia una consistente parte dei rappresentanti della politica e dell’economia globali si sono, ad un certo punto, resi conto dei limiti obiettivi del capitalismo Liberista, che ha mostrato la propria natura di incontrollabile e destabilizzante volatilità ed hanno deciso di porre dei freni ed apportare dei robusti e decisivi correttivi, all’intero sistema.
Il tutto, non senza incontrare, però, dei decisivi contrasti al proprio interno, incentrati proprio sulle modalità socio economiche di gestire il fenomeno globale. Da una parte l’illimitata apertura di mercati e frontiere, all’insegna di uno sfrenato liberismo, dall’altra più chiusura, più barriere, magari all’insegna di un ritrovato e riadattato keynesismo (ed i provvedimenti del nostrano governo sul redito di cittadinanza sembrano andar proprio in questa direzione…sic!).
Lo stesso contemporaneo fenomeno populista e sovranista, se analizzato nella sua totalità, è caratterizzato da una incipiente dose di “liquidità”: esso è frutto di insicurezza, paure, risentimento e , come abbiamo già accennato, non di ben definite istanze ideologiche. Un fenomeno “liquido” e perciò stesso mutevole, volubile e contraddittorio in molte sue espressioni, non ancora connotato di una sua precisa identità e che se, dovesse limitarsi ad un semplice arrangiamento di prammatica, sotto la regia degli immarcescenti Poteri Forti, rischierebbe di vanificare qualunque serio tentativo di apportare un sostanziale mutamento e rovesciamento di prospettive, tale da intaccare ed abbattere il Nuovo Ordine Mondiale.
Per questo, ora più che mai, è necessario spingere sull’acceleratore del chiarimento ideologico, cercando di dare un’anima ed un’identità precisa e coerente, almeno per quanto riguarda i due pilastri fondamentali di Identità e Sovranità, nella loro più profonda accezione di recupero totale della supremazia della Politica, in quanto Scienza dell’Individuo e della Comunità, sul momento Tecno Economico, che ritornerebbe a ricoprire la funzione di mero strumento, atto ad asservire i fini dell’Individuo e della Comunità e non viceversa, come sinora abbiamo visto.
La qual cosa ci porterebbe sicuramente a perdere qualche compagno di strada, forse animato da troppa incoerenza, confusione o malafede o, più prosaicamente, da tutte e tre le cose assieme. Meglio procedere allora in numero minore, ma con le idee chiare ed un preciso obiettivo, piuttosto che a tentoni, all’interno di una confusa ed incoerente Armata Brancaleone. Ne va dell’ultima possibilità che ci è rimasta, per affrancarci dalla dittatura del Mostro Globale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *