Il primo caso in Europa? In Germania e non in Italia


Il primo caso in Europa di infezione da Covid-19 potrebbe essere quello di un uomo di 33 anni, tedesco. Un dato che cambia la prospettiva sul primo focolaio del contagio: non italiano, quindi, ma tedesco. Lo comunica una lettera di medici tedeschi pubblicata sul New England Journal of Medicine del 5 marzo. L’uomo ha manifestato sintomi respiratori e febbre alta il 24 gennaio.

I sintomi sono migliorati e il 27 gennaio è tornato al lavoro. Il 20 e il 21 gennaio aveva partecipato a un meeting in cui era presente una collega di Shanghai, che è rimasta in Germania dal 19 al 22 gennaio senza accusare alcun disturbo.

Il primo caso in Germania, contatti con una collega cinese

Prima dell’inizio dei sintomi, aveva partecipato ad alcune riunioni con una collega cinese, nella sua azienda, vicino a Monaco, il 20 e il 21 gennaio. La donna di Shanghai era rimasta in visita in Germania tra il 19 e il 22 gennaio. Durante il suo soggiorno, non mostrava sintomi, ma si è poi ammalata durante il volo di ritorno in Cina, dove è risultata positiva al nuovo coronavirus il 26 gennaio. Il 27 gennaio ha informato la compagnia della sua malattia”. È stata avviata la ricerca dei contatti e il collega è stato inviato alla Divisione delle malattie infettive e della medicina tropicale a Monaco per ulteriori accertamenti.

Alla presentazione, non aveva febbre e stava bene. Non ha riportato malattie precedenti o croniche e non aveva una storia di viaggi all’estero entro 14 giorni prima dell’inizio dei sintomi. Sono stati ottenuti due tamponi rinofaringei e un campione di espettorato che sono risultati positivi al virus. Il test di follow-up ha rivelato un elevato carico virale nell’espettorato nei giorni seguenti, con l’ultimo risultato disponibile il 29 gennaio.

Il 28 gennaio positivi altri tre dipendenti della sua azienda

Il 28 gennaio, altri tre dipendenti dell’azienda sono risultati positivi. Di questi, solo uno aveva avuto contatti con il paziente indice; gli altri due pazienti avevano avuto contatti solo con il paziente 1. In accordo con le autorità sanitarie, tutti i pazienti con infezione confermata sono stati ricoverati in un’unità di malattie infettive di Monaco per il monitoraggio clinico e l’isolamento.

“Questo caso di infezione – si sintetizza su ‘Nejm’ – è stato diagnosticato in Germania e trasmesso al di fuori dell’Asia. Tuttavia, è da notare che l’infezione sembra essere stata trasmessa durante il periodo di incubazione del paziente indice, in cui la malattia è stata breve e non specifica. Il fatto che le persone asintomatiche siano potenziali fonti di infezione può giustificare una rivalutazione della dinamica di trasmissione dell’attuale epidemia. In questo contesto, il rilevamento del virus in un’elevata carica virale di espettorato in un paziente convalescente (il paziente 1) destano preoccupazione. Tuttavia, la vitalità del virus rilevata sul campione in questo paziente rimane da dimostrare mediante coltura virale”.

Ad oggi sono 349 i contagiati da coronavirus in Germania. A renderlo noto è il Robert-Koch-Institut sulla sua homepage. In 24 ore si sono manifestati 109 nuovi casi.

 

 

Da

Il primo caso di Covid-19 in Germania il 24 gennaio. Da lì potrebbe essere partito il contagio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *