Emma Bonino vorrebbe fermarci. Ecco perche’…

Sembra  che si siano coalizzate tutte le lobby LGBT e femministe radicali contro l’azione di Pro Vita e delle associazioni amiche che stanno organizzando l’imminente Congresso Mondiale delle Famiglie..
In un certo senso li comprendiamo: hanno capito che il Congresso sara’ un evento eccezionale, idoneo a diffondere a livello internazionale la cultura della vita e della famiglia.
Per questo motivo, da giorni, Pro Vita e il Congresso ricevono attacchi di ogni tipo, dalla stampa pro morte, dalle lobby LGBT, dai politici anti-vita e anti-famiglia…

Una delle prime ad attaccare e’ stata Emma Bonino, la quale ha presentato una interrogazione parlamentare diretta a ottenere la revoca del patrocinio della Presidenza del Consiglio dato al Congresso.
Sono seguite decine di articoli di stampa e altre interrogazioni (sia parlamentari che a livello locale), i quali hanno diffuso vere e proprie menzogne per screditare il Congresso Mondiale e Pro Vita: i relatori del Congresso di Verona vorrebbero la morte delle persone omosessuali, sarebbero stati condannati per atti discriminatori, saremmo finanziati da pericolosi oligarchi russi, e non so quant’altro!
Le falsita’ sono innumerevoli e dirette a diffamare il Congresso Mondiale delle famiglie e le associazioni, come Pro Vita, che ne sono gli organizzatori, in modo da ridurre notevolmente il suo impatto e sterilizzare la nostra azione. Dobbiamo contrattaccare con una serie di azioni legali e una campagna di comunicazione.

banner_dona_ora.png

Il tuo aiuto in questo momento e’ della massima urgenza. Ti ricordo che Pro Vita sta sostenendo rilevanti costi legati alle molteplici azioni legali in difesa della liberta’ di manifestare per la Vita e per la famiglia:
– tre cause davanti ai Tribunali amministrativi, contro abusi e censure delle autorita’ pubbliche;
– quattro ricorsi davanti al giudice di pace o autorita’ amministrative contro sanzioni inflitte a causa di nostri manifesti in favore dei bambini nel grembo o contro l’utero in affitto;
– diversi procedimenti penali aperti per episodi di diffamazione di cui Pro Vita e’ vittima… e contro hacker che si infiltrano nei nostri sistemi nel tentativo di bloccare le nostre attivita’ e causare danni.
E ora si aggiungono le innumerevoli azioni legali e la campagna di comunicazione rese necessarie per difenderci da attacchi pesantissimi, in occasione dell’organizzazione del noto Congresso Mondiale delle Famiglie di Verona (29 – 31 marzo).
Per far fronte ai costi di tutte queste iniziative e per difendere la liberta’ di manifestare per la Vita e la famiglia abbiamo di nuovo bisogno del tuo aiuto. Dona ora la somma che desideri per sostenere tutte le iniziative urgenti

banner_dona_ora.png

In passato la tua generosita’ ci ha permesso di realizzare campagne uniche in difesa della vita, delle madri e della famiglia. Possiamo ancora contare su di te in questo momento critico ?
Grazie in anticipo!

Antonio Brandi

Presidente Pro Vita onlus

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *