F.N.: Interrompere immediatamente relazioni diplomatiche con l’ Arabia Saudita

Condividi su:

Segnalazione di Luca Castellini  

 

ROBERTO FIOREIl Segretario Nazionale di Forza Nuova, Roberto Fiore in linea con le parole pronunciate dal presidente Putin, comunica: “ Forza Nuova chiederà ufficialmente nelle prossime ore al Governo italiano  e al Ministero degli Esteri di interrompere qualsiasi rapporto diplomatico e commerciale con l’Arabia Saudita, in quanto rappresenta il paese terrorista per eccellenza e luogo in cui sono stati progettati gli attentati che nelle settimane scorse hanno colpito l’Iraq, la Siria, il Libano e che hanno causato decine di vittime con le esplosioni a Volgograd.

Continua a leggere

Come volevasi dimostrare: trattavasi di una squallida storia di sodomiti …finita in omicio, come tante altre volte è successo

Condividi su:

Segnalazione di Maurizio-G. Ruggiero

imagesCAU51KXF

Non ci sono più dubbi: Daniele Fulli è stato ucciso. La squadra mobile nel giro di due giorni ha fermato il presunto assassino del giovane parrucchiere omosessuale. «Si sono stato io ad uccidere Daniele». Ha confessato Andrea Troisio, 32 anni, tossicodipendente, con piccoli precedenti penali, durante un lungo interrogatorio durato tutta la notte in Questura.

Fonte:

http://www.ilmessaggero.it/ROMA/CRONACA/parrucchiere_gay_ucciso_fermata_persona_daniele_fulli/notizie/434682.shtml

 

L’infame guerra dell’Establishment al Dieudo-pensiero

Condividi su:

di Sebastiano Caputo 

 quenelle

Quello stesso sistema che ora ha paura e usa la strategia del “reductio ad hitlerum”. La “quenelle” – gesto rappresentativo del “dieudo-pensiero” -, da gesto volgare che significa grosso modo “fìccatelo su per il…” , con una mano posta nella parte superiore del braccio verso il basso per indicare “quanto in su” devi ficcartelo, le principali organizzazioni ebraiche sono riuscite a trasformarla in un “un saluto nazista al contrario”. Purtroppo però per l’establishment, la “quenelle”, la fanno tutti: uomini, donne, giovani, anziani, militari, sportivi, francesi di origine straniera, francesi-francesi, politici e opinionisti anti-sistema, ebrei, musulmani, cattolici. Troppo facile giocare con la semantica, è ora di ridefinire il “nazismo” e contestualizzarlo nel mondo moderno.

  Continua a leggere

Perché l’America “santifica” la Kyenge…

Condividi su:

 di Marcello Foa

Cecile Kashetu KyengeQuesta è proprio bella. la Kyenge è una delle grandi “menti” dell’anno. Parola della rivista “Foreign Policy” che ha pubblicato la classifica degli oltre 100 pensatori più influenti del pianeta. La Kyenge è una dei due italiani presenti nell’elenco. L’altro è l’immancabile Mario Draghi, alfiere illuminato dell’Alta Finanza europea e americana

Continua a leggere

L’Italia al bivio (dove ci attende lo straniero)

Condividi su:

di Gianni Petrosillo

 

CARL SCHMITDiceva Carl Schmitt che i concetti stranieri sono peggio delle parole straniere. In verità, gli uni e le altre, a diversi livelli di penetrazione di determinati contesti umani, sono forme di colonizzazione, politica, economica, culturale, ecc. ecc., che segnalano la perdita di autonomia e d’identità di una collettività a vantaggio di modelli estranei esercitanti, precisamente, una pressione egemonica sul modello autoctono.

Continua a leggere

Probabilmente il solito delitto fra omosessuali, gabellato da discriminazione omofobica.

Condividi su:

Segnalazione e commenti di Maurizio-G. Ruggiero

imagesCAU51KXFhttp://roma.repubblica.it/cronaca/2014/01/08/news/magliana-75400060/

 Naturalmente, si apprende dall’articolo, polizia e carabinieri della Repubbbbblica Italiana (con rispetto parlando) hanno istituito fin dal 2010, nella loro antiveggenza questurinica caudataria del progressismo politicamente corretto, l‘Oscad, osservatorio di polizia e carabinieri contro le discriminazioni. Che meraviglia!

Continua a leggere

Giustizia civile lumaca: ritardi pari a 680mila anni

Condividi su:

seganlazione di Maurizio-G. Ruggiero

LUMACALo Stato rimborsa 500 euro per ogni anno perso e ha accumulato dal 2001 un debito di 340 milioni.

 

 

[…] Trecentoquaranta milioni di euro: a tanto ammonta il debito accumulato dallo Stato verso le vittime della giustizia-lumaca. In base alla legge Pinto del 2001, chi vede i propri processi superare i tempi ragionevoli di durata può chiedere allo Stato di essere indennizzato per ogni anno di ritardo. L’anno scorso il governo Monti ha fissato l’entità dei rimborsi (da 500 a 1.500 euro all’anno) e la durata «ragionevole» dei processi: tre anni per il primo grado, due per il secondo, uno per la Cassazione. Tempi che, soprattutto nel settore civile, ben di rado vengono rispettati. Basti pensare che il monte complessivo dei risarcimenti accumulati finora corrisponde (calcolando un indennizzo di 500 euro annui) a un ritardo totale di seicentottantamila anni.

Continua a leggere

1 569 570 571 572 573 574