A Toronto aprono le “scuole arcobaleno” sedicenti cattoliche

L’EDITORIALE DEL LUNEDI

di LEONARDO MOTTA

 

Il Toronto Catholic School Board ha modificato il suo codice di condotta per includere l’identità e l’espressione di gender.

Come se non bastasse diverse scuole cattoliche canadesi e statunitensi hanno istituito club studenteschi gay/etero senza il permesso dei genitori.

Sono queste le ultime, terribili notizie che arrivano dal Nord Americana. Negli ultimi anni, ci sono stati molti adattamenti progressivi nelle scuole cattoliche. Ciò ha portato alla confusione e all’allontanamento dai principi contenuti nel Catechismo della Chiesa, nella bi millenaria dottrina cattolica, dall’insegnamento della Bibbia su questioni riguardanti la persona, la sessualità, il matrimonio e la famiglia.

E chi si oppone finisce male! In una riunione del consiglio di amministrazione del Toronto Catholic School Board, un oratore è stato censurato per aver citato un paragrafo del Catechismo sull’insegnamento dell’omosessualità.

L’educazione cattolica è protetta dai diritti confessionali nella Costituzione del Canada, ma troppi leader cattolici come Brendan Browne non difendono più questo diritto. Perché? Credono che il Canada si sia evoluto (è il gioco di prestigio verbale formulato a suo tempo da Barack Obama) e la Commissione per i diritti umani dell’Ontario attualmente prevale sull’insegnamento della Chiesa. Questo aiuta a spiegare perché tutti i 29 consigli scolastici cattolici della provincia hanno riconosciuto l’identità di genere, l’espressione di genere e hanno un piano di equità aggressivo per servire meglio la lista, si dice crescente, di studenti LGBTQ+.

L’educazione cattolica si è lentamente erosa nel corso dei ultimi decenni e il Catechismo, quando non viene trascurato, viene minato o non è più considerato rilevante. Così gli educatori e gli amministratori delle scuole considerate cattoliche non si sentano più responsabili di credere e istruire ciò che insegna il testo del Catechismo o della Bibbia.

Solo una o due generazioni fa le scuole cattoliche non avrebbero mai potuto sostenere l’ideologia gender ma oggi, in una crisi di fede e di morale notevoli, succede anche questo nelle scuole pseudo-cattoliche.

Stiamo affrontando una pandemia. In Ontario le scuole sono chiuse e la maggior parte dell’economia è a pezzi, genitori e studenti soffrono, le famiglie cercano di far fronte all’apprendimento online tutto il giorno, tra ansie e persino depressione, e qual è la priorità del Consiglio della scuola cattolica? L’indottrinamento degli studenti al gender.

Ci chiediamo: amministratori e presidi di scuole che promuovono l’ideologia gender, quindi insegnamenti anti-cattolici, si possono considerare ancora cattolici o, come pensiamo, cessano di essere tali?

I genitori dovrebbero cercare di vedere oltre le bugie mascherate da termini quali inclusione, diversità e cura degli studenti a rischio. L’identità di genere non è una credenza cattolica. Il riconoscimento sessuale di dozzine di generi non è un diritto umano o un insegnamento cattolico.

Se i cambiamenti inclusivi continueranno al ritmo attuale, presto non ci sarà alcuna educazione cattolica in Ontario, poi nel resto del Canada, quindi nell’intero nord america.

Ci saranno scuole “cattoliche”, ma solo nel nome. Come se non bastasse la prossima settimana, il Toronto Catholic School Board deciderà se celebrare giugno 2021 come mese dell’orgoglio e far sventolare la bandiera arcobaleno nelle scuole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *