Nuova Scozia (Canada), follia omicida dove le persone hanno “acri di terreno lungo la riva”

 

 

Un incredibile fatto di sangue è avvenuto in Nuova Scozia, una delle province marittime a est del Canada, sul versante atlantico.

Un uomo armato, il 51enne Gabriel Wortman, è apparso ad un certo punto indossando una divisa della polizia ed ha cominciato a sparare all’impazzata uccidendo ben 16 persone, realizzando così la peggiore uccisione di massa, con armi da tiro, della storia degli ultimi 30 anni del paese nordamericano.

“Questo è uno degli atti di violenza più insensati nella storia della nostra provincia”, ha dichiarato Stephen McNeil, Premier della Nuova Scozia. 

Daniel Brien, portavoce della Royal Canadian Mounted Police (Rcmp), ha confermato che oltre al sospettato sono 16 le persone risultate uccise.

Tra le vittime c’è anche un ufficiale della Polizia, Heidi Stevenson, madre di due figli e con 23 anni di servizio alle spalle. Anche un altro ufficiale è rimasto ferito. Tra gli altri uccisi, diversi corpi sono stati trovati all’interno e all’esterno di una casa nella piccola città rurale di Portapique, a circa 100 km a nord di Halifax, quella che la polizia ha definito la prima scena del fatto.

In merito al killer, le autorità ritengono che potrebbe aver deliberatamente individuato le sue prime vittime, prima di iniziare una serie di attacchi a caso. La Polizia non ha fornito ancora alcuna indicazione sui motivo del gesto e non ha ancora confermato l’azione solitaria dell’assassino.

“La ricerca del sospetto è terminata la mattina di lunedì 20 aprile quando il sospetto è stato localizzato e ucciso”, ha detto il sovrintendente capo della Rcmp Chris Leather. “I nostri ufficiali sono stati coinvolti nel conflitto a fuoco per porre fine alla minaccia”, hanno aggiunto dalla Serious Incident Response Team (Sirt), un gruppo indipendente che indaga sugli incidenti che coinvolgono le forze di Polizia della provincia canadese.

Il Sirt ha dichiarato che si è verificato uno scontro a Enfield, vicino all’aeroporto di Halifax. Sono state impiegato una mezza dozzina di veicoli della polizia intorno alla stazione di benzina dove il sospetto è poi morto. Adesso un nastro giallo della polizia circonda le pompe di benzina della stazione.

Le sparatorie di massa sono relativamente rare in Canada. Il paese ha revisionato le sue leggi sul controllo delle armi dopo le peggiori sparatorie di massa del 1989, quando Marc Lepine uccise 14 donne e poi lui stesso presso il college “Ecole Polytechnique” di Montreal.

È illegale possedere una pistola non registrata o qualsiasi tipo di arma a fuoco rapido in Canada. L’acquisto di un’arma richiede l’addestramento, una valutazione del rischio personale, due riferimenti, una notifica sponsale e controlli sui precedenti penali.

“Come paese, in momenti come questi, ci riuniamo per sostenerci a vicenda. Insieme piangeremo con le famiglie delle vittime e li aiuteremo a superare questo momento difficile”, ha dichiarato il Primo Ministro Justin Trudeau.

Tom Taggart, un consigliere che rappresenta Portapique nel comune di Colchester, ha affermato che la comunità è devastata. Nella comunità dove c’è una “suddivisione nei boschi dove le persone hanno acri di terreno lungo la riva”, Wortman possedeva tre proprietà. “È assolutamente incredibile che ciò è potuto accadere nella nostra comunità. Non avremmo mai immaginato che ciò potesse accadere qui”, ha detto Taggart.

 

MATTEO ORLANDO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *