Nonostante i flop elettorali, il partito di Emma Bonino e Della Vedova raccoglie donazioni dai più importanti miliardari del mondo.

Non si può certo affermare che +Europa, il partito di orientamento europeista e liberale di Emma Bonino e Benedetto Della Vedova, abbia grande appeal presso l’elettorato e goda di grande popolarità: nonostante le importanti campagne pubblicitarie e l’alleanza con il movimento del sindaco di Parma Federico Pizzarotti, Italia in Comune, il Partito Socialista Italiano, il Partito Repubblicano Italiano ed il Partito Democratico Europeo di Francesco Rutelli, alle elezioni europee il partito filo-Ue ha raccolto appena 833,443 voti, pari al 3,11% dei suffragi, attestandosi così sotto la soglia di sbarramento del 4%.Per l’ex radicale Emma Bonino si è trattato dell’ennesimo flop. Infatti, è dalle Europee di vent’anni fa (quando in ticket con Pannella prese l’8%) che la Bonino inanella un tonfo dopo l’altro, non vincendo e non eleggendo neanche un candidato, né alle Europee del 2009, né alle regionali in Lazio del 2010, né a quelle in Basilicata, né alle Politiche del 2018 (quando entrò in Parlamento, con Tabacci, grazie a un seggio blindato…).

Eppure il partito ultraeuropeista gode di importanti sostenitori e di finanziamenti altrettanto illustri. È noto che la forza politica ha ricevuto un finanziamento pari a 200mila euro da George Soros e dalla moglie Tamiko Bolton. Si apprende che tra il 22 e il 30 gennaio, i due “filantropi” liberal hanno versato la bellezza di 99.789 euro ciascuno nelle casse del partito della Bonino. A confermarlo è la stessa leader, ex Ministro degli Esteri: “Da Soros abbiamo ricevuto 200mila euro l’anno scorso. Ma smettiamola con le leggende. Questa si accompagna a quella che farei parte del Bilderberg, una specie di Ku klux klan dei poveri i cui membri italiani sono dei pericolosi complottisti. Io sono stata invitata una sola volta per spiegare la mucca pazza”.
I soldi ricevuti dal finanziere, tuttavia, sono tutt’altro che frutto di teorie complottiste, come lei stessa ha ammesso e come riporta Libero. “Con Soros – sottolinea Emma Bonino – ci siamo trovati prima della caduta del Muro, a supportare i dissidenti dell’epoca. E, dopo il 1989, la sua attività a sostegno della democrazia e della società aperta ha permesso di portare a casa battaglie di libertà come il Tribunale penale internazionale. Ma è tutto chiaro e trasparente, pubblicato sui bilanci“.
Soros e moglie non sono però gli unici paperoni a supportare Emma Bonino. Come riporta Il Tempo, Il terzo big a contribuire alla causa con 100mila euro tondi al partito risulta il Prof. Peter Baldwin, filantropo e marito di Lisbet Rausing, erede dell impero svedese della Tetra Pak, nonché fondatori dell’Arcadia Fund. Baldwin si è attenuto alle regole per quanto riguarda il partito ma ha potuto elargire cifre ben più cospicue ai candidati boniniani, per un totale stimato di 1,6 milioni di euro. Nello specifico, 260mila euro sono stati regalati al solo Benedetto Della Vedova. Dalla lista dei finanziatori, sottolinea Il Tempo, emerge poi un dato molto curioso: un partito che finanzia un altro partito. Il Centro Democratico, fondato nel 2012 dall’ ex Udc Bruno Tabacci, ha infatti versato 301 mila euro a +Europa. Insomma, a +Europa i soldi non mancano di certo: purtroppo per loro, però, non sono sufficienti per conquistare l’elettorato. La “bontà” dei miliardari progressisti non basta per piacere agli italiani.
fonte – http://www.ilgiornale.it/news/politica/emma-bonino-soldi-soros-e-dai-paperoni-mondiali-1709991.html?mobile_detect=false