“Ringraziare la moglie è retaggio patriarcale”: Murgia alla frutta contro Benigni

Roma, 14 mar — Vietato ringraziare la moglie quando si celebrano i propri successi professionali, è retaggio patriarcale: parola della Murgia — di chi sennò — secondo la quale il mito della musa ispiratrice, della «grande donna dietro il grande uomo» è uno dei «fondamenti essenziali dell’immaginario del patriarcato» e quindi va cancellato.

La Murgia riesce a mettere in croce persino Benigni

La grande lectio è arrivata ieri, quando già la Michelona nazionale aveva dato tristo spettacolo di sé fustigando Carlo Calenda, candidato di Azione per le amministrative capitoline, accusandolo di essere un bieco maschilista per non aver messo il cognome di una sua candidata in una locandina promozionale.

Nella stessa giornata Murgia se l’è presa con Roberto Benigni e il suo discorso di ringraziamento per il Leone alla carriera al Festival del Cinema di Venezia. «Il Leone è di mia moglie», aveva precisato il comico toscano. «Non posso che dedicare il Leone alla carriera a Nicoletta, è suo. Io mi prendo la coda, le ali sono le tue, talento, mistero, fascino e femminilità. Emani luce, amore a prima vista, anzi eterna vista». Ora, Benigni può risultare antipatico o meno, ma le frasi di ringraziamento nei confronti della moglie difficilmente potrebbero essere scambiate per «bieco retaggio patriarcale». Sono parole potenti, sentite, intrise di quel romanticismo che qualsiasi donna vorrebbe sentire dal proprio compagno di vita. Giusto? Sbagliato! E qui si inserisce la Murgia, che in un articolo pubblicato su L’Espresso, si prende la briga di toglierci le patriarcali fette di prosciutto sugli occhi e di illuminarci la via.

La musa ispiratrice è patriarcale

«Il mito della musa ispiratrice», scrive Murgia «creatura ultraterrena che nel segreto guida l’uomo alle imprese epiche», è uno dei «fondamenti essenziali dell’immaginario del patriarcato». Il problema della musa, secondo la scrittrice, è che sta nell’ombra. O per lo meno un passo indietro all’uomo ispirato dalla stessa. Il concetto di «silente forza che sostiene il percorso luminoso del suo compagno», è retto da due «pilastri retorici» che Benigni «ha evocato alla perfezione».

“Devo tutto a te” è schifoso maschilismo

Il primo di questi «dispositivi retorici si può sintetizzare nella frase “devo tutto a te”. È molto frequente che gli uomini che raggiungono un traguardo personale affermino pubblicamente che senza la loro compagna non ci sarebbero mai arrivati». Che stronzi, eh? «Sembra un riconoscimento, ma in realtà, specie in un contesto come quello cinematografico, dove le donne non hanno mai avuto le stesse possibilità di emergere dei loro colleghi o compagni» è la «dimostrazione plastica della sua negazione». Nel mondo del cinema le donne non hanno mai avuto possibilità di emergere? In che cinema è andata la Murgia?

Forse Michela parla di sé stessa

A voler essere cattivi si potrebbe pensare che forse, diciamo forse, la Michelona stia proiettando sulla povera Nicoletta Braschi la propria frustrazione per non avere mai posseduto un phisique du role cinematografico. Quel phisique du role che ha reso divine decine di attrici nella storia del cinema, e con cui forse la Murgia non riesce, o non vuole, fare i conti. «In un sistema dove le «donne possono dare luce, ma mai avere luce, se non riflessa», la frase «devo tutto a te» equivale a dire «mi sto intestando per intero quello che in un mondo equo avremmo dovuto dividere».

Ma leggiamo da Wikipedia la «luce riflessa», il fioco raggio lunare di cui può godere la Braschi, offuscata dall’eteropatriarcale successo di Benigni. «In carriera ha vinto un David di Donatello, un premio al Festival de Cine de Mar de Plata, un premio Flaiano, un premio Ciak d’oro, un Globo d’oro alla carriera e ha ricevuto una candidatura allo Screen Actors Guild Award al miglior cast per La vita è bella. Ha inoltre ricevuto cinque candidature ai Nastri d’argento. Nel 2005 il presidente Ciampi la insignisce dell’onorificenza di Ufficiale Ordine al Merito della Repubblica italiana e nel 2015 l’università di Toronto le ha conferito una laurea honoris causa in Legge». Che è quanto la Murgia potrebbe aspirare a conseguire in sette o otto vite (forse). Da ciò si capisce bene che il problema non riguarda il patriarcato, ma l’esistenza della Murgia stessa.

Murgia, il padre-padrone sotto falso nome

Chissà se le pensa di notte, al posto di dormire, o di giorno. Chissà soprattutto se la Murgia, in tutto questo turbinio di masturbazioni mentali, si è mai chiesta, o ha mai chiesto alle dirette interessate — in questo caso, alla moglie di Benigni — cosa ne pensano: se si sentono realmente oppresse, se la loro scelta di essere «grandi donne dietro al grande uomo» sia stata compiuta volontariamente, con gioia e rivendicata ogni giorno. No, non lo chiede mai, non ne ha bisogno. Perché la madre-matrona Murgia — al pari di un padre-padrone — sa già cosa è buono per noi donne e cosa ci nuoce. A noi è dato solo di ascoltare i suoi inappellabili giudizi, e metterli in pratica.

Cristina Gauri

DA

https://www.ilprimatonazionale.it/cronaca/ringraziare-moglie-retaggio-patriarcale-murgia-207152/

6 Risposte

  • la Murgia, nella sua ristrettezza di pensiero, sicuramente senza volerlo, questa volta ha ragione: “ringraziare la moglie é un retaggio patriarcale”. Eh si, mio nonno e mio padre, quando si presentava l’occasione, non mancavano mai di rendere grazie a mia nonna e mia madre. Solo in una società dove imperversano le murgia, in cui il padre é messo al bando da una caricatura di madre, le mogli non si ringraziano perché non si capisce esattamente cosa siano.

  • In tempo reale. Gli eventi sono accaduti circa 10 minuti fa. È sabato notte. Passando un gruppo di ragazzetti promiscui, ho scorto nelle vicinanze, pochi metri dall’abitazione, soggetti che hanno spinto i ragazzetti a pronunciare parole offensive. Mentre erano presenti questi adolescenti, tali soggetti adulti si sono uniti nell’esplicare parole offensive contro il sottoscritto. Io ero sveglio. Mentre mi sono avvicinato alla finestra ho ordinato ai due elementi vicini, dopo che i ragazzetti si sono dileguati salutandosi, di rimanere in quella posizione e di non andarsene fino a domani. Soggetto maschile e soggetto femminile. Adesso una macchina ha caricato qualcuno.,ma non so se i codardi rispetteranno il mio ordine.

  • Tutti i miei commenti hanno valore di testimonianza penale e giuridica. Gli eventi sono accaduti poco fa.

  • Parole offensive pronunciate dai due soggetti a pochi metri: sei un “bambino”(soggetto maschile) , più il solito “poverello” pronunciato dalla donna. La stessa che lo pronuncia durante il giorno. Ho avuto una reazione di risposta dalla donna, mentre mi sono ad esssi riferito. Volevano costringere il gruppetto di adolescenti a pronunciare parole offensive e poi a “scappare”, dopo essersi salutati o mentre si salutavano.

  • Adesso uno dei ragazzetti che urla tipo delirio a circa 60 metri di distanza, sbattendo uno sportello di un auto in cui è entrato. Scrivo questo ultimo scritto, per far capire il contesto.

  • Vi chiedo di conservare questi miei scritti, poiché costituiscono testimonianze reali ed argomenti in mia difesa giuridica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *