“Pansa era un falsario”. Su Repubblica prosegue l’oltraggio del giornalista “amico dei fascisti”

Condividi su:

Roma, 16 gen – Le opere di Giampaolo Pansa sulla guerra civile e sui crimini commessi dai partigiani sono un “falso storico“. Ragion per cui è vergognoso che in occasione della recente scomparsa del giornalista e scrittore si sia levata una “corale opera di depistaggio” mossa dall’ipocrisia e dal fatto che “dei morti niente si dica se non il bene”. Ad infangare la memoria di Pansa e a criticare la stampa e la tv per aver osato parlarne bene è Tomaso Montanari, sul blog di MicroMega ospitato sul sito di Repubblica. In un articolo dal titolo “Pansa, la sconcertante santificazione di un falsario“, lo storico dell’arte fiorentino si sente investito solennemente dalla missione di dover contraddire “la canonizzazione” del giornalista che si è spento a Roma il 12 gennaio all’età di 84 anni. Sì, perché secondo il Montanari, che da anni imperversa sui giornali e in tv nella veste di intellettuale di sinistra di tendenza, Pansa è massimamente colpevole soprattutto per aver operato una “equiparazione sostanziale fascismo-antifascismo”, essendo così “uno dei responsabili culturali della deriva che conduce allo sdoganamento dello schieramento che va da Fratelli d’Italia alla Lega di Salvini, passando per CasaPound“. Sì, l’ha scritto sul serio. In un delirio tale che sarebbe estremo anche per il più fazioso dei faziosi. Ma questo è niente.

“I libri dal 2003 in poi sono un falso storico”

“Basterebbe questo a renderne la memoria esecrabile: almeno per chi crede davvero nei valori della nostra Costituzione”, chiosa l’autore. E invece, come se non bastasse, c’è chi osa celebrarne le doti di giornalista e scrittore, un po’ come si fece per la Fallaci, “che oggi sarebbe condannata per istigazione all’odio razziale”, sostiene convinto lo storico dell’arte. Ora veniamo al ridicolo impianto accusatorio secondo il quale uno dei più grandi giornalisti italiani – osannato anche dalla sinistra finché non ha iniziato a scrivere libri revisionisti – non merita di essere ricordato, men che mai celebrato. “I libri di Pansa dal 2003 (l’anno in cui esce il Sangue dei vinti) consistono in una continua, abile, suggestiva manipolazione dei fatti che mira a costruire, nella percezione del pubblico, un sostanziale falso storico. Pansa era stato uno storico: si era laureato in storia con uno dei migliori storici della Resistenza, e aveva praticato egli stesso la ricerca storica con ottimi risultati”, sostiene il Montanari. Peccato però che abbia cessato di essere attendibile come storico non appena “decise di ribaltare il tavolo e sostenere le tesi opposte a quelle in cui aveva sempre creduto – quando, cioè, decide di costruire l’apologia di chi uccise e morì per la Repubblica di Salò“.

“Né storico né giornalista”, dice. Da che pulpito, diciamo noi

Sono testi, i suoi, che non hanno nulla a che fare con la storiografia: ma nemmeno col giornalismo“, afferma convinto. Peccato però che lo stesso Montanari non sia né uno storico né un giornalista “certificato”. Infatti è un radical chic che si presta al giornalismo senza alcuna iscrizione all’ordine professionale. Ma noi sappiamo bene che una penna non si giudica dai “pezzi di carta”, ma da come scrive. Ci fa semplicemente specie che per attaccare Pansa utilizzi strumenti che gli si potrebbero ritorcere contro. Il Montanari infatti parla di “clamorosa distorsione della verità” nei libri revisionisti di Pansa quando lui stesso mente spudoratamenteaffermando che le nefandezze narrate nel cosiddetto “ciclo dei vinti” siano tutte inventate, perché non ci sarebbero documenti storici di quei crimini. Quindi a questo punto sarebbe inventato anche tutto quello che ha scritto Giorgio Pisanò nella sua “Storia della guerra civile in Italia(opera tributata dallo stesso Pansa per la sua minuziosa documentazione storiografica). Insomma, per il Montanari chi sostiene che i partigiani siano stati anche dei criminali è nemico della Costituzione.

Le solite accuse con l’aggravante della supponenza insopportabile

L’impianto accusatorio è sempre lo stesso, lo sappiamo. Ma stavolta c’è l’aggravante della supponenza, davvero insopportabile, e della faziosità di uno che vuole spacciarsi per depositario della verità perché docente universitario, accademico, studioso, critico d’arte, maitre à penser. Invece è un partigiano, che parteggia per chi nega i crimini da parte degli appartenenti alla cosiddetta resistenza. E oggi infanga la memoria di Pansa perché “reo” di aver osato negare la verità dei vincitori.

E ci fa pure la morale…

“La triste morale è che è inutile, ipocrita, e in ultima analisi intollerabile, inondarci di retorica sull’insegnamento della storia nelle scuole e difendere sdegnati la libertà di stampa e i giornali indipendenti, se poi è la nostra idea di giornalismo (e dunque di democrazia) a esser così gracile, ipocrita, superficiale”. Tutte belle parole, per carità. Peccato che il Montanari, che non è uno storico e non è un giornalista, le usi contro chi ha commemorato la morte di Pansa, rammaricandosi peraltro che – a parte il Manifesto – nessun giornale l’abbia attaccato come fa lui. Giudice dei miei stivali.

Adolfo Spezzaferro

Da https://www.ilprimatonazionale.it/approfondimenti/pansa-falsario-repubblica-oltraggio-giornalista-amico-fascisti-142663/

Gli antifascisti brindano alla morte di Pansa

Condividi su:

I collettivi antifà brindano alla morte di Pansa. «Oggi il sole brilla alto. Ciao Giampi… no Rip»

Lo hanno contestato, insultato, sbeffeggiato in vita. E non  si fermano neppure dopo la morte. All’indomani della scomparsa di Giampaolo Pansa, i compagni del collettivo Militant festeggiano la notizia. Una liberazione degna di un brindisi per quelli che sventolano in piazza “Triangolo rosso, nessun rimorso”.

Il collettivo Militant brinda alla morte di Pansa

È l’ultimo oltraggio postumo dei nostalgici delle violenze partigiane. Degli antifà che non hanno perdonato al giornalista controcorrente e scomodo la riscrittura della storia nazionale. Il racconto dei crimini partigiani a guerra finita, che ha intaccato la gloriosa vulgata resistenziale.

«Ciao Giampi… no R.I.P». È il titolo eloquente dell’editoriale comparso sul sito del collettivo  comunista che raccoglie gli ultrà dei movimenti antagonisti romani. Lo stesso che nel 2006 contestò duramente il giornalista a Reggio Emilia. E rivendicò con orgoglio la “coraggiosa”  aggressione, che costrinse Pansa a interrompere le conferenze pubbliche.

Nell’articolo grondante odio  bravi ragazzi dei centri sociali se la prendono con i “soliti coccodrilli”. E con il ricordo “commosso” di Veltroni sulle pagine del Corriere. Un’offesa all’antifascismo militante, che con la morte di Pansa è attraversato da una certa euforia. «Oggi per i comunisti è un giorno un po’ meno di merda del solito.E forse non a caso il sole splende alto», scrivono i compagni di provata fede antifascista. Che negano con orgoglio l’onore delle armi all’avversario.

Un prezzolato, un revisionista della peggiore specie

«Giampaolo Pansa era è resta un revisionista della peggior specie. Uno che si è reso protagonista consapevole dell’attacco alla storia dei comunisti. E della lotta di classe di questo paese. E che lo ha fatto perché prezzolato, per il proprio tornaconto personale. Vendendo il suo pedigree di giornalista e storico “di sinistra” che finalmente rompeva il silenzio. Per dire “la verità”».

Il collettivo antifà si intesta il merito di aver smascherato l’autore de Il sangue dei vinti. E ricorda con enfasi trionfalista il 16 ottobre di quattordici anni fa. «Quando partimmo da Roma per contestarlo. Ee dirgli che quella storia che lui avrebbe voluto macchiare noi invece ce la rivendicavamo tutta. In ogni suo aspetto, in ogni sua contraddizione. Uno dei piccoli meriti che ci possiamo riconoscere fu proprio quello di essere riusciti a infrangere l’immagine di Pansa come “storico super partes”. Da quel giorno Pansa divenne di fatto lo “storico” della destra. E questa cosa probabilmente non ce l’ha mai perdonata. Visto che in ogni libro che ha scritto dopo “La grande bugia” non ha perso occasione per ricordare e condannare la nostra contestazione. Ciao Giampi… no R.I.P. Per quello che vale, siamo felici di essere stati la tua ossessione»

Da https://www.secoloditalia.it/2020/01/i-collettivi-antifa-brindano-alla-morte-di-pansa-oggi-il-sole-brilla-alto-ciao-giampi-no-rip/?utm_source=dlvr.it&utm_medium=facebook

Servizi segreti, Salvini licenzia i due capi di Aise e Dis

Condividi su:

Risultati immagini per Di Maio, Salvini e ConteIl ministro dell’Interno, a settembre, vuole sostituire Pansa e Manenti confermati dopo le elezioni dal governo Gentiloni

di 

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini ha deciso di licenziare due degli uomini al vertice dei servizi segreti: Alessandro Pansa, cioè il capo del Dis, il coordinamento dell’intelligence, e Alberto Manenti, che oggi guida l’Aise, il servizio estero. A giugno il governo Conte ha confermato per un secondo mandato di due anni, non rinnovabile, Mario Parente […]

CONTINUA SU:

https://www.ilfattoquotidiano.it/premium/articoli/aise-e-dis-salvini-licenzia-due-capi-dei-servizi-segreti/ Continua a leggere