“Adoratori di Pasqua”. Come se il termine “cristiani” fosse una parolaccia. Così vengono definite le oltre 290 vittime della strage compiuta in Sri Lanka, perpetrata tramite esplosioni in diversi luoghi di culto. A questo sono arrivati i dem americani, da Hillary Clinton a Barack Obama, per non dimenticare l’ex membro del gabinetto di governo Jùlian Castro.

Strage di cristiani in Sri Lanka, per i dem sono "adoratori di Pasqua"

Strage di cristiani in Sri Lanka, per i dem sono "adoratori di Pasqua"

Strage di cristiani in Sri Lanka, per i dem sono "adoratori di Pasqua"

Ironico il tweet di Harry Khachatrian, che rispondendo ad Obama, chiede se esista una parola sola per definire tali “Eeaster worshippers” (adoratori di Pasquaappunto).

Strage di cristiani in Sri Lanka, per i dem sono "adoratori di Pasqua"

Già, chissa se esiste. Qualcuno ha ironizzato ulteriormente sottolineando come la definizione sembri quasi riferirsi a delle sottospecie di fedeli delle uova di cioccolato, qualcun altro ha riesumato il tweet che la stessa Hillay Clinton scrisse dopo gli attentati in Nuova Zelanda contro le comunità musulmane qualche mese fa.

Strage di cristiani in Sri Lanka, per i dem sono "adoratori di Pasqua"

I suprematisti bianchi vanno combattuti, sconcerto per le comunità musulmane, lotta all’islamofobia, già. Quando a perire sono i cristiani, pardon, gli “adoratori della Pasqua”, ci si vergogna perfino di chiamarli con il loro nome. Ecco a cosa è arrivata la cultura politicamente corretta e autorazzista in Occidente. Una strada senza uscita.

fonte – https://oltrelalinea.news/2019/04/22/strage-di-cristiani-in-sri-lanka-per-i-dem-sono-adoratori-di-pasqua/