Australia, assurdità nelle scuole: parole gender neutral per indicare Dio

Condividi su:

Alcune scuole a Brisbane, in Australia, hanno iniziato a utilizzare termini gender neutral per indicare Dio.

È il  quotidiano ufficiale di Brisbane, il Sunday Mail, a svelare ciò che sta succedendo in alcune scuole, per altro ritenute d’elite, tra cui la All Hallows, la Stuartholme e il Loreto College: si stanno usando parole gender neutral per indicare Dio.

In sostanza, i docenti stanno evitando parole come “padre”, “figlio” e “Signore” nelle preghiere e nell’insegnamento. L’idea è nata da una scuola femminile e si sta diffondendo a macchia d’olio.

Queste parole, in preghiere e inni, è stata sostituita con termini neutri quale “creatura onnipotente”, “essere onniscente” e molte altre simili. I portavoce di questo movimento hanno dichiarato di credere che “Dio non è né maschio né femmina, per questo è necessario usare termini di genere neutrale nelle preghiere”.

Continua a leggere

‘Festa di rom e migranti’: sette stranieri sorpresi a rubare durante la parata

Condividi su:

La notizia è stata diffusa da “Il Giornale”.

Per il presidente della Camera Fico, quella di ieri è stata un “festa della Repubblica dedicata a migranti e rom” e – in un certo senso – lo è stata. Secondo quanto riportato oggi pomeriggio dal quotidiano “Il Giornale”, sette stranieri sono stati fermati per furti e borseggi, sorpresi proprio durante la parata ai Fori Romani.

Nello specifico, si tratta di cinque donne rom, un uomo di origine peruviana e un tunisino. Gli aspiranti rapinatori, tutti di età compresa tra i 25 e i 46 anni, sono stati fermati tutti nella zona centrale della capitale: avrebbero cercato di approfittare del momento di caos per tentare una serie di colpi ai danni di turisti stranieri e persone anziane. Nel mirino portafogli, marsupi e borsette delle vittime.

Per fortuna, i furti sono stati sventati dai Carabinieri presenti sul luogo.

Fonte: https://vocecontrocorrente.it/festa-di-rom-e-migranti-sette-stranieri-sorpresi-a-rubare-durante-la-parata/

Pennsylvania, gli studenti trans possono usare qualsiasi bagno per legge

Condividi su:

L’America si divide tra i progressi sull’aborto e le affermazioni delle comunità lgtb: in Pennsylvania i trans possono usare qualsiasi bagno.

Alla Corte Suprema degli Stati Uniti, negli ultimi giorni, si è discusso su due temi: il primo è stato l’aborto, con l’affermazione del diritto a seppellire i feti abortiti,  l’altro è stato l’uso dei bagni da parte dei transgender.

Nonostante molti abbiano sottolineato che i transessuali dovrebbero usare il bagno del sesso di nascita, è stato comunque deciso di lasciare in vigore la decisione di un distretto scolastico della Pennsylvania.

Questa decisione consente agli studenti transgender di usare i bagni e gli spogliatoi che corrispondono alla loro identità di genere.

Questa legge era stata già sdoganata da Barack Obama, che aveva aperto con alcuni atti la strada ai transgender, permettendo loro di arruolarsi nell’esercito.

Quest’ultima condizione è stata annullata dal divieto militare transgender di Trump. Tuttavia, la legge riguardante ai bagni non è ancora stata ritirata e rimane attiva in tutti gli Stati Uniti.

fonte – https://vocecontrocorrente.it/pennsylvania-gli-studenti-trans-possono-usare-qualsiasi-bagno-per-legge/

Ora c’è il matrimonio “sologamico”: così una donna ha sposato se stessa

Condividi su:

La nuova frontiera delle relazioni fluide è il matrimonio “sologamico”: in Brasile un’imprenditrice ha sposato se stessa.

È successo in Brasile, ed è stata celebrata una cerimonia in piena regola: l’imprenditrice Jussara Dutra Couto 38 anni, si è sposata. Ma con lei non c’era nessuno, all’altare: stando a quanto ha affermato, questo è stato il primo matrimonio sologamico in Brasile.

La Couto ha deciso di non dividere la propria vita (di successo) con nessuno, non perché non ne avesse la possibilità ma perché, ha dichiarato a diversi giornali: “Sto scoprendo e amando me stessa. Non c’è nessuno che amo di più di me, così ho capito che ero così felice che volevo sposarmi. ”

Dopo alcune ricerche, la Couto ha scoperto che il matrimonio sologamico è già una tendenza in Australia e in alcuni paesi in Europa. Così, ha organizzato tutto: come riporta il quotidiano brasiliano BHAZ, la cerimonia è stata curata sin nel minimo dettaglio.

La festa ha seguito tutti i riti di un matrimonio normale: aveva altare, celebrante, decorazioni, buffet, gruppi musicali e  invitati. Il “sì” della Couto si è ridotto all’applicazione di un timbro sul suo avambraccio, con scritto “amo me stesso”.

Di seguito il video del “matrimonio”.

VIDEO

fonte – https://vocecontrocorrente.it/ora-ce-il-matrimonio-sologamico-cosi-una-donna-ha-sposato-se-stessa/

Bonino, sinistra e verdi bocciati: tutti a casa

Condividi su:

In Europa avanzano liberali ed ecologisti, ma in Italia…

Brutta sorpresa nelle urne italiane per il mondo radicale, laicista ed ecologista. Le elezioni europee negli altri paesi hanno visto una discreta affermazione dei partiti liberali e ambientalisti, una svolta che aveva fatto ben presagire anche gli ambienti di casa nostra. Ma non è andata così.

La Bonino, con la sua lista “+Europa Italia in comune”, resta ferma al 3,1%. Troppo pochi i voti per sperare di superare la soglia di sbarramento per entrare a Strasburgo. Sfumano così le ambizioni della storica leader radicale di essere la candidata liberale alla presidenza della Commissione Ue..

Niente da fare anche per gli ecologisti. La lista “Europa Verde” non riceve il traino degli altri partiti amici dell’ambiente che in Europa sono andati piuttosto bene. Nulla la spinta degli attivisti vicini a Greta Thunberg, solo una manciata di voti per arrivare al 2,3% (anche qui, troppo pochi per lo sbarramento).

Ma la vera mazzata è arrivata alla lista “La Sinistra”. Nato a poche settimane dal voto come federazione tra Rifondazione Comunista e Sinistra Italiana, il partito ha fatto peggio di qualsiasi altro precedente della stessa area nella storia: appena l’1,8%.

fonte – https://vocecontrocorrente.it/bonino-sinistra-e-verdi-bocciati-tutti-a-casa/

Batwoman è lgbt: la serie tv avrà una protagonista lesbica e femminista

Condividi su:

La CW ha svelato il primo trailer per la sua nuova serie Batwoman: la protagonista principale sarà lesbica e femminista.

Baci appassionati e scene d’amore tra donne. La Batwoman della serie tv che sarà presto visibile in tutto il mondo sarà dichiaratamente ed esplicitamente lesbica.

A interpretare l’eroina della DC sarà un’attrice omosessuale dichiarata, Ruby Rose. La storia seguirà non vedrà la protagonista Kate Kane, cugina di Bruce Wayne, iniziare il suo viaggio per diventare Batwoman, ma anche scoprirsi (e affermarsi) lesbica.

Nel trailer rilasciato, si vede la protagonista baciare una donna, che interpreterà la sua fidanzata ufficiale. Ma stando a quanto dichiarato dagli sceneggiatori, non sarà l’unica relazione lesbica che la protagonista avrà nel corso delle stagioni. E non mancheranno altri personaggi lgbt.

Non manca neanche il tono femminista: nel trailer, Kane chiede che l’abito di Bruce Wayne sia regolato per adattarsi a una donna, dicendo “non voglio lasciare che un uomo si prenda il merito del lavoro di una donna“.

fonte – https://vocecontrocorrente.it/batwoman-e-lgbt-la-serie-tv-avra-una-protagonista-lesbica-e-femminista/

Verso l’islamizzazione dell’Europa, un report lancia l’allarme

Condividi su:

Presentato oggi alla Camera dei deputati.

L’Europa corre il serio rischio di essere totalmente “islamizzata”. Lo sostengono i numeri relativi agli irregolari giunti nel nostro continente durante gli ultimi anni. A confermarlo è la fondazione “Fare Futuro” che insieme a Fratelli d’Italia è a lavoro per redigere il “Rapporto annuale sull’islamizzazione dell’Europa“. L’iniziativa è stata presentata stamattina alla Camera dei deputati, ma – al netto di qualche anticipazione – verrà divulgata ufficialmente il prossimo 11 settembre.

Nello specifico, i primi dati emersi fanno notare come l’80% di coloro che sono arrivati illegalmente in un paese europeo negli ultimi anni professa la religione musulmana. Ad aggravare il dato anche la maggiore tensione alla maternità delle donne islamiche, rispetto a quelle di altre confessioni.

Si considera quindi che la quota di musulmani presenti oggi in Europa è destina ad aumentare in maniera esponenziale, triplicandosi entro vent’anni. Un dato allarmante se sovrapposto a quello relativo alle vittime di atti terroristici. Nel vecchio continente, infatti, dal 2001 ad oggi, gli attentati di ogni genere hanno ucciso oltre 700 persone, di cui quasi il 90% morte per mano del fondamentalismo islamico.

fonte – https://vocecontrocorrente.it/verso-lislamizzazione-delleuropa-un-report-lancia-lallarme/

L’Alabama si oppone al matrimonio gay nel cartone animato per bambini

Condividi su:

No alla messa in onda del cartone animato con un matrimonio gay: l’Alabama si oppone e blocca l’intera stagione di Arthur.

Avevamo parlato dell’episodio del cartone animato per bambini Arthur con un matrimonio gay. L’episodio, però, non è andato in onda in Alabama. E pare che non ci andrà mai, per evitare ai piccoli il trauma di assistere a uno show del genere.

In sostanza, l’Alabama Public Television ha rifiutato di mostrare la premiere della nuova stagione, intitolato “Mr Ratburn and the Special Someone”. Proprio l’episodio che presenta il matrimonio omosessuale del maestro  di Arthur, Mr Ratburn .

L’episodio di Mr Ratburn è stato anche criticato dal gruppo One Million Moms, che ha iniziato una petizione chiedendo a PBS di “cancellare immediatamente questo contenuto controverso”.

Nel 2005, Alabama Public Television si era già battuta per questo genere di cause, impedendo la messa in onda sempre di un episodio di Arthur in cui Buster, un coniglio, ha visitato una ragazza che aveva due madri.

In quel caso la PBS e il Department of Education ritirarono i fondi per Arthur.

fonte – https://vocecontrocorrente.it/lalabama-si-oppone-al-matrimonio-gay-nel-cartone-animato-per-bambini/

Giorgetti (Lega) scuote il governo: ‘Così non si può andare avanti’

Condividi su:

Continuano le schermaglie tra i partiti della maggioranza.

“L’affiatamento tra le forze della maggioranza va ritrovato, altrimenti non si può andare avanti“. E’ il sottosegretario alla presidenza del Consiglio Giancarlo Giorgetti a tuonare in questi termini contro i dissidi della coalizione di governo. Il big leghisti (il numero due di Salvini), ha ribadito oggi le sue critiche agli alleati di governo, parlando con la stampa estera. Soltanto qualche giorno fa aveva attaccato frontalmente il premier Giuseppe Conte, accusandolo di aver perso la sua “terzietà” tra Lega e Movimento 5 stelle.

Oggi, Giorgetti ha però precisato: “La mia riflessione è che se c’è un governo del cambiamento deve farlo e non vivere di stallo, deve fare le cose. Faccio questa riflessione dopo settimane in cui il governo ha avuto problemi. Non accuso nessuno, tanto meno il premier, ma così non si può andare avanti”.

fonte – https://vocecontrocorrente.it/giorgetti-lega-scuote-il-governo-cosi-non-si-puo-andare-avanti/

Busta con un proiettile per Salvini, lui risponde: ‘Non mi fanno paura’

Condividi su:

Salvini fa davvero paura ai soloni del politicamente corretto. Ora, però, si stanno superando i limiti e si riscontra un clima troppo pesante a pochi giorni dal voto.

Le minacce al vice premier

E’ un proiettile calibro nove quello indirizzato al vice premier Matteo Salvini, spedito all’interno di una busta. La missiva è stata inviata al leader della Lega senza annullo postale, né indicazione del mittente. Dettagli questi che hanno insospettito i dipendenti del centro di smistamento postale romano, che l’hanno sequestrata.

La busta è stata sottoposta ad attenta analisi da parte degli artificieri della polizia. La notizia della minaccia spedita e mai recapitata è stata data nel pomeriggio dagli stessi organi di stampa del Viminale.

Non si è fatta arrendere la replica di Salvini: “Non mi fanno paura e non mi fermo. Più che da una politica spesso ipocrita, confido nella solidarietà di milioni di italiani perbene che si esprimeranno con il voto di domenica”.

fonte – https://vocecontrocorrente.it/busta-con-un-proiettile-per-salvini-lui-risponde-non-mi-fanno-paura/

1 2 3 4 5 6 7 10