“Omero razzista”. In America una scuola elimina l’Odissea

Il delirio dell’assurdo domina il politicamente corretto. Ci vien da ridere, ma ci sarebbe da piangere…(N.d.r.)

 

di Giulio Meotti per il Foglio

Intervista a Victor Davis Hanson, autore di “Who killed Homer”: “Il creatore dei valori occidentali oggi è solo un altro maschio bianco”

“Sono molto orgogliosa di dire che quest’anno abbiamo rimosso l’Odissea dal curriculum!”, dichiara Heather Levine, che insegna alla Lawrence High School di Lawrence, nel Massachusetts. E’ il Wall Street Journal a raccontare la più grottesca follia della cancel culture americana. Sotto lo slogan #DisruptTexts, ideologi della teoria critica, insegnanti, burocrati scolastici e agitatori via Twitter stanno purgando i classici, da Omero a Francis Scott Fitzgerald. Si invoca la proibizione di ogni capolavoro letterario non conforme su genere e razza. “Le sottili complessità della letteratura vengono ridotte al rozzo clangore di lotte di potere ‘intersezionali’”, commenta Meghan Cox Gurdon, che si occupa di libri al Wsj. Così l’insegnante di inglese di Seattle, Evin Shinn, scrive che “preferirebbe morire” piuttosto che portare in classe “La lettera scarlatta”, a meno che il romanzo di Nathaniel Hawthorne non sia usato per “combattere la misoginia”. Quando l’“insegnante antirazzista” Lorena Germán si è lamentata del fatto che molti classici risentono del proprio tempo, la scrittrice Jessica Cluess ha ribattuto: “Se pensi che Hawthorne fosse dalla parte dei puritani, allora sei un’idiota e non dovresti fregiarti del titolo di educatrice”. Un’orda online ha accusato Cluess, l’autrice della popolare serie “Kingdom of Fire”, di “razzismo” e “violenza” e ha chiesto alla Penguin Random House di rescinderne il contratto. L’editore non ha obbedito, forse perché Cluess si è autodenunciata in tempo: “Mi assumo la piena responsabilità della mia rabbia non provocata verso Lorena Germán”. Ma non ha impedito all’agente letterario di Cluess, Brooks Sherman, di porre fine alla loro relazione professionale. Secondo questa logica, Omero sarebbe solo il capostipite della “mascolinità tossica”, la manliness di Harvey Mansfield (che Liberilibri riporterà in Italia a primavera). “E’ una tragedia che questo movimento anti intellettuale stia guadagnando terreno tra gli educatori e l’industria editoriale”, afferma lo scrittore di fantascienza Jon Del Arroz. E non è certo la prima volta.

CONTINUA IN ABBONAMENTO SU https://www.ilfoglio.it/cultura/2021/01/05/news/-omero-razzista-in-america-una-scuola-elimina-l-odissea-1629049/

Senate Confirms Amy Coney Barrett as Supreme Court Associate Justice

 

Confermata una donna femminile, cattolica, conservatrice, mamma di 7 figli, nota per le sue battaglie antiabortiste e antifemministe. Lei è il modello controcorrente che abbina intelligenza e bravura in un lavoro molto importante con l’attenzione per l’unica Famiglia e per le battaglie di civiltà per la vita ed il diritto naturale. (N.d.r.)

 

The Senate voted today to confirm Judge Amy Coney Barrett to be the next Associate Justice on the Supreme Court, replacing pro-abortion Justice Ruth Bader Ginsburg following her death.

Barrett was confirmed on a 52-48 vote with all Republicans except for Susan Collins voting to confirm her and all Democrats voting against her nomination.

Justice Clarence Thomas will administer the oath of office tonight in a ceremony that will be held after the Senate confirms Judge Amy Coney Barrett as the next associate justice of the Supreme Court.

“Rarely have we ever had a nominee as extraordinary as the one we have before us right now,” Senate Majority Leader Mitch McConnell said before the vote. “We’ve had a chance to witness this outstanding nominee. We’ve watched her in committee. She’s demonstrated she has the deep legal expertise, dispassionate judicial temperament and sheer intellectual horsepower that the American people deserve to have on their Supreme Court.”

“This outstanding nominee is exceptionally suited to this job, period. And I know we all know that. She is an exceptional nominee to the Supreme Court who will make the Senate and the country exceedingly proud,” he said.

Before the vote, Senator Ben Sasse, a Nebraska Republican, called out Democrats who played politics with Barrett’s nomination.

“I’ve heard now I think four speeches in a row implying that when Judge Barrett becomes Justice Barrett later tonight, that obviously means the end of health care in America. The last speech actually included this phrase, “A vote for Amy Barrett is a vote to end health care.” The speech said “A vote for Amy Coney Barrett is a vote to end health care.” That isn’t just preposterous, it is so destructive of the public good and of public trust… Please have the courage to come back next April, May and June and say you lied to the American people. You were just trying to scare them into voting and say what you were saying was B.S. Whoever writes these outside talking points – it’s really destructive and the Senators know better than to parrot this pap.”

Click here to sign up for pro-life news alerts from LifeNews.com

“Judge Barrett ran circles around the Democrats’ failed attempts to slander her character, faith, and family during these hearings. They don’t like that Judge Barrett is going to do what judges are supposed to do – rise above politics and refuse to legislate from the bench. The polls show that Americans clearly support her confirmation. It’s time for Chuck Schumer to drop the shenanigans and get this done,” he said.

Leading pro-life groups strongly supported Judge Barrett and told LifeNews.com they were ecstatic that she received a positive confirmation vote.

Penny Nance of Concerned Women for America said, “A conservative, constitutionalist, pro-life woman at the Supreme Court is why we voted for Donald Trump. We congratulate Justice Barrett, and we are praying for her and her family. The task ahead will be a difficult one, but we have full confidence in her abilities as a jurist.”

“But ultimately, we must get back to the source of such a great addition to the Supreme Court: President Donald J. Trump. He has surpassed all our expectations when it comes to judicial nominations, and he has indeed delivered on making the judiciary great again. Americans will remember that going into this important election,” she added.

The Senate Judiciary Committee on Thursday voted unanimously 12-0 to send Judge Amy Coney Barrett’s nomination to the full Senate floor after Democrats boycotted the committee vote to engage in a political stunt and falsely claim Judge Barrett wants to take away Americans’ health care.

The news comes after a new national poll shows Americans support the confirmation of Supreme Court nominee Amy Coney Barrett by a 23% margin. It follows a Gallup poll showing a majority of Americans support her nomination.

A new Morning Consult poll shows Americans support Barrett on a 51-28% margin, and that 23 percentage point difference is an increase from the 17% margin found in the firm’s previous poll.

“Following four days of hearings, 51 percent of voters said the Senate should vote to confirm Barrett to the Supreme Court, up 3 percentage points from the week before and an increase of 14 points since Trump announced her nomination on Sept. 26. It’s a higher level of support than Morning Consult measured at any time during the confirmation processes for Justices Neil Gorsuch and Brett Kavanaugh — the two other jurists Trump has tapped for the high court during his presidency,” the polling firm indicated.

The Senate Judiciary Committee is expected to vote Thursday, setting up a final vote by the full Senate on Monday.

During the confirmation hearings, Judge Barrett says she doesn’t consider the Roe v. Wade decision that allowed abortion on demand a “super-precedent” that can’t be overturned.

Judge Barrett said Roe is not in same category as the Supreme Court’s 1954 Brown v. Board of Education ruling, which declared segregated public schools unconstitutional because there is still a massive debate about whether Roe is legitimate.

In comments during her confirmation process, Judge Amy Coney Barrett also confirmed she is committed to the rule of law.

“I’m committed to the rule of law and the rule of the court,” she said. If I give off-the-cuff answers then I would be basically a legal pundit and I do not think we want judges to be legal pundit. I think we want judges to approach cases thoughtfully and with an open mind.”

Judge Amy Coney Barrett delivered her opening remarks to the Senate Judiciary Committee yesterday and she made two major points.

First, she talked about the proper role of the courts, saying they are not supposed to make law and legislate from the bench. She also refused to back down to attacks from Senate Democrats on her faith, saying she strongly believes in prayer and thanked the many Americans who are prayer for her amid those attacks on her Christian faith.

“I believe in the power of prayer and it’s been uplifting that so many people have been praying for me,” Judge Barrett told members of the judicial panel.

“Nothing is more important to me, and I am so proud to have them behind me,” she added.

Before that, Judge Barrett discussed the proper role of the Supreme Court.

“Courts are not designed to solve every problem or right every wrong in our life,” she explained. “The policy decisions and value judgments of government must be made by the political branches elected by and accountable to the People. The public should not expect courts to do so, and courts should not try.”

“When I write an opinion resolving a case, I read every word from the perspective of the losing party. I ask myself how would I view the decision if one of my children was the party I was ruling against,” she went on to say. “Even though I would not like the result, would I understand that the decision was fairly reasoned and grounded in the law? That is the standard I set for myself in every case, and it is the standard I will follow as long as I am a judge on any court.”

The liberal American Bar Association has given President Donald Trump’s latest Supreme Court nominee its highest rating, issuing the rating on the opening day of her Supreme Court confirmation hearings in the Senate.

Last week, a new national poll showed Americans support the confirmation of Supreme Court nominee Amy Coney Barrett by double-digit margins.

A new Morning Consult poll shows Americans support Barrett on a 46-31% margin and that 15% margin of support is an increase from the polling firms last national survey in September following her nomination. That poll had Americans backing Barrett 37-34%, a resulting 12% increase from the 3% margin previously.

“Democrats are losing the Supreme Court messaging war, new polling indicates, with support for Judge Amy Coney Barrett’s confirmation trending in the GOP’s direction,” the polling firm indicated. “Nearly half (46 percent) of voters in an Oct. 2-4 Morning Consult/Politico poll said the Senate should confirm Barrett — up 9 percentage points since President Donald Trump announced her nomination on Sept. 26 — as more voters say the chamber should consider her elevation to the high court as soon as possible, regardless of who wins next month’s election.”

Seventy-seven percent of GOP voters back Barrett’s confirmation, up 6 points from late last month. Among independents, the share who said she should be confirmed increased 8 points, to 36 percent, while the share of Democratic voters who said she should be confirmed increased 10 points, to 24 percent.

Even Democratic voters have softened their opposition to Barrett’s confirmation: The latest survey found 59 percent said the Senate should wait to see who wins the election, compared with 79 percent who said in the wake of Ginsburg’s death that the election winner should pick the next justice.

It’s not as if Barrett’s nomination is flying completely under the radar. Though 1 in 5 voters initially heard “a lot” about it, that share had doubled just a few days later following the first presidential debate.

Barrett, a law professor at the University of Notre Dame and judge on the Seventh Circuit Court of Appeals, believes life begins at conception and has noted how both pro-life and pro-abortion legal experts have criticized Roe v. Wade as a bad decision. Barrett criticized the ruling for “ignit[ing] a national controversy” through judicial fiat.

Though her judicial rulings on abortion are few, she did rule in support of two Indiana pro-life laws during her time on the Seventh Circuit. She also has made several statements about the value of babies in the womb. According to the Law and Crime blog, Barrett signed a public letter in 2015 that emphasized “the value of human life from conception to natural death.”

Judge Amy Barrett was number one on the Supreme Court wish list for most pro-life voters and she was also the first potential high court nominee to get an in-person meeting with President Donald Trump. That’s not a surprising considering the president previous said he was “saving her” for an appointment to the Supreme Court should Justice Ruth Bader Ginsburg retire or pass away.

Barrett, a mother of seven, was a former law clerk to Justice Antonin Scalia. Like Scalia, Barrett describes herself as an “originalist” judge.

When it comes to abortion cases, Barrett has been on the pro-life side. She voted in 2016 to allow a hearing on a pro-life law from the state of Indiana that requires abortion centers to offer a proper burial or cremation for babies they kill in abortions. And in 2019, she voted to allow a hearing on another Indiana pro-life law allowing parents to be notified when their teenage daughter is considering an abortion so they can help her make a better decision for her and her baby.

DA

Senate Confirms Amy Coney Barrett as Supreme Court Associate Justice

La destra che piace a lorsignori

QUINTA COLONNA

di Marcello Veneziani

Non c’è giorno che un editorialista, un corsivista, un curatore di rubrica coi lettori su un giornalone o nelle sue periferie conformi, non elogi la buona destra che non c’è. È una storia vecchia, che si acutizza ogni volta che nel nostro paese o nel mondo la maggioranza dei consensi va alla destra, per definizione cattiva. Il connotato principale di una buona destra per lorsignori, lo ripetiamo, è quella di essere minoritaria, perdente, subalterna all’establishment e alla sinistra, che ne è il suo braccio politico-ideologico; e i suoi migliori riferimenti sono sempre morti. E anche stavolta (l’ultima sul Corriere della sera l’altro giorno) il copione si ripete. Di solito i riferimenti positivi che si riescono a pescare tra i viventi sono reduci dalla disastrosa esperienza finale di Fini e ora si collocano nell’area del Pd. Curioso, no?

Ma non voglio scendere sul terreno della politichetta, dei casi personali e degli interessi passeggeri, e prima di tornare allo scenario politico presente, alle destre in tutto il mondo, vi chiedo: ma secondo voi qual è il tratto tipico e generale della destra, ciò che la caratterizza e la distingue, a livello di principio e di sensibilità popolare? A me pare evidente. Piaccia o non piaccia ogni destra popolare che ha vinto o è vincente è una variazione sul tema Dio, patria e famiglia. Variazione aggiornata o degradata, volgarizzata o modernizzata, comunque l’asse su cui ruota la destra nel mondo è quella. Poi ci possono essere destre più laiche che lasciano in secondo piano il connotato religioso, altre che attenuano l’aspetto nazionalista o altre che declinano in modo più soft i diritti civili. Il tema portante è la tradizione, il comune sentire, il realismo unito alla meritocrazia; poi le declinazioni possono essere di tipo conservatore o sovranista, social-riformatore e perfino rivoluzionario-conservatore. Ma se guardate alla realtà anziché al pozzo nero dei vostri desideri, la destra è quella, sono quelli i suoi punti fermi che la oppongono al politically correct dell’ideologia global. A me non dispiace una destra con quei connotati ma ho la preoccupazione opposta: quei temi sono troppo grandi, sensibili e toccano l’animo umano per ridurli solo a merce elettorale, slogan e gesto volgare. Vanno dunque salvati, lo scrissi in un libro intitolato proprio Dio patria e famiglia, dalla loro banalizzazione strumentale. Continua a leggere

Ue annuncia contromisure a dazi Usa

Venerdì, 18 ottobre, la Commissione europea ha annunciato di intender introdurre delle contromisure ai dazi record introdotti dagli Usa.

Il commissario europeo per il commercio Cecilia Malmström ha annunciato venerdì, 18 ottobre, che l’Unione europea intende imporre misure di risposta contro i dazi statunitensi da 7,5 miliardi di dollari sulle importazioni dall’Europa.

“Ci rammarichiamo della scelta degli Stati Uniti di andare avanti con i dazi. Questo passo non lascia altra alternativa che seguire a tempo debito con i propri dazi nel caso Boeing”, ha annunciato Cecilia Malmström.

L’ufficio del Rappresentante per il Commercio degli Stati Uniti ha annunciato il 18 ottobre che imporrà nuove tariffe di $ 7,5 miliardi sui beni europei dopo che l’Organizzazione mondiale del commercio ha scoperto che l’UE aveva garantito sussidi illegali per miliardi di dollari ad Airbus, il costruttore di aerei europeo e il rivale di Boeing con sede negli Stati Uniti e ha concluso che Washington può imporre tariffe per ritorsione, ponendo fine alla controversia commerciale iniziata nel 2004.

Da https://it.sputniknews.com/mondo/201910188197881-ue-annuncia-contromisure-a-dazi-usa/

Carlo Freccero: Foa, finalmente un Presidente Rai fuori dal frame

Carlo Freccero: Foa, finalmente un Presidente Rai fuori dal framedi Carlo Freccero

Foa fa parte di un piccolo gruppo di opinion leader, blogger, giornalisti e pensatori, che presentano su internet l’altra faccia della medaglia, i fatti al di là della propaganda

Ho scritto tempo fa su queste pagine che l’ordine del discorso sta cambiando. La proposta di Foa a presidente Rai è una conferma della mia affermazione. Dirò di più. Qualora alla proposta succedesse la nomina, ci sono buone possibilità che questo processo ne sarebbe accelerato, perché l’informazione è fondamentale per la formazione dell’opinione pubblica. La prova? La reazione isterica con cui è stata colta la sua candidatura da tutta la stampa mainstream. Il Movimento 5 Stelle ha suggerito Salini e nessuno ha avuto niente da eccepire. La Lega ha proposto Foa e si è scatenato il putiferio. E’ paradossale che Foa venga combattuto come spacciatore di fake-news. In questo ambito Foa è un precursore, ma in senso inverso.

E’ dal 2006, anno che in termini di lotta alle fake-news si colloca nella preistoria, che Foa analizza il problema della verità in politica. Il suo libro Gli stregoni della notizia, di cui tra l’altro è uscito l’aggiornamento, analizza criticamente il fenomeno degli spin doctors e le sue ricadute in termini di democrazia. La figura dello spin doctor non è un parto della fantasia dei complottisti, ma una figura ufficiale, ben retribuita, che da tempo si occupa in America di organizzare le campagne elettorali dei candidati democratici e repubblicani e che, più recentemente, è stata introdotta anche in Italia. Ricordo lo spin doctor che seguì il governo Monti e la completa americanizzazione della campagna elettorale renziana. Lo spin doctor non è vincolato alla verità. Continua a leggere

Dovremmo davvero difendere Israele in quanto “baluardo dell’Occidente”?

occidente israele

 

 

ECCO PERCHE’ L’EUROPA NON HA RADICI “GIUDAICO-CRISTIANE” MA SOLO RADICI E TRADIZIONE CRISTIANE 

di Adriano Scianca

Israele? È il “baluardo dell’Occidente”. Quante volte lo abbiamo letto, anche in questi giorni, soprattutto a destra, anche fra i frequentatori di questo sito. Stanno quindi difendendo “l’Occidente”, i soldati israeliani che sparano sui palestinesi? E, soprattutto, stanno difendendo anche noi? È importante chiederselo, perché se lo Stato ebraico divide da sempre l’opinione pubblica sulla base di criteri spesso pre-politici e se spesso le obiezioni che a esso vengono mosse sono di ordine morale, esistono poi, più freddamente, delle categorie politiche a cui è il caso di attingere per riportare la questione su terreni meno sdrucciolevoli.

Ora, che degli europei utilizzino la categoria di Occidente per autodefinirsi è già di per sé piuttosto paradossale se solo si pensi che il concetto stesso di Occidente nasce esplicitamente in chiave anti-europea. In pratica, gli europei oggi rivendicano con fervore appassionato l’appartenenza a una comunità di valori che nasce proprio per escludere loro e che li ha in parte accettati al suo interno, come vassalli, solo che sono stati vinti in una guerra mondiale. Per parte loro, gli americani cominciarono notoriamente a concepirsi come Occidente non per inglobare l’Europa in un più ampio contesto atlantico, ma per sottolineare la ferma rottura con tutto ciò che il Vecchio continente rappresentava. Fu il presidente Thomas Jefferson ad affermare che l’America rappresenta un “emisfero separato”, evocando un meridiano – più morale che geografico – a separare la terra dove “l’agnello ed il leone vivranno in pace l’uno con l’altro” dall’Europa corrotta e dai suoi vizi. In realtà non faceva che riprendere gli insegnamenti di Washington, che nel 1793 aveva già dichiarato: “Sono sicuro che la volontà degli Stati Uniti è di non aver nulla a che fare con gli intrighi e le contese politiche delle nazioni europee”.  Medesimo concetto espresse il presidente Monroe enunciando la sua celebre teoria tesa ad escludere ogni intervento europeo nel Nuovo continente (in sostanza “l’America agli Americani”). Di fatto il meridiano evocato da Jefferson doveva separare Bene e Male, il regno dell’eguaglianza e della libertà dal paese della gerarchia e dell’oppressione. Ora, si badi che l’America ritenne di poter incarnare questo rigetto dell’Europa auto eleggendosi Terra Promessa, cioè la Nuova Israele basata su un’adesione (O MEGLIO, INTERPRETAZIONE AMERICANISTA DEL DETTATO BIBLICO, N.D.R.) quanto più possibile stringente al dettato biblico. Continua a leggere

Gli USA contro l’Iran: una scelta di campo che rivela la loro protervia

di Pietro Batacchi

Gli USA contro l'Iran: una scelta di campo che rivela la loro protervia

Fonte: Rivista Italiana Difesa

Mancava solo l’ufficialità, che è giunta ieri alle 20:00 ora italiana. Il Presidente Trump ha deciso di far uscire l’America dal Trattato con l’Iran sul programma nucleare e di reintrodurre, vedremo poi in che modo, il regime delle sanzioni. Una decisione importante, che fa seguito a quanto promesso in campagna elettorale, che fa contenti i falchi dell’Amministrazione, e, soprattutto, Israeliani e Sauditi, che da mesi premevano su Trump per farlo recedere dall’accordo, ma che scontenta gli alleati europei, a cominciare dall’Italia. Una decisione, poi, che pone la grande questione della credibilità dell’America rispetto al mantenimento di impegni sottoscritti e che potrebbe avere significative ripercussioni pure in futuro ed in altri scacchieri geopolitici. Ma andiamo per gradi. Questa Amministrazione ha fatto una scelta di campo precisa.

Si è schierata con Sauditi ed Israeliani – ormai praticamente alleati – per arrestare la crescita dell’influenza iraniana in Medio Oriente avvenuta attraverso la guerra civile siriana, ma, prima ancora, non dimentichiamolo, per effetto della rimozione di Saddam e della disgregazione dell’Iraq sunnita volute dagli stessi Americani nel 2003. L’uscita dall’accordo, pertanto, potrebbe segnalare l’intenzione americana di passare dalla fase di contenimento passivo dell’Iran alla fase di contenimento attivo e, forse, di “roll back”, ovvero di recupero di “porzioni” di influenza entro il perimetro “persiano” progressivamente allargato da Teheran negli ultimi anni con una pragmatica strategia indiretta. Di sicuro, la decisione di Trump rafforza la fazione radicale del regime iraniano, che da mesi preme sulla Guida Suprema per reagire ai continui attacchi israeliani in Siria, a discapito della componente riformista, alle prese con una grave crisi economica interna che le nuove sanzioni non farebbero altro che inasprire. E poi ci sono le conseguenze sui rapporti transatlantici. Dopo gli accordi sul clima, le tensioni sui dazi e le politiche commerciali, gli USA si distanziano ancora una volta in maniera radicale dall’Europa che, nella fattispecie, marcia all’unisono affermando di voler continuare a rispettare l’accordo con l’Iran e rivendicandone funzionamento e benefici. Una differenza di vedute evidente che dimostra come gli Stati Uniti siano disponibili a far scivolare in secondo piano il rapporto transatlantico quando sono in gioco interessi ritenuti di loro primaria, ed esclusiva, rilevanza. Del resto, la nuova National Security Strategy di Trump è stata chiara su questo, così come nel sottolineare il mutamento dello scenario internazionale verso una nuova era di competizione tra potenze. Certo, le potenze “ostili” sono identificate nel documento con Cina e Russia, ma a leggere fra le righe si può scorgere un velato accenno anche all’Europa – in termini di competizione economico-industriale – rispetto alla quale gli USA hanno perso per effetto della Brexit il loro tradizionale strumento di influenza/interferenza, leggi il Regno Unito. La battaglia sulla vendita dell’F-35 alla Germania, combattuta a viso aperto pure nell’ultimo salone ILA berlinese, è lì a dimostrarlo. Infine, non meno importante, il piano delle conseguenze sull’Italia. Roma e Teheran sono legate da solidi rapporti commerciali, mai interrottisi neanche negli anni più bui del khomeinismo, e che con la parziale rimozione del regime sanzionatorio erano di nuovo sbocciati, in diversi settori: da quello energetico, a quello delle infrastrutture. La decisione di Trump li pregiudica nuovamente.

Continua a leggere

Io so quale sarà la prossima nazione ad essere invasa dagli Stati Uniti

di Lee Camp

Io so quale sarà la prossima nazione ad essere invasa dagli Stati Uniti

Fonte: Comedonchisciotte

Alla fine di questo articolo, sarà chiaro quale sarà la prossima nazione ad essere invasa e devastata dagli Stati Uniti. O, in mancanza di ciò, quale sarà la prossima nazione che il nostro complesso industriale militare e di intelligence cercherà a tutti i costi di invadere.

Noi tutti vorremmo sapere perché l’America fa quello che fa. E non intendo riferirmi al perché gli Americani fanno quello che facciamo noi. Penso che questa domanda se la potrebbe fare, fra molti secoli, qualche futuro professore, mentre mostra ai suoi studenti un video telepatico di qualche incontro attuale di UFC [Ultimate Fighting Championship – arti marziali miste] dove i contendenti si prendono a calci in faccia davanti ad una folla che fa il tifo (non per l’uno o per l’altro dei due combattenti, ma piuttosto per (vedere) più calci in faccia).

Ma sembra che noi tutti diamo per scontato che l’America, intesa come entità e come corporazione, abbia un qualche genere di più alta motivazione per i suoi comportamenti, per le azioni portate avanti dalla sua classe dirigente. Però, in pratica, la maggior parte di tutti noi si rende condo che le ragioni che ci vengono ammannite dagli addetti stampa e dai ridicoli conduttori dei telegiornali della sera sono le stronzate più marce e puzzolenti che ci possano essere. Continua a leggere

Perù, strage di 140 bambini: il più grande sacrificio di massa/ Impero Chimù: “È stata un’uccisione rituale”

Resti della civiltà ChimùSegnalazione di Stefano F.

In Perù sono stati ritrovati i resti di 140 bambini uccisi in sacrificio umano strappando loro il cuore, il più grande sacrificio umano di bambini della storia

di Paolo Vites

Sulla costa settentrionale del Perù sono state scoperte le prove del più grande sacrificio di massa di bambini mai compiuto nelle Americhe, e forse in tutta la storia del mondo. Oltre 140 bambini e 200 lama sarebbero stati uccisi circa 550 anni fa nell’ambito di un sacrificio rituale. Le ricerche sono state svolte da un gruppo internazionale e interdisciplinare guidato da Gabriel Prieto della Universidad Nacional de Trujillo e da John Verano della Tulane University. «Non me lo sarei mai aspettato. E penso che anche per gli altri colleghi sia la stessa cosa», il commento a National Geographic dell’antropologo fisico Verano che ha lavorato per oltre tre decenni in questa regione. Il sito del sacrificio è conosciuto come Huanchaquito-Las Llamas. Qui nel 2011 furono trovati resti di 42 bambini e 76 lama. Alla fine delle ricerche, terminate nel 2016, il numero è salito a 140 bambini e 200 lama. «È stata un’uccisione rituale ed è stata sistematica», afferma Verano. «Spiegare il sacrificio dei bambini è decisamente più difficile», dice invece Joseph Watts, ricercatore postdottorato presso l’università di Oxford e il Max Planck Institute per la Scienza della storia umana. Questo perché la maggior parte delle società che praticavano sacrifici umani li praticavano tuttavia sugli adulti. (agg. di Silvana Palazzo) Continua a leggere

Come la Cina sta conquistando il mondo

Segnalazione di Redazione BastaBugie

Inoltre in campo religioso Xi Jinping promuove l’ideatore della campagna che ha portato alla rimozione di 1.500 croci e la demolizione di tante chiese cristiane
da Laogai Research Foundation

(LETTURA AUTOMATICA)

La bilancia commerciale cinese è abbondantemente in attivo con tutti i principali paesi industrializzati. Praticamente tutti si ritrovano ad importare dalla Cina molto di più di quello che riescono ad esportare.
Questo processo consente alla Cina di ottenere una crescita costante del PIL (circa del 7% anno), quindi centrare l’obiettivo fissato da Pechino. In sostanza ogni anno, un fiume di denaro si sposta da occidente verso la Cina. Con questi soldi Pechino sta acquistando aziende, tecnologia e “know how” da tutto il mondo, si sta trasformando in una formidabile potenza economica e militare in grado di influenzare gli equilibri mondiali e di ridefinirne regole e principi.
Nel 2017 il surplus commerciale complessivo della Cina è stato di $ 422,5 miliardi.
Il surplus della Cina verso gli Stati Uniti nel 2017 è stato pari a $ 275,81 miliardi (finanza.com).
Il surplus della Cina verso l’Europa nel 2017 è stato pari a € 175 miliardi (ilgiornale.it).
Il surplus della Cina verso l’Italia nel 2016 è stato pari a € 16,18 miliardi (infomercatiesteri.com).
Questi incredibili numeri spiegano le ragioni della potenza cinese e delle difficoltà, spesso disastrose, da parte occidentale. Ma visto che i cinesi non si sono dimostrati leader in nessun settore legato ad innovazione, scienza o tecnologia, allora cerchiamo di capire quali sono state le cause che hanno portato a questa nuova realtà. Continua a leggere