Per vivere secondo Dio, che cosa dobbiamo fare?

32. Per vivere secondo Dio, che cosa dobbiamo fare? Per vivere secondo Dio dobbiamo credere le verità rivelate da Lui e osservare i suoi comandamenti con l’aiuto della sua grazia, che si ottiene mediante i sacramenti e l’orazione.

61. Che cosa sono i comandamenti di Dio? I comandamenti di Dio o Decalogo sono le leggi morali che Dio nel Vecchio Testamento diede a Mosè sul monte Sinai, e Gesù Cristo perfezionò nel Nuovo.

62. Chi trasgredisce i comandamenti di Dio pecca gravemente? Chi deliberatamente trasgredisce anche un solo comandamento di Dio in materia grave, pecca gravemente contro Dio e, perciò, merita l’inferno.

63. Che ci ordina il primo comandamento: “Io sono il Signore Dio tuo: non avrai altro Dio fuori di me”? Il primo comandamento: “Io sono il Signore Dio tuo: non avrai altro Dio fuori di me”, ci ordina di essere religiosi, cioè di credere in Dio, di amarlo, adorarlo e servirlo.

64. Che ci proibisce il primo comandamento? Il primo comandamento ci proibisce l’empietà, la superstizione, l’irreligiosità, l’eresia e l’ignoranza colpevole delle verità della fede.

65. Che ci proibisce il secondo comandamento: “non nominare il Nome di Dio invano”? Il secondo comandamento: “non nominare il Nome di Dio invano”, ci proibisce di nominarlo senza rispetto, di bestemmiare, di fare giuramenti falsi o illeciti.

66. Che ci ordina il secondo comandamento? Il secondo comandamento ci ordina di avere sempre riverenza per il nome di Dio, e di adempiere i voti e le promesse giurate.

67. Che ci ordina il terzo comandamento: “ricordati di santificare le feste”? Il terzo comandamento: “ricordati di santificare le feste”, ci ordina di onorare Dio nei giorni di festa, con atti di culto esterno, dei quali per i cristiani l’essenziale è la Santa Messa.

68. Che ci proibisce il terzo comandamento? Il terzo comandamento ci proibisce nei giorni di festa le opere servili e qualunque opera che ci impedisce il culto di Dio.

69. Quali opere si dicono servili? Si dicono servili i lavori manuali propri, degli artigiani e degli operai.

70. Che ci ordina il quarto comandamento: “onora il padre e la madre”? Il quarto comandamento: “onora il padre e la madre”, ci ordina di amare, rispettare e ubbidire i genitori e i nostri superiori in autorità.

71. Che ci proibisce il quarto comandamento? I quarto comandamento ci proibisce di offendere i genitori e i superiori in autorità e di disubbidirli.

72. Che ci proibisce il quinto comandamento: “non uccidere”? Il quinto comandamento: “non uccidere”, ci proibisce l’omicidio, il suicidio, il duello, i ferimenti, le percosse, le ingiurie, le imprecazioni e lo scandalo.

73. Che ci ordina il quinto comandamento? Il quinto comandamento ci ordina di voler bene a tutti, anche ai nemici, e di riparare il male corporale e spirituale fatto al prossimo.

74. Che ci proibisce il sesto comandamento: “non commettere atti impuri”? Il sesto comandamento: “non commettere atti impuri”, ci proibisce ogni impurità; perciò le azioni, le parole, gli sguardi, i libri, le immagini, gli spettacoli immorali.

75. Che ci ordina il sesto comandamento? Il sesto comandamento ci ordina di essere santi nel corpo, portando il massimo rispetto alla propria e all’altrui persona, come opera di Dio e tempio, dove egli abita con la presenza e con la grazia.

76. Che ci proibisce il settimo comandamento: “non rubare”? Il settimo comandamento: “non rubare”, ci proibisce di danneggiare il prossimo nella roba.

77. Che ci ordina il settimo comandamento? Il settimo comandamento ci ordina di restituire la roba degli altri, di riparare i danni colpevolmente arrecati, di pagare i debiti e la giusta mercede agli operai.

78. Che ci proibisce l’ottavo comandamento: “non dire falsa testimonianza”? L’ottavo comandamento: “non dire falsa testimonianza”, ci proibisce ogni falsità e il danno ingiusto dell’altrui fama.

79. Che ci ordina l’ottavo comandamento? L’ottavo comandamento ci ordina di dire a tempo e a luogo la verità, e d’interpretare in bene, possibilmente, le azioni del prossimo.

80. Chi ha danneggiato il prossimo nel buon nome, accusandolo falsamente o sparlandone, a che cosa è obbligato? Chi ha danneggiato il prossimo nel buon nome, accusandolo falsamente o sparlandone, deve riparare, per quanto può, il danno arrecato.

81. Che ci proibisce il nono comandamento: “non desiderare la donna d’altri”? Il nono comandamento: “non desiderare la donna d’altri”, ci proibisce i pensieri e i desideri cattivi.

82. Che ci ordina il nono comandamento? Il nono comandamento ci ordina la perfetta purezza dell’anima.

83. Che ci proibisce il decimo comandamento: “non desiderare la roba d’altri”? Il decimo comandamento: “non desiderare la roba d’altri”, ci proibisce l’avidità sfrenata delle ricchezze.

84. Che ci ordina il decimo comandamento? Il decimo comandamento ci ordina di essere giusti e moderati nel desiderio di migliorare la propria condizione, di soffrire con pazienza le strettezze e le altre miserie.

CATECHISMO ESSENZIALE della Chiesa Cattolica 

di San Pio X

 

fonte – https://www.sursumcorda.cloud/massime-e-meditazioni/per-vivere-secondo-dio.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *