La ‘ndrangheta dietro onlus per l’accoglienza: 11 arresti

Salvini esulta: il business fa gola a molti ma la pacchia è finita

Onlus che risultano essere collegate a “noti pluripregiudicati” appartenenti alla ‘ndrangheta. Sono  al centro dell’inchiesta milanese che ha portato all’arresto di 11 persone per truffe relative alla gestione dell’emergenza dei migranti. Le indagini, si legge in una nota della Guardia di Finanza di Lodi, hanno fatto emergere “un pericoloso sodalizio criminale che si è stabilmente inserito nelle gare pubbliche per la gestione dell’emergenza dei migranti indette dalle prefettura di Lodi, Pavia e Parma.

Stando all’inchiesta della Procura di Milano, i pluripregiudicati legati alla ‘ndrangheta avrebbero sfruttato le Onlus per far ottenere a persone recluse, attraverso il rilascio di documentazione falsa, la concessione della misura alternativa alla detenzione da parte del magistrato di sorveglianza.

“Il business dell’immigrazione ha fatto gola ad alcune onlus di Lodi”. Così il ministro dell’Interno Matteo Salvini commenta l’operazione di questa mattina della Guardia di finanza che ha portato all’arresto di 11 persone con l’accusa di truffa aggravata, autoriciclaggio e associazione a delinquere. “Meno sbarchi e meno soldi per i professionisti dell’accoglienza – aggiunge Salvini -, così risparmiamo, difendiamo l’Italia e investiamo per assumere più forze dell’ordine. La pacchia è finita”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *