Gli ex omosessuali scendono in strada per testimoniare la loro libertà in Gesù

Uomini e donne che si sono già identificati come ex-omosessuali hanno proclamato  il loro cambiamento  attraverso la fede in Cristo Gesù,  sabato scorso. Per la seconda volta, la March of Freedom (Marcia della libertà) si è tenuta a Washington DC, la capitale degli Stati Uniti.

Fondata da Jeffrey McCall, Freedom March è formata da cristiani che hanno abbandonato la pratica dell’omosessualità e stanno assistendo al potere di trasformazione dello Spirito Santo.

“Sono stato trasformato dalla grazia di Gesù ed ho scoperto che anche altri hanno fatto questa meravigliosa esperienza. Queste marce sono un modo per garantire che altre persone che hanno superato ciò  non si sentano isolate e sole “, ha spiegato McCall a The Christian Post.

La March of Freedom si è svolta sabato, partiti alle 13:00 dal Sylvan Theatre, situato vicino al monumento a Washington. L’obiettivo era connettere più  persone, raggiungere la comunità LGBT e dotare le chiese locali di ministri per gli omosessuali che vorranno essere informati.

Una delle voci della manifestazione è stata quella di  Javier Luis Ruiz , sopravvissuto a un attacco al  gay club ‘Pulse’ a Orlando nel 2016. “Ho sempre detto che ci può essere una svolta.  Attraverso Freedom March, vogliamo diffondere messaggi di amore e accettazione da parte di persone che hanno lasciato la loro identità LGBT e mostrano che esistiamo. Queste marce sono la nostra piattaforma per educare, incoraggiare altre persone e condividerle in una comunità “, ha aggiunto Ruiz.

Il leader della manifestazione di Freedom March, Edward Byrd, crede che il più grande malinteso su chi ha abbandonato la vita omosessuale sia scoprire che stanno sopprimendo i loro desideri sessuali.

“Gli LGBT credono che non siamo felici, credono che non siamo soddisfatti quando, in realtà, stiamo vivendo la migliore fase della nostra vita. Non stiamo dicendo che è facile, ma la vera gioia, pace e libertà che abbiamo non è nulla in confronto a ciò che avevo conosciuto prima”, ha detto Byrd.

Secondo Byrd, il concetto che è diventato noto in Brasile come “cura gay” è ingannevole. “La maggior parte di noi non ha mai sperimentato la terapia di conversione, le nostre esperienze sono state incontri con lo Spirito Santo che ha cambiato le nostre vite”, chiarisce. “Nessuno di noi è stato costretto a cambiare con la forza; È stata una decisione che abbiamo preso per seguire Gesù e il suo amore”.

Questa è la seconda marcia tenutasi a Washington DC, ma un’altra manifestazione si è tenuta a Los Angeles l’anno scorso. Si terranno nuovi incontri a St. Paul (Minnesota) il 23 giugno e a Orlando (Florida) il 14 settembre.

 

fonte – https://www.notiziecristiane.com/gli-ex-omosessuali-scendono-in-strada-per-testimoniare-la-loro-liberta-in-gesu/

Una Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *