Pressione fiscale totale, Italia prima col 64%

Nell’analisi Ambrosetti, che ha messo insieme tasse sui profitti e tasse sul lavoro, Roma stacca Francia (62%) e Germania (48%)

Nel momento in cui il governo sta provando a tagliare l’Irpef, c’è una tabella che pesa come un macigno sull’Italia che il governo Conte farebbe bene a consultare: è quella messa della pressione fiscale complessiva (tassazione sui profitti delle imprese, tassazione sul lavoro e altre tasse) messa a punto da Ambrosetti. L’Italia è la prima in classifica in tutta Europa (64,8%), seguita da vicino dalla Francia (62,7%) e da più lontano dalla Germania (48,8% e dalla Gran Bretagna (32%). Insomma, rispetto ai suoi primi concorrenti sui mercati parte qualche metro indietro.

1°) Italia 64,8%

2°) Francia 62,7%

3°) Belgio 58,4%

4°) Spagna 50%

5°) Grecia 49,6%

6°) Svezia 49,1%

7°) Germania 48,8%
8°) Portogallo 41%

9°) Paesi Bassi 41%

10°) Norvegia 39,5%

11°) Finlandia 37,9%

12°) Gran Bretagna 32%

13°) Svizzera 28,8%

14°) Danimarca 24,5%.

La media Europea è al 40,6%.

Purtroppo c’è poco altro da aggiungere, se non che classifiche come questa dimostrano il livello esagerato di imposizione cui sono sottoposte tutte le imprese italiane. E indicano la strada che l’esecutivo deve intraprendere al più presto: abbassare le tasse alle aziende. (riproduzione riservata)

 

Da https://www.milanofinanza.it/news/pressione-fiscale-totale-italia-prima-col-64-202002100927486946

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *