Fazio fa flop con Macron battuto da “Paperissima”

L’intervista al presidente non aumenta lo share E fa il furbetto sulle spese a Parigi: ho pagato io

Certo, c’era da aspettarsi che un’intervista, anzi un monologo, così triste, grigio, virato sui massimi sistemi, senza mordente e, soprattutto, senza domande ficcanti, non avrebbe entusiasmato gli spettatori.

Però, farsi addirittura battere da Paperissima avendo in canna un interlocutore eccezionale come Emmanuel Macron, beh, fa un po’ ridere… Domenica sera è andata proprio così: il colloquio di Fabio Fazio con il presidente della Repubblica francese è stato sconfitto dal programma di gaffe e capitomboli di Canale 5.

Questi i dati: nel periodo di sovrapposizione (dalle 21,01 alle 21,29) Paperissima ha realizzato il 17,22 per cento di share con 4.430.000 spettatori, mentre Che tempo che fa si è fermato al 15,91 con 4.085.000 spettatori. Intendiamoci, la trasmissione di Fazio in sé non fatto un flop, si è tenuta più o meno sugli stessi risultati delle precedenti domeniche. Il fatto è che, proponendo un’intervista con un capo di governo al centro di grandi conflitti con quello italiano di cui tanto si è parlato nelle ultime settimane, ci si aspettava un dato ben più alto. Ma Che tempo che fa si è tenuto i suoi affezionati fan che, qualunque cosa venga loro proposta, restano incollati a Raiuno alla domenica. Il resto del pubblico che guardava la tv subito dopo i tiggì serali, ha preferito farsi due sane risate con le papere inventate da Antonio Ricci (che alla domenica sostituiscono Striscia la notizia). E, qui, c’è da chiedersi come mai gli italiani, anche i malpancisti-sovranisti-populisti che non sopportano i governanti francesi e la loro politica (secondo loro) anti-italiana, non abbiano preferito ascoltare cosa aveva da dire Macron dopo le porte sbattute in faccia dal duo Salvini-Di Maio.

Forse, perché, dopo dieci minuti di lezione di storia, geopolitica, filosofia, economia, letteratura, si sono rotti le scatole e hanno girato su Canale 5. Se Fazio gli avesse chiesto qualcosa sui gilet gialli (confusi dentro una domanda sull’antisemitismo), sugli immigrati rispediti indietro al confine illegalmente, sulle Ong eliminate dal mediterraneo, sulle accuse contro di lui formulate dai nostri vice-premier, magari si sarebbero incollati su Raiuno. Invece, nulla, una lezione di mezz’ora da tenere alla Sorbona, non su Raiuno. Che forse servirà, almeno, al tentativo di Mattarella di ricucire i rapporti tra Francia e Italia.

Comunque, nell’ambito delle cose che fanno ridere, c’è da annoverare la precisazione fatta da Fazio prima di mandare in onda l’intervista. «Mi sono pagato da solo il biglietto di andata e ritorno per Parigi e dunque nessun costo per la Rai». Il presentatore lo ha detto in riferimento a polemiche (assurde) dei giorni precedenti, comunque ci mancherebbe che non si pagasse il biglietto essendo il produttore «chiavi in mano» del programma e quindi tutti i costi vanno sul conto della sua società, l’Officina, che si prende una decina di milioni l’anno per produrlo esternamente alla Rai. Per fortuna che, a far ridere sul serio, è arrivata Luciana Littizzetto con la finta lettera speditela da Macron accompagnata da un bouquet di fiori blu-bianco-rosso…

fonte – http://www.ilgiornale.it/fazio-fa-flop-macron-battuto-paperissima-1656761.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *