Articoli con tag Centro Studi Federici

Indottrinamento gender alla Rai

1548054503-luxCentro studi Giuseppe Federici – Per una nuova insorgenza

Indottrinamento gender alla Rai
La Rai ha trasmesso una lezione di Wladimiro Guadagno, detto “Luxuria”, a dei bambini sul cambio di sesso:
fonte – http://www.centrostudifederici.org/indottrinamento-gender-alla-rai/

Tags:

I muri dell’unica democrazia


Centro studi Giuseppe Federici – Per una nuova insorgenza

Comunicato n. 6/19 del 21 gennaio 2019, Sant’Agnese
 
I muri dell’unica democrazia
 
Prosegue da parte del governo israeliano la politica dell’espansione delle colonie illegali in Palestina, protette giuridicamente e militarmente. Mancava la strada con muro incorporato! 
Ricordiamo ai benpensanti filo-israeliani, che identificano il popolo palestinese unicamente con i musulmani, che la politica sionista ha causato la partenza della maggioranza dei cristiani dalla Terra Santa e chi è rimasto è discriminato in diversi modi in quanto lo stato ebraico non riconosce l’uguaglianza tra tutti i cittadini. Sulle terre confiscate recentemente ai cattolici:

Prosegui la lettura »

Tags:

Conferenza a Modena sul Cristianesimo, Ebraismo, Islam

Centro studi Giuseppe Federici – Per una nuova insorgenza49072186_2285042858445190_8826460459625349120_n

Conferenza a Modena su Cristianesimo, Ebraismo, Islam

Sabato 26 gennaio 2019 alle ore 17,30 “Virtute e canoscenza” organizza a Modena, in via Nicolò Biondo 297, la conferenza “Cristianesimo, Ebraismo, Islam. Fratelli nell’unico Dio o rivali?”. Relatore: don Francesco Ricossa.

Conferenze precedenti:

“La Massoneria”, Bologna, 3/12/2016: https://youtu.be/p989hYtG83o

“Di quella Roma onde Cristo è romano. Roma e i pagani nelle Sacre Scritture”, Bologna, 2/12/2017:  https://youtu.be/Y6omUx9FAuk

fonte – http://www.centrostudifederici.org/conferenza-modena-sul-cristianesimo-ebraismo-islam/

Tags:

Cristina Campo

Risultati immagini per Cristina CampoNell’anniversario della morte di Cristina Campo (Bologna, 28 aprile 1923 – Roma, 10 gennaio 1977) segnaliamo la presentazione del libro: “Cristina Campo, o l’ambiguità della Tradizione” tenuta dall’Autore, don Francesco Ricossa, al Palazzo dell’Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna di Bologna il 2/12/2005.

Per l’acquisto del libro: https://www.sodalitiumshop.it/epages/106854.sf/it_IT/?ObjectPath=/Shops/106854/Products/031

 

fonte – http://www.centrostudifederici.org/cristina-campo-4/

Tags:

La voce della Chiesa sulla letteratura mistico-sensuale

Centro studi Giuseppe Federici – Per una nuova insorgenza

Comunicato n. 5/19 del 17 gennaio 2019, Sant’Antonio Abate
 
La voce della Chiesa sulla letteratura mistico-sensuale
Nota di Sodalitium: Pubblichiamo il testo integrale dell’Istruzione del Sant’Uffizio “Inter mala” del 3 maggio 1927, sulla “letteratura sensuale e mistico-sensuale”. Come dimostra lo studio di Jean-Baptiste Amadieu (https://halshs.archives-ouvertes.fr/halshs-01315561/document), la corrente letteraria mistico-sensuale in questione è quella del Decadentismo (in questo caso di lingua francese) e del più recente “ Renouveau catholique”, e gli autori presi in esame, in seguito a una denuncia fin dal 1917 dell’avvocato nizzardo Raymond Hubert (vicino al sacerdote Emmanuel Barbier e a padre Charles Maignen, del Sodalitium Pianum) sono, tra gli altri: Baudelaire, Verlaine, Rimbaud, Huysmans, Barbey d’Aurevilly, Léon Bloy e Charles Péguy tra i defunti, Psichari, Montier, Claudel, Vallery-Radot, Baumann,Bourget, Bernanos, Vaussard, Jammes, e Mauriac tra i viventi. Il testo dell’Istruzione verrà pubblicato in una eventuale nuova edizione del libro “La vergogna della tradizione”, edito dal nostro Centro Librario.

Prosegui la lettura »

Tags:

Ma mi faccia il piacere

Centro studi Giuseppe Federici – Per una nuova insorgenza
Comunicato n. 4/19 dell’11 gennaio 2019, sant’Igino

mifacciailpiacere“La Stampa” del 5/1/2019 ha denunciato una presunta “aggressione omofoba” con un articolo dal titolo: “Pestaggio omofobo da parte dei vicini di casa, la vittima ora andrà nell’appartamento per persone Lgbt in difficoltà”. E’ intervenuto l’Assessore alle famiglie (al plurale) Marco Alessandro Giusta, ex presidente dell’Arcigay di Torino, e alla coppia che avrebbe subito l’aggressione è stato assegnato un alloggio nella struttura voluta dal sindaco Chiara Appendino per “persone Lgbt in difficoltà” (cfr: http://www.centrostudifederici.org/torino-le-priorita-arcobaleno-del-m5s/ ). I condomini accusati della violenza sono insorti, definendo il protagonista delle vicenda come un ubriaco con problemi mentali  e ipotizzando che sia stato tutto un teatrino per ricevere l’assegnazione dell’appartamento.  Prosegui la lettura »

Tags:

La fedeltà alla Messa, il rifiuto del rito di Paolo VI

Centro studi Giuseppe Federici – Per una nuova insorgenza29983189_612050775838418_6162193333468762920_o copia
Comunicato n. 3/19 del 9 gennaio 2019, San Giuliano

 La fedeltà alla Messa, il rifiuto del rito di Paolo VI

Pubblichiamo le schede del calendario Sodalitium, dedicato ai cinquant’anni di resistenza alla nuova messa (1969-2019), riguardanti i coraggiosi sacerdoti che rifiutarono il nuovo rito di Paolo VI e per questo motivo furono perseguitati dai modernisti. Una bella differenza con i ratzingeriani che considerano la “messa nuova” di Paolo VI il “rito ordinario” della Chiesa e declassano la Messa Romana detta di San Pio V a “rito straordinario”, passando con disinvoltura dal tavolo di Montini agli “altari maestosi”. 

Prosegui la lettura »

Tags:

Nessun Daspo ai tiranni sauditi

398722Centro studi Giuseppe Federici – Per una nuova insorgenza
Comunicato n. 2/19 del 4 gennaio 2019, San Rigoberto

Nessun Daspo ai tiranni sauditi

La Supercoppa in Arabia è una schifezza? I nostri affari col regime saudita ancora di più

Benvenuti alla fiera dell’ipocrisia: ci indigniamo per gli ululati razzisti a Koulibaly, poi disputiamo partite nel regno della discriminazione femminile. Ci scandalizziamo perché il business prevale sui diritti, ma la nostra fame di petrodollari non finisce mai. E non comincia col pallone

Prosegui la lettura »

Tags:

I figli della ghigliottina sfrattano il presepe

Centro studi Giuseppe Federici – Per una nuova insorgenza

 I figli della ghigliottina sfrattano il presepe

6876344e-0bad-11e9-b69a-f706510b3d10_Cattura-kWw-UOTXzzxnFu7vJ1D-1280x545@LaStampa.it

Un prefetto della “république”, nata dalle ghigliottine, ha ordinato di spostare dal municipio di Béziers, in Occitania, un presepe voluto dal sindaco e considerato illegale.
Preghiamo il Bambinello anche per il funzionario compassato e tricolorato: malgrado l’avversione delle logge e delle sinagoghe, Cristo rimane il Re dei re, il Signore dei signori.
E gli asini, nei presepi come nelle prefetture, rimangono somari, alcuni simpatici altri patetici.

fonte – http://www.centrostudifederici.org/figli-della-ghigliottina-sfrattano-presepe/

Tags:

Israele festeggia il Natale coi botti…

Centro studi Giuseppe Federici – Per una nuova insorgenza5919103

Israele festeggia il Natale coi botti…

Otto anni di guerra sono tanti. A viverli sulla propria pelle un’enormità. Ed è il periodo in cui, dal febbraio 2011, la Siria fronteggia continue ondate di terroristi internazionali sponsorizzati da Arabia Saudita, Qatar, Turchia, Stati Uniti, Inghilterra, Francia e Israele. Ma siccome gli esiti non sono stati quelli previsti, cioè la distruzione della Siria con tutto ciò che ne sarebbe seguito (vedi Iraq e Libia), ecco che taluni proseguono la loro battaglia anche nel giorno simbolico per eccellenza: il 25 dicembre. Per questo lo Stato d’Israele, dove il Natale non viene celebrato come negli altri Paesi occidentali, festeggia a suo modo con dei botti anticipati sugli abitanti di Damasco. Bombe democratiche, ça va sans dire. Perché c’è bomba e bomba, e chi le confonde compie un atto discriminatorio! Così, tanto per mantenere ben calda l’atmosfera natalizia… (Paolo Sensini).

Fonte: https://www.facebook.com/photo.php?fbid=2188401418086218&set=a.1387036151556086&type=3&theater

fonte – http://www.centrostudifederici.org/israele-festeggia-il-natale-coi-botti/

 

Tags:

Centro preferenze sulla privacy

Chiudi il tuo account?

Il tuo account verrà chiuso e tutti i dati verranno eliminati in modo permanente e non potranno essere recuperati. Sei sicuro?