La più grande minaccia per il Segretario alla Difesa USA? L’estremismo nell’esercito

L’EDITORIALE DEL LUNEDÌ

di Leonardo Motta

Il Segretario alla Difesa degli Stati Uniti, Lloyd Austin, ha
dichiarato che la massima priorità dell’amministrazione militare è …
combattere l’estremismo e le ideologie estremiste nell’esercito. Ha
anche ordinato alle unità, nei prossimi due mesi, di dedicare un
giorno alla ricerca della forma che questa minaccia assume nelle loro
strutture.
Naturalmente Lloyd J. Austin ha dichiarato guerra agli estremisti di
destra e ai “suprematisti” nell’esercito americano. A seguito
dell’ordinanza, i comandanti di tutte le strutture trascorreranno una
giornata indagando sul problema, ascoltando le opinioni del personale,
rivedendo le procedure per la segnalazione degli incidenti e
monitorando i fenomeni di disturbo.
Il portavoce del Pentagono John F. Kirby ha spiegato che questo
problema tocca una questione di leadership militare ed è per questo
che deve essere affrontato a tutti i livelli esistenti.
Secondo Kirby le attività intraprese sono volte a stimare la portata
di questo fenomeno. In una nota spedita per posta, Austin (il primo
segretario alla difesa nero nella storia degli Stati Uniti) ha
sottolineato che tutti i soldati, i comandanti e i lavoratori civili
meritano di lavorare in un ambiente “libero da discriminazioni, odio e
molestie”.
Allo stesso tempo, il Dipartimento della Difesa ha annunciato una
revisione dell’efficacia delle procedure e degli standard che vietano
ai soldati di appartenere o appoggiare gruppi e organizzazioni
estremisti, suprematisti o criminali. Questi standard sono stati
aggiornati l’ultima volta nel 2012, ma i funzionari dicono che il
problema principale risiede nel definire quale tipo di attività
estremista è regolamentata e rimane proibita.
Nel 2020, l’FBI ha informato il Pentagono che stava indagando su 143
soldati attuali o ex e 68 casi relativi ad attività estremiste. A loro
volta, i comandanti dei Marines hanno rivelato di aver affrontato
negli ultimi 3 anni 16 casi di estremismo, la maggior parte dei quali
riguardava… l’attività dei soldati su Internet. A sua volta, nel
2019, il 36 per cento dei lettori del Military Times, in genere
persone che hanno prestato servizio nell’esercito, hanno affermato in
un sondaggio che nello svolgimento dei loro compiti hanno incontrato
manifestazioni di “supremazia bianca” e “ideologie razziste”. Nel
2018, una tale risposta è stata data dal 22% degli ex soldati.
È incredibile notare come non sia una priorità per Austin la difesa
degli Stati Uniti dalle minacce esterne. Ed è altrettanto incredibile
notare come i democratici stiano già chiedendo un esame delle opinioni
e delle attività dei riservisti e dei membri della Guardia nazionale
come parte della lotta contro l’estremismo. Fino ad ora, i membri di
queste formazioni erano considerati più civili, potevano candidarsi a
cariche pubbliche e prendere parte alla politica, il che non aveva
alcun effetto sul loro servizio temporaneo.
La tradizione dei cittadini soldato, ora resa possibile dalla legge e
dalla Costituzione, sopravviverà sotto il Segretario Austin, si chiedo
in molti. Secondo molti commentatori repubblicani degli Stati Uniti
l’attuale uso dell’FBI per studiare la vita civile e l’attività sui
social media di 25mila soldati riservisti della Guardia Nazionale,
l’appello dei Democratici a simili ricerche sui social media e sulle
vite di possibili reclute sono segnali preoccupanti!

Leonardo Motta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *