Breitbart News Roundup: Alabama abortion freakout

Segnalazione di Breitbart

Late Tuesday, the Alabama State Senate passed what would be the nation’s strictest abortion laws should it be signed by Republican Gov. Kay Ivey.

House Bill 314 passed the Senate by a 25-6 vote, and it does not include exceptions for rape or incest. Earlier in the day, the Senate had rejected an amendment that would have added such exceptions by a 21-11 vote margin.

Earlier this month, HB 314 was passed by the Alabama House of Representatives by a 74-3 margin, and now awaits the governor’s signature.

The bill’s proponents argue its strict nature is intended to establish a baby in the womb as a person.

“We aimed for language that addresses the language of Roe v. Wade,” the bill’s sponsor Rep. Terri Collins (R-Decatur) said at a public event last week. “The decision was based on someone in utero, someone pregnant so we don’t get into conception. We don’t get into birth control. We don’t get into the morning-after pill, but in utero, which is the language they used that when a woman is pregnant. This bill criminalizes abortion through the doctor. And not the woman, but the doctor.

“The reasoning is the same reasoning, Roe v. Wade was decided that the baby in the womb was not a person,” she continued. “So this bill bases its reasoning that the baby in the womb is a person. And we based it on the fact that in Alabama law, we currently consider the baby in the womb a person. If you were a drunk driver and you killed a pregnant woman, you have a double homicide on your hands. We voted as a state to be a pro-life state.”

If such exception were added, it would undermine that argument, Collins explained. Continua a leggere

L’internazionale populista di Bannon

di Antonio Terrenzio

L'internazionale populista di Bannon

Fonte: Conflitti e strategie

In questi giorni Steve Bannon e’ sicuramente il personaggio che sta facendo parlare piu’ di se’ negli ambienti sovranisti

L’ex chief strategist di Trump e’ salito agli onori delle cronache per aver inaugurato the Mouvement”, il movimento appunto, che dovrebbe essere collettore di tutti i partiti sovranisti d’Europa, da Marine Le Pen a all’FPO austriaco, da Victor Orban a Matteo Salvini.

L’idea del consigliere di Trump e’ quella di creare una sorta di fondazione in grado di sostenere finaziariamente tutti i partiti populisti d’Europa. L’obiettivo dichiarato dallo stesso fondatore e’ quello di creare una organizzazione in grado di far fronte all’Open Society di George Soros che ha nel tempo finanziato con 32 miliardi di dollari, Ong, associazioni che promuovono l’immigrazione, la liberta’ in temi bio/etici come aborto e eutanasia, lega LGBT ecc. La creazione di un movimento Anti-Davos, in grado di organizzare le forze identitarie di tutta l’Europa le elite’ cosmopolite e suoi valori progressisti.

Alle soglie delle elezioni europee del prossimo maggio, una “coalizione delle destre” concorrera’ per prendersi un terzo del parlamento europeo.

In campo quindi sembrano esserci due fazioni, una di stampo globalista, legata ai partiti di sinistra e alla finanza sorosiana; l’altra, un raggruppamento di tutti partiti nazionalisti d’Europa. Continua a leggere

Gosnell: The movie Hollywood and mainstream media does not want you to see

Segnalazione di Breitbart

BREITBART SPECIAL MESSAGE

See the movie Hollywood does not want you to see. See the story the media would not cover. They are the crimes the government tried to cover up. See the true story of how abortion doctor Kermit Gosnell hid in plain sight for nearly twenty years, to become America’s biggest serial killer. And see how a Philadelphia detective and the District Attorney office took on a system bound to shut them down to put Kermit Gosnell in prison for life. Continua a leggere

L’immigrazione incontrollata e il rischio di una guerra civile in Europa

Segnalazione di Corrispondenza Romana

di Lupo Glori

«La guerra civile sta arrivando in Europa». A scriverlo è il giornalista britannico James Delingpole in un articolo (https://www.breitbart.com/big-government/2018/09/16/delingpole-civil-war-is-coming-to-europe-warns-german-politician/) pubblicato sul portale di news statunitense breitbart.com, in cui l’autore riporta le parole testuali a lui riferite, come si dice in gergo giornalistico, “off-the-record”, da un politico tedesco che ha chiesto di rimanere anonimo.

Delingpole precisa tuttavia come quanto a lui confidato a microfoni spenti dal suo misterioso interlocutore rappresenti in realtà il pensiero di tantissimi cittadini tedeschi, sempre più preoccupati dalla sconsiderata politica di accoglienza della loro cancelliera Angela Merkel, che negli ultimi tempi ha aperto le porte del paese a circa tre milioni di immigrati, la maggior parte dei quali maschi in età da combattimento provenienti da paesi musulmani.

Secondo il giornalista inglese, che ha potuto constatare tutto ciò di persona, avendo recentemente trascorso in Germania due settimane, nelle quali ha potuto osservare e respirare da vicino l’attuale atmosfera tedesca in fatto di immigrazione, vi è una sorta di volontaria, quanto suicida, cecità della maggior parte della popolazione tedesca di fronte all’esistenza di un macroscopico problema di integrazione con gli immigrati musulmani. Continua a leggere

Toobin: Trump’s tweet blasting sessions ‘May be an impeachable offense’

Segnalazione Breitbart

New Day

@NewDay

.@JeffreyToobin on President Trump blasting AG Sessions over indictments of GOP congressmen: “This tweet alone may be an impeachable offense. This is such a disgrace.” https://cnn.it/2PDv0nP 

Tuesday on CNN’s “New Day,” network legal analyst Jeffrey Toobin reacted to President Donald Trump’s Monday tweet that blasted Attorney General Jeff Sessions for indicting GOP Congressmen California Rep. Duncan Hunter and New York Rep. Chris Collins just ahead of the midterms, saying the president’s tweet “may be an impeachable offense.”

Donald J. Trump

@realDonaldTrump

Two long running, Obama era, investigations of two very popular Republican Congressmen were brought to a well publicized charge, just ahead of the Mid-Terms, by the Jeff Sessions Justice Department. Two easy wins now in doubt because there is not enough time. Good job Jeff……

“This tweet alone may be an impeachable offense,” Toobin stated. “This is such a disgrace, this is so contrary to the traditions of the Department of Justice.”

He later added, “The sentiment at the core of that tweet is so contrary to the mission of the Department of Justice, and it’s such an insult to the decent people who work there.”

Follow Trent Baker on Twitter @MagnifiTrent

Continua a leggere

Antifa harasses candace owens at breakfast: ‘Stop White Supremacy!’

Segnalazione Breitbart

Screen
Twitter
 5,419
Candace Owens shared video on Monday depicting leftists screaming at her and Charlie Kirk in Philadelphia, PA, describing the events via Twitter.

In two videos, assorted leftists can be heard shouting “f*** white privilege,” “stop white supremacy,” “cops and Klan, hand-in-hand,” and “1, 2, 3, f*** the bourgeoisie” while banging on drums, blowing whistles, and using bullhorns.

One leftist is seen pouring what appears to be a drink on Kirk. Another agitator said to Kirk. “You’re a fascist piece of s***. F*** you. F*** America.”

Continua a leggere

Bannon vuole conquistare la Ue con The Movement

Avviso ai naviganti. Bannon vuole conquistare la Ue con The Movement

di Francesco Bechis

L’ex capo stratega di Donald Trump confida a The Daily Beast i dettagli del nuovo partito populista europeo. Dentro Le Pen e Farage, ma un posto d’onore è riservato a Matteo Salvini

Un’armata populista in marcia verso Bruxelles per ottenere la maggioranza all’Europarlamento e sconfiggere una volta per tutte “il partito di Davos”. Una Fondazione per i populisti, che dia linfa alla campagna elettorale per le elezioni europee del 2019 e metta insieme la crème de la crème dell’antiestablishment italiano, austriaco, tedesco, francese, britannico. Un’organizzazione che sfidi a colpi di fioretto Open Society, la fondazione pro-migranti del miliardario George Soros, l’Idra a sei teste per gli amanti di congiure e complotti. Il sogno di Steve Bannon comincia a prendere forma. Dopo aver espugnato la Casa Bianca l’ex capo stratega di Trump, allontanato con disonore dal Tycoon, si è messo al lavoro 24H per ripetere l’esperimento in Europa. E se un diffuso clichè vuole che il sequel di un film difficilmente ottenga lo stesso successo dell’originale, la sfida europea di Sloppy Steve può essere l’eccezione che conferma la regola.

The Daily Beast, dopo aver sentito Bannon, ha rivelato i primi dettagli. Si chiamerà The Movement, sarà un partito di destra (ma non disprezzerà l’apporto di voci diverse, purché il nemico resti lo stesso: le èlites europee), avrà il suo quartier generale a Bruxelles e sta già cercando staff per dare il via alle danze. I soldi non saranno un problema. Bannon non se ne cura più di tanto, è ancora incredulo che la campagna del Leave per la Brexit abbia raggiunto l’obiettivo con un budget di 7 milioni di sterline: “Quando mi hanno detto che il tetto di spesa era di 7 milioni gli ho detto ma intendete 70 milioni?? Con 7 milioni non ci compri nulla. Non ci compri i dati Facebook, non ci compri la pubblicità, niente”.

A Londra, nel lussuoso hotel Mayfair, l’incontro che ha siglato l’inizio della nuova avventura politica. Assieme a Bannon e Raheem Kassam, ex capo staff di Nigel Farage e direttore di Breitbart, si è presentata una nutrita delegazione dei movimenti antiestablishment europei. C’era lo stesso Farage, Jerome Rivière del Rassemblement National (Ex Front National), Filip Dewinter del fiammingo Vlaams Belang, il congressman repubblicano Paul Gosar (inviato del potentissimo Freedom Caucus, gruppo di conservatori pro-Trump che Bannon vuole avere dalla sua).

E poi volti non proprio rassicuranti, esponenti di spicco di partiti di ultra destra come Sweden Democrats e True Finns che inizialmente dovevano restarne fuori ma in extremis Bannon ha fatto rientrare perché “perfetti per il ruolo”. Non ci sono notizie di un coinvolgimento della Lega nella riunione londinese. Ci sono poche chances però che lo stratega più odiato d’America non imbandisca la tavola con il piatto più prelibato, la Lega di Matteo Salvini che sta scalando i sondaggi e conquista ogni giorno i riflettori a suon di respingimenti in mare. Bannon nutre una vera ammirazione per il ministro dell’Interno italiano. E se un posto nella dirigenza del Movement per Le Pen e Farage è giá blindato, difficile che rimanga fuori il segretario leghista, che al momento ha un peso specifico ben diverso e un po’ conosce le dinamiche di Strasburgo. A dissipare i dubbi ci pensano le parole di Matteo Salvini in una recentissima intervista al Washington Post, cui ha detto di voler “mettere insieme un gruppo che ottenga la maggioranza al Parlamento Europeo”.

I tempi sono maturi già da un po’. La debacle del Front National, il movimento di ultra destra guidato da Marine Le Penin cui Bannon aveva riposto tante speranze, sembrava aver allontanato una volta per tutte il pericolo di un’internazionale populista pronta a espugnare Bruxelles. Ma in poco meno di un anno l’ascesa delle forze euroscettiche in Austria, Olanda e Germania e il clamoroso exploit di Lega e Cinque Stelle del 4 marzo hanno riaperto la partita. Nel frattempo Bannon ha perso due lavori (alla Casa Bianca e a Breitbart news, l’emittente all news cara al far -right che lui stesso ha fondato) e ne ha guadagnato uno nuovo, non meno redditizio: mettere tempo, denaro e expertise al servizio di un nuovo movimento populista europeo.

Ne avevamo avuto sentore due mesi fa, quando ha fatto tappa a Roma in un tour europeo degno di una rockstar, esplodendo in un entusiasmo irrefrenabile per l’imminente nascita di un governo gialloverde, coronamento di un sogno che Bannon avrebbe voluto realizzare oltreoceano, per sua stessa ammissione, unendo all’irruenza di Donald Trump il carisma di Bernie Sanders. Poco male, la vita gli ha offerto un’altra occasione, e anche questa volta il vento tira a suo favore. Tic-tac, le lancette corrono, le europee si avvicinano e gli euroscettici hanno un jolly dalla loro parte. Chi vuole un’Europa diversa, liberale, moderata è avvisato: per fermare il ciclone Bannon servirà qualcosa di più di qualche bandiera blustellata per le strade di Bruxelles.

Continua a leggere

Limbaugh: Dems using Russia meddling ‘to eventually get rid of elections’

Risultati immagini per Limbaugh: Dems Using Russia Meddling ‘to Eventually Get Rid of Elections’Segnalazione Breitbart

by Pam Key

Thursday on his nationally syndicated radio show, conservative talker Rush Limbaugh argued the hype over Russian meddling in U.S. elections was an effort by the Democratic Party “to eventually get rid of elections.”

Limbaugh said, “You realize as far as many Americans are concerned, every election going forward is not to be tainted depending on who wins and loses it. If the if the Democrats win, everything will be fine, you’ll never hear a word about tainted elections. In fact, the next time Democrats win the House or the Senate, pray tell the White House you’re probably going to hear one of two things: ‘Yeah the Russians were still trying to help the Republicans, we found out about it this time and we were able to overcome it and the Russians are going to be trying every election but we Democrats have found a way to beat them back. Vote for us, we can control the Russians, we’re not in bed with them,’ Blah blah. The other possibility is that if the Democrats won the election, that’s going to be, yet there won’t be any talk of the Russians meddling or colluding whatsoever. We won’t even hear a word about it. But when they lose, when they lose it, can’t be because they’ve been rejected by voters. There has to be some nefarious reason. There has to be tampering , there has to be meddling, there has to be collusion. In the process they have done a great job of making so many millions of Americans question the integrity of elections now.”

After using climate change as an example of Democrats group think, Limbaugh continued, “They believe all this garbage, so look how easy it’s going to be, probably on the way, to making them think that every election that matters is somehow tainted. They actually got started with this in 2000, Florida recount, Bush versus Gore. I believe this all has a very long-term purpose and that is to eventually get rid of elections. You can snicker and you can smirk and you can say ‘Come on Rush, you say things like that, it makes it really hard for us to support you,’ Well I am, maybe so, but I’m telling you, don’t laugh and be very careful in criticizing me because I am here to tell you that if they could, they would. Elections are the only thing standing in the way to what is considered to be a birthright entitlement and that’s power.”

He added, “You can’t deny, you cannot deny they’re working overtime to make everybody think the presidential race in 2016 is invalid. That it’s illegitimate. That the Russians were involved in some of the—Trump really didn’t win. That’s what all of this has been about.”

Follow Pam Key on Twitter @pamkeyNEN

Continua a leggere

Donald Trump: The United States will not be a Migrant Camp — ‘Not on my watch’

Risultati immagini per no immigration in USASegnalazione Breitbart

by Charlie Spiering

President Donald Trump defended his tough enforcement of immigration laws on Monday, saying that he would not allow unchecked flows of illegal immigration into the country.

“The United States will not be a migrant camp and it will not be a refugee holding facility,” Trump said. “You look at what’s happening in Europe … we cannot allow that to happen to the United States. Not on my watch.”

The president urged Americans to read about the problems and crime in Europe after countries accepted mass groups of migrant populations.

“We need borders, we need security, we need safety,” Trump said.

He chastised Democrats for grandstanding on the issue of immigration instead of working with Republicans to fix the problems. Continua a leggere

1 2